Strumenti

L’Associazione Museo della Melara presenta la nascita di una nuova collana editoriale rivolta alla cultura d’impresa dal titolo Quaderni dell’Associazione Museo della Melara.

Il primo volume Piccolo e grande allarme. I rifugi antiaerei della Breda Meccanica Bresciana è dedicato al restauro del rifugio antiaereo della Breda Meccanica Bresciana situato all’interno dello stabilimento Leonardo di Brescia, costruito nell’ambito del progetto di Protezione Antiaerea dell’azienda e oggi visitabile dopo oltre 70 anni presso lo stabilimento.

L’evento è inserito nell’ambito della XVI Settimana della cultura d’impresa "I linguaggi della crescita: impresa, cultura, territorio" che si terrà a livello nazionale dal 10 al 24 novembre 2017, organizzata da Museimpresa di cui Leonardo è associato.

L’evento si terrà il giorno martedì 21 novembre 2017 presso lo stabilimento Leonardo in via Lunga, 2 a Brescia alle ore 17.00 e prevede gli interventi di:

Gianpiero Lorandi, Presidente Associazione Museo della Melara e Capo Divisione Leonardo Sistemi di Difesa

Giancarlo Gonizzi, Vice Presidente Museimpresa

Maurizio Savoja, Soprintendente Archivisitico e Bibliografico per la Lombardia

Alessandra Vesco, Archivista e Curatrice del volume

Andrea Thum, Ricercatore Associazione Astec

A moderare l’incontro Marco Lanzini, Direttore Archivio di Stato di Brescia

Un appuntamento che dà anche l’opportunità di visitare la mostra fotografica permanente La nostra storia. Le origini della Breda Meccanica Bresciana dalla fondazione alla ricostruzione 1924-1955, allestita all’interno dell’ex spogliatoio aziendale e il suggestivo bunker antiaereo, recentemente restaurato.

ASSOCIAZIONE MUSEO DELLA MELARA

L’Associazione Museo della Melara è un’istituzione senza scopo di lucro che dal 2001 persegue esclusivamente finalità culturali e sociali nel campo della promozione e valorizzazione della memoria storica della ex OTO Melara ora Leonardo.

Le sue attività riguardano principalmente il recupero, la tutela e la conservazione del patrimonio storico-culturale aziendale rappresentato dai fondi archivistici e dai prodotti di archeologia industriale delle sedi Leonardo di La Spezia e Brescia.

Promuove attività di studio, ricerca, formazione e divulgazione nelle aree tematiche della business history, della storia della difesa, della storia sociale e della cultura d'impresa. Tutte le aree di attività prendono avvio dall'obiettivo di valorizzare, in una prospettiva non solo storica, nuclei di patrimonio documentario conservati presso l'Archivio Storico, gestito e coordinato dall’Associazione.

Nella prospettiva di valorizzazione della cultura aziendale, l’Associazione Museo della Melara si prefigge di:

  • diffondere lo studio e la ricerca sui temi della storia e della cultura dell’impresa;
  • recuperare il patrimonio storico-culturale riguardante documenti, pubblicazioni, manufatti, macchinari ed utensili industriali, archivi, immobili e quant’altro possa essere considerato testimonianza dell’evoluzione tecnologico-organizzativa, della cultura dell’impresa e delle sue relazioni con il territorio circostante e con la società;
  • promuovere lo sviluppo dei rapporti con il territorio attraverso l’organizzazione di eventi accademici, culturali e celebrativi volti a tracciare il contributo dell’azienda nell’evoluzione dell’industria ad alto contenuto tecnologico.

In ambito territoriale ligure l’Associazione Museo della Melara ha siglato un Accordo di Programma Quadro con il Comune della Spezia, la Fondazione Fincantieri e la Marina Militare, finalizzato a sostenere la conoscenza, la conservazione, la fruizione, la valorizzazione e la promozione degli archivi tecnici, amministrativi e fotografici conservati presso gli Enti, al fine di dar vita ad un polo di interesse nazionale che valorizzi i materiali conservati. Nel bresciano l’Associazione collabora con varie realtà locali tra cui si ricordano: MUSIL Museo dell’Industria e del lavoro di Brescia, Associazione Museo XX Secolo, Associazione Vivere la Storia, Bunker and More, Associazione Cenni Storici e Moto Club Flero.