Strumenti

28,5 milioni di euro investiti in 31 comuni per un Project Financing con lo scopo di riqualificare i circa 30mila punti luce pubblici, ma soprattutto per l’applicazione di Smart Cities integrata!

Tutto questo sarà possibile nei territori che vanno dalle porte della città, passando per il lago di Garda, fino a tutta la Valle Sabbia, grazie ad una sapiente e paziente opera di aggregazione territoriale realizzata guardando al bene del territorio con progetti di altissimo valore strategico.

Questo angolo della provincia di Brescia, si è infatti classificato al primo posto attraverso un progetto che vede “capofila la Comunità Montana della Vallesabbia, capace di fare rete e sistema con il territorio e i grandi comuni, grazie alla Regia strategica di Regione Lombardia, ed ottenere un finanziamento pubblico a fondo perduto di 7 milioni di euro per un progetto che per il resto sarà finanziato, in project, da un partner privato” afferma Giovanmaria Flocchini, Presidente CMVS.

I  comuni di Agnosine, Anfo, Barghe, Bione, Capovalle, Casto, Lavenone, Mura, Odolo, Pertica Alta, Pertica Bassa, Preseglie, Treviso Bresciano, Vallio Terme, Vestone, Gavardo, Paitone, Idro, Villanuova sul Clisi, Vobarno, Castenedolo, Mazzano, Muscoline, Nuvolento, Nuvolera, Sabbio Chiese, Salò, Roè Volciano, Rezzato, Borgosatollo e Botticino, diventeranno così ancor più informatizzati a vantaggio di servizi pubblici di sicurezza, viabilità, informazione e con evidenti vantaggi dal punto di vista dell’efficientamento illuminotecnico ed energetico, ma anche di servizio per imprese e popolazione che complessivamente totalizza quasi 140mila abitanti, tutto ciò senza l'aggiunta di un euro in più rispetto al costo attuale!

Il nuovo servizio di illuminazione pubblica prevede: l'adeguamento normativo e funzionale degli impianti, l'efficientamento energetico degli stessi e la loro riqualificazione tecnologica, la predisposizione ai servizi di Smart Cities, la gestione e la conduzione degli impianti e l'approvvigionamento dell'energia elettrica.

Più nello specifico il progetto dei lavori iniziali di riqualificazione complessiva degli impianti è di 28.509.000 di euro, di cui circa 6 milioni per interventi finalizzati all'implementazione di Smart Cities. Il progetto ha uno sviluppo che si estende su 16 anni, nel corso dei quali i comuni vedranno il miglioramento degli impianti di illuminazione esterna attraverso l'impiego di sorgenti luminose a ridotto consumo e ad elevate prestazioni illuminotecniche, oltre che la salvaguardia delle condizioni naturali nelle zone di particolare tutela dall'inquinamento luminoso sul territorio regionale nel preminente interesse della tutela della salute dei residenti. La proposta di Project Financing ed il relativo progetto di fattibilità tecnico – economica è stato messo a gara per l'individuazione del concessionario che verrà scelto sulla base di un progetto definitivo redatto dagli stessi partecipanti. Il valore complessivo della concessione del servizio per i 16 anni è di 61,5 milioni

La cosa importante è che 31 comuni non modificheranno affatto il costo sostenuto sino ad oggi per l’illuminazione pubblica pur avendo, invece, servizi innovativi ed un bouquet di opportunità molto più ampio rispetto all’attuale.