Strumenti

Dodicesima edizione del giro del Monte Zovo da record, con 296 iscritti nonostante le condizioni meteo sfavorevoli. Classifiche e bilanci.

 

Alessandro Rambaldini e Monica Seraghiti giungono a braccia alzate al traguardo del Giro del Monte Zovo 2016. Il Valsabbino dell’Atletica Valle Bergamaschi, fresco di convocazione con la Nazionale Italiana di Corsa in Montagna per il Campionato del Mondo del 18 giugno in Slovenia, e la portacolori della Free Zone, sono i vincitori della dodicesima edizione del Giro del Monte Zovo, terza prova del Grand Prix Valle Sabbia e Alto Garda di corsa in Montagna.

Ha vinto per la settima volta in terra “Perticarola” il favorito della vigilia, quell’Alessandro Rambaldini attuale indiscusso numero uno bresciano della corsa in montagna. Il podista di Lavenone ha coperto i 18 chilometri del percorso sterrato in 1h17’29’’, precedendo un agguerrito duo del Gp Pellegrinelli. Marco Zanoni ha chiuso al secondo posto in 1h17’41’’, staccato di pochi secondi e vicino per tutta la gara al “Rambo”: anche lui è convocato dalla Nazionale di Corsa in Montagna. Sul terzo gradino del podio è salito Davide Danesi, a quasi cinque minuti dal vincitore (1h22’10’’).

Netta è stata quindi la differenza tra i primi due (distanziati di 12 secondi) e il resto della compagnia. Al quarto posto si è classificato Alessandro Noris (Alta Valseriana, 1h22’43’’), mentre quinto è giunto Alessio Zorzi (ex portacolori dell’atletica Pertica Bassa ed ora in forza al Valchiese, 1h24’49’’). Nono posto invece per il primo atleta di casa, Silvio Gobbini dell’Atletica Pertica Bassa (1h28’02’’).

In campo femminile si è affermata Monica Seraghiti (1h37’52’’), che ha preceduto di 45 secondi Susanna Serafini (Azzurra Garbagnate) e di 1 minuto e 2 secondi l'atleta rumena del G.S. Gabbi, Nanu Ana, da qualche anno impegnata nelle corse in montagna per "divertimento" e prima atleta professionista su pista con Campionati Mondiali ed Europei alle spalle. Appena fuori del podio la cubana della Libertas Valsabbia Anisleidy Cordero Garcia (1h42’40’’). Quinta Laura Bonora della Free Zone (1h43’46’’).

A livello organizzativo, impeccabile il c.o. della Polisportiva Pertica Bassa, coordinato per l’evento dall’instancabile Ilario Giacomini che ha saputo gestire al meglio ogni aspetto, nonostante i continui acquazzoni che hanno accompagnato la giornata.

Da parte della Polisportiva Pertica Bassa, che ha dato ancora una volta dimostrazione di grande capacità organizzativa, un grazie ai tanti volontari impegnati per l’ottima riuscita dell’evento, oltre ai Volontari Valsabbini dell’Ambulanza, l’Associazione Carabinieri in congedo. Grazie agli sponsor, all’amministrazione comunale ed in particolare a tutti gli atleti e accompagnatori che hanno scelto ancora una volta l’incantevole territorio di Pertica Bassa e il suo Giro del Monte Zovo.

In segno di ringraziamento, la Polisportiva Pertica Bassa ha deciso di omaggiare tutti gli atleti che hanno partecipato con la fotografia ricordo delle loro fatiche, scaricabile GRATUITAMENTE dal sito del fotografo ufficiale del Giro del Monte Zovo 2016, David Pasotti, da questo link http://www.pasottidavidfotografia.com/lang/it/negozio-online/12-deg-giro-del-monte-zovo-levrange 

Ora gli sforzi del c.o. della Polisportiva Pertica Bassa saranno tutti indirizzati sulla decima edizione della Sunset Bike, prima Granfondo in Mountain Bike delle Pertiche, in programma a Pertica Bassa frazione Forno d'Ono domenica 19 giugno 2016, mentre il Grand Prix di corsa in montagna proseguirà domenica 12 giugno con una nuova tappa, la Pompegnino Vertical Trail.