Strumenti

Inizia al ritmo del Rock la nuova stagione teatrale del Mario Rigoni Stern di Vestone: con Casamassima, sul palco anche Bob Dylan e i Rolling Stones, ma pure Santana, Led Zeppelin, Eric Clapton, Bruce Springsteen e tanti altri personaggi la cui stella apparve nel firmamento musicale nel ventennio 60-70.

Inizia venerdì prossimo (ore 21, euro 5, studenti e insegnanti gratis) la nuova stagione teatrale del Mario Rigoni Stern di Vestone con It’s Only Rock.n.roll? con tanto di punto interrogativo rispetto al titolo originale dei Rolling Stones, perché, come spiega il suo autore, Pino Casamassima «Non è vero che quella musica eretica, dai tratti quasi primitivi a volte, sia stata solo Rock. Nel ventennio 60-70 il rock è stato anche il catalizzatore di diverse effervescenze giovanili. I testi di molte canzoni – da quelle di Dylan a quelle dei Rolling Stones passando per Lou Reed e Neil Young, ecc., hanno inciso non poco nella formazione politica di molti giovani dell’epoca». Una  narrazione, quella di Casamassima, supportata da molti filmati e fotografie. «È una serata rivolta a più generazioni» dice il direttore artistico dell’Auditorium vestonese «perché ci sono storie trasversali al tempo, come quella di Jim Morrison, morto nel 1971, ma la cui icona è seconda fra i giovani solo a quella di Che Guevara. The End è una canzone che suona nelle orecchie dei giovani da mezzo secolo. Anche dei giovani d’oggi».

 

Le fotografie si riferiscono ad una manifestazione che si era tenuta a Nozza

 

Luisa Maioli