Strumenti

In occasione del Giorno della Memoria, domenica 27 gennaio, dalle 14 alle 15, l’artista tedesco Gunter Demnig poserà tre “pietre d’inciampo” in via don Giacomo Vender 59, in via Corsica 88 e in via XX Settembre 22 in ricordo di Gustavo Morelli, Oreste Ghidelli e Giulio Angeli, bresciani deportati e assassinati a Dachau e Flossenbürg. Oltre all’artista, sarà presente anche il sindaco Emilio Del Bono.

Le pietre d’inciampo, ideate proprio da Demnig a metà degli anni Novanta, sono blocchi ricoperti da una targa d’ottone che ricorda ognuna un deportato dal nazismo, davanti alla casa in cui fu catturato e condotto nei campi di concentramento. L’ “inciampo”, in senso figurato, è l’emozione di chi si imbatte nella pietra e si ferma a riflettere sul suo significato.

Alle 15.30 in corso Mameli (angolo Pallata) il Gruppo danze popolari Ritminfolk e la Brescia Klezmer Orchestra proporranno “Inciampa, ricorda, balla”, percorso a tappe con musica Klezmer e danze popolari.

Alle 17 partirà da Borgo Trento la fiaccolata che terminerà con la commemorazione al monumento degli ex internati in Piazza Militari Bresciani Caduti nei Lager. Oltre al sindaco Emilio Del Bono e alle autorità, interverranno Chiara Monchieri e Pietro Pedrini.

In occasione della fiaccolata la viabilità subirà alcune modifiche. Dalle 17 del 27 gennaio, fino a cessata esigenza, saranno chiuse al traffico via Trento, via Fabio Filzi, via Zadei, via Altipiano D’Asiago, via Antonio Cantore, via Vittorio Veneto, piazza Militari Bresciani Caduti nei Lager e i relativi incroci.