Strumenti

Informare, formare, aiutare nel pratico: con queste principali finalità parte la seconda edizione del “giovedINFORMA”, la scuola di assistenza famigliare organizzata dalla Fondazione La Memoria di Gavardo, in collaborazione con il Consorzio Laghi, le Cooperative Esedra e Vela, patrocinata dalla Comunità Montana di Valle Sabbia, dal Comune di Gavardo e rivolta agli operatori, agli stakeholder e a tutta la popolazione in genere.

“La scorsa edizione avevamo affrontato varie tematiche legate in particolare all’anziano e al suo ricovero in struttura, in questa seconda edizione continueremo sul tema delle fragilità della vecchiaia, ma non solo, abbiamo voluto infatti dare un taglio molto più ampio, pensando alle tante persone anche giovani, che per diversi motivi vengono assistite a domicilio.  E’ ormai ben noto come il bisogno assistenziale sia in crescita esponenziale e la capacità ricettiva delle strutture argina con fatica tale bisogno e per questo crediamo sia fondamentale il potenziamento di servizi mirati a domicilio e di conseguenza la crescita culturale degli stakeholder e più in generale del territorio: informare per creare consapevolezza e conoscenza sul tema, così da non farsi cogliere impreparati in caso di necessità, aggravando situazioni già di per sé difficili da gestire”.

Si inizia eccezionalmente di venerdì, il 26 ottobre alle 20.30 con il Dott. Gianpaolo Conter geriatra con pluriennale esperienza presso le RSA bresciane, ed esponente dell’ordine dei medici cattolici, che introdurrà la serie di incontri con “la vecchiaia ci interroga…. Invecchiare con successo”, una visione quasi antropologica del tema dell’anzianità.

Giovedì 8 novembre il Dott. Giuseppe Baietta, formatore nazionale e coordinatore dei servizi territoriali per l’ASST di Lodi entrerà nel merito della domiciliarità con l’incontro “i servizi di assistenza domiciliare integrata: dalle responsabilità alla alleanza terapeutica. Riflessione su valori, comunicazione e salute” con particolare riferimento al rapporto tra le varie figure coinvolte.

giovedì 29 novembre grazie alle Dott.sse Sara Avanzini Psicologa esperta in Neuropsicologia e Psicogeriatria e Federica Podda Psicologa esperta in Neuropsicologia, si tornerà a parlare più specificatamente di anziano con la serata dal titolo “Dov’è mio figlio? Voglio andare a casa!” consigli pratici per la gestione dei disturbi del comportamento nelle persone affette da demenza.

Giovedì 6 dicembre si chiuderà la serie d’incontri con la Dott.ssa Simona Ferretti Logopedista con “difficoltà di deglutizione e di linguaggio nel paziente con disturbi neurologici. Approccio al caregiver”, per toccare due aspetti di fondamentale importanza durante la malattia: quello alimentare e quello comunicativo con il paziente.

“la campagna informativa non si fermerà a questo ciclo di incontri: per storia, mandato e tradizione i nostri enti hanno un ruolo primario nella relazione e nella crescita del territorio, crediamo sia doveroso lavorare in tal senso e anche per questo stiamo già pensando ad un prossimo ciclo previsto per la primavera 2019 e nel contempo siamo impegnati ogni giorno a potenziare i servizi erogati a vario titolo, anche in collaborazione con altre realtà, dalla Fondazione, quali l’Assistenza Domiciliare Integrata, il Servizio Assistenza Domiciliare del comune di Gavardo, il servizio Misura 4, il caffè Alzheimer e i pasti a domicilio. Ricordiamo che grazie all’introduzione della figura di un assistente sociale è possibile ricevere in Fondazione un servizio di counselling ed essere indirizzati al meglio per usufruire di aiuto e servizi”.

“Per quanti non potranno essere presenti val la pena ricordare che gli incontri saranno trasmessi in diretta facebook dalla pagina della Fondazione, che vi invitiamo a seguire, ma preferiremmo incontrarvi di persona offrendovi alla fine degli incontri un piccolo brindisi con la possibilità di interagire con i relatori”.