Strumenti

La Polizia di Stato ha fermato una coppia italiana di pluripregiudicati che, dopo aver rubato preziosi nei giorni scorsi in una gioielleria bresciana, hanno voluto sfidare la sorte e l’indomani riprovare un nuovo colpo.

Sono stati denunciati dalla Polizia di Stato due pluripregiudicati: si tratta di una coppia, lei originaria di Salerno, lui di Vercelli. I due avevano rubato preziosi per diverse migliaia di euro in una nota gioielleria bresciana nella mattinata di giovedì 22. Non contenti del bottino ricavato, il giorno dopo erano tornati sul luogo del delitto chiedendo di comprare altri gioielli. A questo punto, però, il titolare, che il giorno precedente si era accorto soltanto in un secondo momento di avere subito il furto, ha chiamato la Polizia che è intervenuta sul posto ed ha accompagnato i due soggetti in Questura.

I due avevano usato un vecchio trucco: l’uomo parlava con il gioielliere, chiedendogli in continuazione di mostrargli diversi modelli di catenine e braccialetti e lei, approfittando della distrazione del titolare, con agilità prendeva i gioielli e li nascondeva nella manica del cappotto. Purtroppo, la refurtiva del giorno precedente non è stata recuperata poiché i ladri se ne sono liberati immediatamente. I poliziotti della Squadra Volante hanno, però, sequestrato il denaro ricavato dalla vendita dei gioielli sottratti. Oltre alla denuncia all’Autorità Giudiziaria per furto con destrezza, nei confronti dei due il Questore di Brescia ha emesso il Foglio di Via Obbligatorio, vietando loro, così, di rientrare in città per tre anni.