Strumenti

Venerdì 21 ottobre a Gardone Riviera il Vittoriale degli Italiani ospita una giornata dedicata a natura, paesaggio e arte. L’evento avrà inizio alle 10:30 con il convegno “Vasi comunicanti”, per poi proseguire con numerosi appuntamenti nel corso della giornata.

Il Vittoriale degli Italiani ospita venerdì 21 ottobre “GardaMusei in festa” ad un anno dalla nascita di questa associazione, fondata per promuovere, coordinare, consolidare e comunicare le meraviglie di un territorio, quello del Garda, ricco di peculiarità ed espressioni culturali, artistiche e turistiche di grande valore. «GardaMusei è cresciuta molto rapidamente per qualità e quantità degli associati – sostiene il direttore generale Giordano Bruno Guerri – e il 2017 sarà l’anno della sua piena messa a regime, con una collaborazione virtuosa pubblico-privato e un’integrazione dei sistemi turistici e culturali».

Dà il via alla giornata – alle 10:30 presso l’Auditorium – il convegno “Vasi comunicanti” che, nell’ambito della terza edizione di “d’Annunzio e i Giardini di Pan”, analizza il ruolo “dinamico” del paesaggio nella vita dell’uomo, raccogliendo diverse esperienze maturate dal rapporto in evoluzione tra uomo e ambiente. Tutto questo accade in una sede, il Parco del Vittoriale, che proprio quest’anno è diventata un’area verde naturale, priva del trattamento chimico dei pesticidi (Vittoriale Naturalmente) e può essere paragonata a un sistema di vasi comunicanti: d’Annunzio stesso considerava la natura come entità viva e movimento continuo, con la quale l’uomo si fonde e stabilisce un contatto intenso, sino a immergersi nel suo ritmo vitale.

Alle 13:30 l’apertura di “Shin-On”, mostra dell’artista giapponese Shuhei Matsuyama. Partendo da un’intuizione filosofica, Matsuyama dipinge lo Shin-on, ovvero il suono delle cose, quella musica che le origina e le esprime. I suoi lavori saranno esposti nel ventre della Nave Puglia, per la prima volta accessibile al pubblico. 

Infine Martino Zanetti – il grande industriale del caffè Hausbrandt Trieste 1892, artista e collezionista che ha donato al Vittoriale la più vasta collezione di inediti mai realizzata su d’Annunzio – inaugura la personale “Martino Zanetti e i suoi colori” a Villa Mirabella, alle 17:00. L’approccio all’arte di Martino Zanetti, scaturita dalla sua personalità creativa e dall’amore per la cultura e i libri trasmessagli dal padre, viene espresso in una mostra di grande impatto scenico: colori che diventano sensazioni, giochi materici di intrusioni sulla tela, emozioni cromatiche sgargianti che sprigionano forza, felicità del colore.