Strumenti

Poker di vittorie per la Clusanina che ingrana “la quinta” nella tappa di sabato a Bardolino sulla sponda veronese, mettendo letteralmente le mani sulla Bandiera del Lago di questa 51^ edizione del Palio remiero delle bisse. Cinque vittorie in altrettante gare è lo splendido filotto inanellato da Cesare e Francesco Bosio con Raffaele e Giuseppe Barbieri, l’equipaggio iseano capace di volta in volta di mettere la prua davanti all’avversario di turno.

L’ennesima cavalcata vincente matura nell’occasione nell’ultimo giro di boa con il miglior tempo di giornata, 6’20“30 dopo precedenti passaggi caratterizzati dall’equilibrio generale; la piazza d’onore premia questa volta i sirmionesi di Grifone giunti al traguardo distanziati di quasi 5 secondi con il tempo di 6’25”02. Poi nell’ordine Peschiera, 6’25”79, Villanella di Gargnano con 6’28”07 e Gardonese con 6’29”07. Clusanina guida ovviamente la classifica generale a punteggio pieno con 150 punti. In un podio provvisorio che vede al secondo posto con 141 punti Peschiera e al terzo con 139 Villanella di Gargnano.

Stessa musica anche in campo femminile con l’equipaggio di casa Preonda che centra il tris in altrettante gare con il tempo di 7’55”31 regolando le vogatrici di Regina Adelaide (Garda), 8’22”71, Torricella di Cassone con 8’24”51 e Sirenetta di Gardone Riviera con 8’26”95.

 

Da segnalare nella serata di Bardolino il problematico posizionamento delle boe sul campo di gara nello specchio d’acqua antistante il lungolago Preite che ha ritardato non poco lo svolgimento delle cinque batterie in programma. Nonostante il ritardo accumulato gli spettatori hanno atteso, anche se con qualche lamentela, la partenza delle imbarcazioni con i loro beniamini. Lo spettacolo delle regate non ha nemmeno questa volta deluso gli spettatori gardesani e turisti soprattutto per l’agonismo e la bellezza delle regate e la sempre maggiore incertezza in alcune batterie.

 

Nel gruppo “D” delle promesse, bella vittoria per la bissa Sant’Angela Merici di Desenzano che ha nettamente sopravanzato con il tempo finale di 7’00”26 Paloma di Garda, 7’04”24, Carmagnola di Clusane, 7’06”57 e Betty di Cassone con 7’30”01.

 

Nel gruppo “C” Paratico fa come sempre la voce grossa regolando in 6’42”34 gli emergenti ragazzi di Gioia di Gargnano giunti secondi in 6’49”34, Nensi di Cassone, 6’50”20, Montisola, 6’55”80 e Iole sempre di Paratico con 7’05”04.

 

Nel gruppo “B” Arilica di Peschiera con il tempo di 6’29”46 liquida con un ottimo spunto finale l’altro equipaggio veronese di Garda giunto al traguardo in 6’31”09. Terzo posto in ripresa con 6’39”90 per i campioni uscenti di Berengario, protagonisti fino ad ora di una anonima prima parte di stagione, poi San Vili di Garda in 6’46”06 e Sebina a chiudere la batteria in 7’03”54. Per loro qualche difficoltà dopo lo sbarco del primo remo Cesare Bosio (trasferito su Clusanina in sostituzione dell’infortunato Stefano Bracchi) e di Simone Archetti.

 

 

Si torna in acqua sabato sera al “Maracanà” di Gargnano, uno dei Comuni fondatori nel 1967 della Lega Bisse del Garda, con Lazise, Garda e Bardolino, per la sesta regata del Palio delle bisse “Bandiera del lago 2018” con il seguente programma:

 

ore 17:00 Aperitivo musicale;

ore 17:30 Arrivo imbarcazioni;

ore 18:00 Consiglio di regata;

​ore 19:00 Apertura stand gastronomici;
ore 19:30 Partenza sfilata a terra;
ore 20:00 Barche in acqua;

ore 20:15 Sfilata in acqua;

ore 20:45 Inizio gare 

ore 22:30 premiazioni.

A seguire Mirco Esse Dj 80 show e “le 2 di picche”