Strumenti

Nei giorni scorsi si è tenuta la nona edizione della “D’Annunzio Bike”, suggestiva gran fondo di mountain Bike sulle rive del lago di Garda, con un circuito di 38 km ed un dislivello di circa 1500 metri, con partenza dal magnifico lungolago di Gardone Riviera sino a raggiungere con un percorso tutto in salita la località “Pirel” sul Monte Pizzoccolo, per poi ridiscendere con arrivo all’ingresso del Vittoriale.

La competizione si è arricchita della partecipazione degli iscritti all’ AIMANC (Associazione Italiana Magistrati Avvocati Notai Ciclisti, www.aimanc.it) condotta dal Presidente Avv. Manlio D’Amico e dei soci Vittorio Grilli, Santino Stavola, Stefano Malfatti, Davide Guarneri, Luigi Bussacchini, Giuseppe Bergonzini, Alessandro Gotti, Gian Luca Iacoponi, Gianluca Greggio, Enrico Romano Poggi, Letizia Ruggeri, e dal decano Avv. Enzo Conte, i quali, all’interno della competizione, hanno corso il proprio campionato italiano forense di mountain bike, con grande orgoglio e soddisfazione da parte della organizzatrice “Gardone in Bike”.

Tra i 150 iscritti alla competizione, la vittoria assoluta per la categoria maschile è andata a Vito Buono della squadra italiana “CMQ Carbonhubo”, con un tempo di 01:41:53, a seguire Luca Zanasca e Marco D'Agostino.

Per quanto riguarda la categoria donne il primo premio è andato a Veronica Di Fant del team “vertical Sport KTM”, con un tempo di 02:14:56; il secondo a Lorena Zocca ed il terzo a Simona Ce’.

La prestigiosa Coppa del vincitore del campionato italiano forense AIMANC MTB 2018 è andata all’avvocato bergamasco Vittorio Grilli, che si è guadagnato la 24esima posizione nella classifica generale; a seguire l’avvocato salernitano Santino Stavola e Stefano Malfatti di Padova, che si sono posizionati rispettivamente al 28esimo ed al 52esimo posto nella classifica generale.

Doverose congratulazioni tanto al magistrato Letizia Ruggeri, unica donna dell’AIMANC ad aver partecipato alla gara, che con tenacia ha raggiunto il traguardo, quanto l’avvocato 83 enne Enzo Conte di Padova, che con questa gara probabilmente concluderà la sua carriera ciclistica, rimanendo un esempio di vita e di sport da seguire per tutti i soci, tifosi e simpatizzanti!

In attesa della decima edizione auguriamo un buon allenamento a tutti i ciclisti!

 

Luisa Maioli