Strumenti

Nelle notti di questo fine settimana la Polizia Stradale ha condotto un servizio straordinario per prevenire il fenomeno degli incidenti legati all’abuso di alcol e droghe.

La Polizia Stradale sta sperimentando nuovi modelli organizzativi per il controllo di utenti della rete autostradale nelle ore notturne, a ridosso del fine settimana, con l’obiettivo di verificare i documenti e, soprattutto, le condizioni psico-fisiche dei conducenti.

Nell’ambito delle iniziative tendenti ad individuare nuove strategie per limitare il grave fenomeno degli incidenti stradali - anche con conseguenze mortali - determinati da abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, nonché dalla contestuale violazione delle norme che regolano la velocità, che vedono coinvolti quasi esclusivamente giovani frequentatori di discoteche e altri locali pubblici, il Ministero dell’Interno ha disposto l’effettuazione di un servizio straordinario ad Alto Impatto denominato “No binge drinkers on highway”.

L’operazione, che ha coinvolto tutto il territorio nazionale, è stata attivata, per quanto riguarda la provincia di Brescia, in località Desenzano del Garda dalla mezzanotte alle 06:00 di sabato 9 giugno.

Sono state impiegate nel servizio 5 pattuglie con etilometro e drug-test, una pattuglia composta da personale medico della Polizia di Stato preposto all’effettuazione di accertamenti clinici sui conducenti che si sospettava potessero aver fatto uso di sostanze stupefacenti e una pattuglia del Commissariato Polizia di Stato di Desenzano.

Risultano controllati 170 veicoli e 203 persone, di cui 14 guidavano in stato di ebbrezza alcolica mentre 3 erano sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Sono state ritirate 14 patenti, 3 carte di circolazione e sequestrati 3 veicoli. I punti decurtati sono stati in totale 195.

Ancora una volta le donne si rivelano più virtuose degli uomini. Tra i sanzionati, 11 sono uomini (di cui ben 8 sotto i 32 anni di età) e solo 3 le donne (tutte sotto i 32 anni). Un conducente ha superato il tasso alcolico di 1,50 g/l che comporta la sospensione della patente di guida da uno a due anni, mentre 3 conducenti sono risultati positivi sia all’alcol che alla droga.