Strumenti

Ancora un’operazione mirata al contenimento del fenomeno del bracconaggio di avifauna messa in atto dagli agenti della Provinciale del Distaccamento di Vestone presso le pendici del monte Forametto in alta Val di Collio di Vobarno.

Gli agenti hanno individuato un capanno nel quale tre lumezzanesi avevano steso una rete da uccellagione oltre ad aver abbattuto 26 esemplari di peppole e fringuelli. Dal sopralluogo è emerso che i tre – un cacciatore, il figlio ed un uomo già plurirecidivo per gli stessi reati commessi – facevano uso di un fonofil e detenevano illegalmente 26 richiami vivi: peppole, fringuelli, frosoni, lucherini ed un raro esemplare di organetto.

«Mentre i richiami vivi sono stati immediatamente liberati – spiega il commissario Claudio Porretti della Polizia Provinciale – gli uccellini abbattuti, un fucile calibro 20 e i 12 metri di rete sono stati posti sotto sequestro. I tre valgobbini di 68, 57 e 30 anni dovranno ora rispondere in concorso tra loro della cattura di avifauna protetta, detenzione di specie protette e particolarmente protette, utilizzo di mezzi elettromagnetici vietati, furto ed uccellagione».