Strumenti

Sabato 8 settembre inizierà la terza edizione del ciclo “Insoliti incontri. Contaminazioni d’arte lungo il fiume Chiese”, che vivacizzerà la vita culturale della Valle Sabbia nei prossimi mesi.

Mercoledì 5 settembre è stata presentata la terza edizione del progetto “Insoliti incontri”, nato nel 2016 dalla collaborazione tra il Sistema Museale della Valle Sabbia e la Collezione Paolo VI – museo di arte contemporanea di Concesio – che prenderà il via sabato 8 settembre e farà “incontrare” alcuni luoghi significativi della Valle Sabbia con l’arte contemporanea.
La sinergia con i Comuni della Valle è parte fondamentale del progetto: «L’obbiettivo è portare l’arte fuori dal museo per avvicinarla alla gente e per valorizzare luoghi simboli della Valle Sabbia come i santuari, i musei e le biblioteche» ha detto Claudio Ferremi, assessore alla cultura per Comunità Montana Valle Sabbia, ente che sostiene il progetto.
I Comuni che quest’anno ospiteranno le tre tappe del progetto sono Pertica Bassa, nel suo santuario di Ono degno, Vestone presso la biblioteca, e Gavardo nel museo archeologico della Valle Sabbia. Michela Valotti, coordinatrice del Sistema Museale della Valle Sabbia, ha spiegato come le caratteristiche peculiari di questi luoghi abbiano ispirato per coerenza tematica la scelta delle opere d’arte:

·         presso il santuario della Madonna del Pianto di Ono Degno l’esposizione è duplice: l’immagine “Annuncio” di V. Vago che completa iconograficamente la rappresentazione della Vergine nel santuario, e “Pulses” di A. Gandini dedicata al tema delle lacrime. La mostra darà inaugurata sabato 8 settembre per concludersi domenica 23 settembre.

·         il Museo archeologico di Gavardo ospiterà, dall’11 al 25 novembre, l’opera “Testimonianze storiche” di R. Pulcinelli, artista che lavora sui concetti di trama, stratificazioni, testimonianze, tanto cari a chi si occupa di stori a archeologia;

·         la Biblioteca di Vestone infine – dal 9 dicembre al 6 gennaio – darà spazio all’ “Autoritratto” di F. Pirandello, terzogenito del famoso scrittore, opera che stimolerà le riflessioni letterarie sulla narrazione autobiografica.

Insoliti incontri non è solo un’esposizione di opere, bensì un insieme di eventi che arricchiscono l’offerta culturale declinandola a tutte le fasce di età. Si potrà assistere a conferenze e visite guidate, partecipare a laboratori creativi, ascoltare il gruppo vocale “In Cordae Musicae”, assistere a uno spettacolo teatrale.
A Vestone sarà anche allestita una mostra collaterale organizzata dall’associazione culturale via Glisenti 43: “Figure del Novecento”, opere dalla collezione Paolo VI di Concesio.

Un progetto sinergico quindi, «un progetto in cui vincono tutti – sottolinea Paolo Sacchini, direttore della Collezione di Paolo VI - : il museo montiano, che in questo modo può far conoscere il proprio patrimonio artistico che eccede le opere esposte nel percorso permanente, i Comuni che ospitano le esposizioni che possono guadagnare visibilità per i propri centri di importanza artistica e culturale, e i cittadini che possono godere dell’opportunità di un’educazione all’arte fuori dall’ordinario». E l’augurio è che proprio i cittadini, che gli anni scorsi hanno risposto numerosi a queste esposizioni, possano partecipare con lo stesso interesse.

Alice Foglio

Scarica la locandina per i dettagli