Strumenti

Collisione tra due imbarcazioni sul Garda. Provvidenziale l’intervento della Guardia costiera. Il comunicato stampa.

Provvidenziale intervento della Guardia Costiera del Garda che dalle 18.00 circa di ieri sino a tarda serata è stata impegnata in una delicata operazione di assistenza in lago.

L’allarme è stato lanciato quando, a circa 300 mt. dalla costa, nello specchio acqueo antistante le Grotte di Catullo (Sirmione sul Garda), una collisione si è verificata tra due barche, una imbarcazione da diporto a motore di circa 11,5 mt, impegnata in attività da diporto ed un natante anch’esso a motore, ma di piccole dimensioni, impegnato in attività di pesca ricreativa. La sorte peggiore è stata per quest’ultimo, inizialmente soccorso dall'altra imbarcazione coinvolta e ciò prima dell'intervento della Guardia Costiera, che è affondato in pochi minuti.

La Sala Operativa di stanza a Salò infatti, considerata la gravità dell’emergenza, dopo aver immediatamente inviato i militari con la motovedetta CP 862, ha inoltre coordinato le operazioni di soccorso con l’impiego delle altre forze presenti tra cui, l’idro-ambulanza CR26 della C.R.I., il battello Victor 4 dei VV.FF. di Brescia ed infine del gommone PS1250 della Squadra Nautica della Polizia di Stato di Peschiera sul Garda.

I tre gli occupanti dell’imbarcazione, tutti di nazionalità belga, versano in buono stato di salute, mentre purtroppo il Sig. T.C. (di anni 55 e proveniente da Goito - MN), uno dei tre pescatori amatoriali italiani a bordo del natante, seriamente infortunato è stato trasportato dall’ambulanza del 118 presso l’Istituto Ospedaliero Poliambulanza di Brescia, dove, a causa di una riportata lesione polmonare e di alcune costole fratturate, risulta ancora sotto seria osservazione medica.

Su quanto accaduto, indaga il personale della Guardia Costiera del Garda che dovrà accertare le dinamiche dell'evento ed il rispetto o meno della speciale normativa di settore" COLREG 72 - Regolamento Internazionale per prevenire gli abbordi in mare".

Stante il prevedibile aumento delle attività diportistiche in lago, la Guardia Costiera raccomanda sempre la massima prudenza ed il puntuale rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza della navigazione e della balneazione.