Strumenti

Nei giorni scorsi il Comandante Marittimo Nord della Marina Militare, Ammiraglio di Divisione Giorgio Lazio, si è recato in visita istituzionale al 1° Nucleo Mezzi Navali

Guardia Costiera Lago di Garda.

Il Corpo delle Capitanerie di Porto/Guardia Costiera infatti, pur dipendendo

funzionalmente ed organizzativamente dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,

è un corpo specialistico inserito nella struttura organica della Marina Militare,

esercitando per la Forza Armata e in regime di concorso, funzioni di ordine militare

nelle forme previste dalla legge; in tale contesto, la giurisdizione del Comando della

Marina Militare dell’area Nord Italia si estende anche alla Regione Lombardia.

Accolto dal Direttore Marittimo del Veneto Contrammiraglio Goffredo BON e dal Capo

Nucleo Mezzi Navali Capitano di Corvetta Sandy BALLIS, l'Ammiraglio di Divisione

LAZIO ha voluto toccare con mano la complessa quanto dinamica realtà della Guardia

Costiera del Lago di Garda visitando la sede di Salò e la relativa sala operativa del

Centro di Coordinamento dei Soccorsi e portando un saluto a tutto il personale in

servizio presso il Nucleo Mezzi Navali.

Nell'occasione è stato ribadito il legame ed il rapporto di massima collaborazione tra il

Corpo delle capitanerie di Porto/Guardia Costiera e la Marina Militare, Forza Armata di

appartenenza; l'Ammiraglio ha voluto altresì evidenziare il ruolo primario che la

Guardia Costiera ha, in particolare nel contesto lacuale, nel garantire i primari interessi

della sicurezza della navigazione e della salvaguardia della vita e dell’incolumità di

naviganti e bagnanti nel più ampio panorama della tutela della legalità e della

sicurezza.

L’Ammiraglio LAZIO ha avuto modo di portare un saluto anche alla Comunità del

Garda incontrando, nella sede di Villa Mirabella al Vittoriale, il Segretario Generale

Dott. Pierlucio CERESA il quale ha evidenziato lo stretto legame che intercorre tra la

Guardia Costiera e l’Ente interregionale per la promozione e l’assicurazione di un

sistema integrato di sicurezza d’area che caratterizza tutto il contesto del maggior

Lago italiano.