Strumenti

In libreria e nei book store on line, da giovedì 17 ottobre, il nuovo romanzo del giornalista bresciano Massimo Tedeschi.

Si intitola “La maledizione del numero 55” ed è edito da La nave di Teseo – la casa editrice fondata e diretta da Elisabetta Sgarbi – il nuovo romanzo di Massimo Tedeschi, giornalista bresciano, già inviato di Bresciaoggi e caporedattore del Corriere della Sera, oggi editorialista del dorso bresciano del quotidiano diretto da Luciano Fontana. Protagonista è ancora una volta il commissario Italo Sartori, il personaggio creato da Tedeschi che indaga su delitti e misteri del lago di Garda negli anni Trenta del Novecento. La nuova inchiesta del commissario di Salò ruota attorno all’edizione della Mille Miglia del 1938 e alla profezia di sventure pronunciata da una veggente sulle sorti di un equipaggio francese. Incidenti inspiegabili, intrighi e morti cruente formano il groviglio su cui il commissario Sartori deve far luce mentre il suo cuore è angustiato dalle distanze che proprio la Mille Miglia sta scavando fra lui e l’amante, l’avvenente vedova Anna Arquati.

Fra bolidi e corse, alcove e grandi alberghi, folle eccitate dalla velocità e sedute spiritiche si dipana la nuova inchiesta, con ripetuti colpi di scena e un finale a sorpresa.

“Massimo Tedeschi – scrive l’editore nel risvolto di copertina – costruisce un’indagine perfetta per un investigatore fuori dagli schemi, un personaggio indimenticabile che arricchisce il giallo italiano di un nuovo protagonista”.

I precedenti. “La maledizione del numero 55” è il quarto episodio della “saga” del commissario Sartori. In precedenza sono stati pubblicati “Carta rossa” (2016) in cui entrava in scena Gabriele D’Annunzio; “L’ultimo record” (2017) legato all’ambiente del Reparto alta velocità di Desenzano e ai suoi idrovolanti da corsa; “Villa romana con delitto” ambientato fra gli scavi archeologici delle grotte di Catullo a Sirmione.

L’autore. Massimo Tedeschi, bresciano residente a due passi dal lago di Garda, giornalista professionista, come caporedattore del “Corriere della Sera” ha fondato e diretto il dorso bresciano del quotidiano di via Solferino. Ha collaborato con diverse testate nazionali e locali, è autore di libri di storia politica, economica, sociale e culturale. È socio dell’Ateneo di Salò e dell’Ateneo di scienze lettere e arti di Brescia. È presidente dell’Associazione Artisti Bresciani.