Strumenti

Il prossimo lunedì 25 marzo alle 20.30, in sala Celesti al primo piano del palazzo comunale, il Comune di Lonato del Garda organizza un incontro pubblico per promuovere la salute attraverso il movimento. L’iniziativa fa parte del progetto “Salute in comune” di ATS Brescia, a cui Lonato aderisce.

Il tema interessa tutti i cittadini. La salute è una delle sfide centrali del nostro tempo: una buona salute è una risorsa fondamentale non solo per lo sviluppo personale, ma anche per quello sociale ed economico e rappresenta una dimensione importante della qualità della vita. Esiste una molteplicità di fattori che può sia favorire sia danneggiare la salute dei cittadini: oltre ai fattori biologici e comportamentali, vi sono quelli politici, economici, sociali, culturali e ambientali.

Affrontare, quindi, il tema della salute in tutti i suoi aspetti non significa parlare esclusivamente di sanità, ma anche di altri aspetti che possono influenzare o condizionare il benessere dei cittadini.

«Il Comune di Lonato del Garda – spiega il sindaco Roberto Tardani, anche presidente della Conferenza dei sindaci –, in collaborazione con l’ATS di Brescia, intende promuovere un processo volto a costruire una strategia condivisa per la promozione della salute e del benessere dei cittadini. La prima iniziativa concreta è il Gruppo di cammino lonatese che partirà il 2 aprile, per iniziativa dell’assessore allo Sport Roberto Vanaria. L’esperienza di camminare in compagnia si ripeterà ogni martedì fino al 29 ottobre dalle 18 alle 19, con ritrovo davanti alla scuola media Tarello».

Lunedì 25 marzo apriranno l’incontro il sindaco lonatese, medico di Medicina generale dr. Roberto Tardani e l’assessore allo Sport e al Tempo libero Roberto Vanaria. Poi il dr. Domenico Pecora, della Poliambulanza di Brescia, parlerà di “Stili di vita e prevenzione cardio-vascolare”. La dr.ssa Rosanna Bampi, medico nutrizionista, svilupperà il tema delle “modificazioni dello stile di vita per la prevenzione e cura di malattie croniche”. Chiuderà la serata la testimonianza dell’assistente sanitaria Clementina Feremi, operatore di promozione della salute dell’ATS Brescia. L’ingresso è libero e aperto a tutti.