Strumenti

Dopo il congresso tenutosi in città nei giorni scorsi, il cinquantaduenne avvocato bresciano è stato eletto per acclamazione e ha già convocato un'assemblea programmatica per il prossimo autunno. 

La federazione provinciale bresciana del PSI si appresta a una nuova stagione affidandosi alla guida di Lorenzo Cinquepalmi, che già nel volgere di poche ore è riuscito nell'incredibile impresa di moltiplicare il numero dei tesserati: a fine congresso erano oltre cento in più che all'inizio, tutti a sostenere con entusiasmo le future scelte e gli intenti del neosegretario.

Davanti a un’assemblea attenta e partecipe sono intervenuti Luigi Lacquaniti, deputato PD; Giampiero Bressanelli, consigliere provinciale in rappresentanza del presidente Mottinelli; Roberta Morelli, assessore alla scuola del Comune di Brescia; Michele Orlando, segretario provinciale PD; Enzo Torri, segretario provinciale della CISL bresciana; Vito De Rose, segretario regionale UIL Poste.

Presieduti dal segretario regionale del PSI Santo Consonni, i lavori congressuali hanno inoltre ridisegnato la composizione del direttivo provinciale, di cui ora fanno parte Alfredo Cosentini, Marco Rota, Francesco Temporin, Francesco Santoro, Flaviano Amidani, Federico Armanini, Giuseppe Taetti, Guglielmo Tosadori, Laura Chiarelli, Giovanni Lai, Fausto Palini, Roberto Bianchi, Eleonora Miserendino e Luciano Corda. Massimo Cotimbo, invece, sarà il futuro tesoriere.

Da sempre impegnato in tematiche relative al buon governo e alla trasparenza negli atti amministrativi, Cinquepalmi pone fine a otto mesi di commissariamento e, sostenuto dall'intera direzione, intende far sentire la presenza del partito in modo sempre più significativo nel panorama politico bresciano.

Giovanna Gamba