Strumenti

In arrivo temporali anche localmente forti. A partire dalla serata di oggi, mercoledì 22 luglio 2020, osserveremo la prima occasione settimanale per il possibile sviluppo di fenomeni temporaleschi localmente intensi anche in pianura lombarda. Come prima cosa è bene evidenziare la scarsissima predicibilità locale, dunque abbandonate ogni speranza di capire se e dove passeranno rovesci e temporali (che comunque NON rinfrescheranno se non in modo spiccio e parsimonioso, oseremmo dire frugale). Lo spiega il servizio meteo regionale lombardo. Il senso di questo avviso è meramente PREVENTIVO, cioè, nella forte incertezza abbiamo ragionevoli indicazioni che suggeriscono possibili criticità significative in regione. Dove? Più che altro nei settori lombardi centro-orientali, in particolare in fascia prealpino-pedemontana tra Iseo e Garda, quindi pedemontane adiacenti e pianure di Bresciano, Cremonese e Mantovano.

Nelle suddette aree la principale criticità è di tipo idraulico, ossia precipitazioni localmente sovrabbondanti, stante la possibile persistenza (specie da tarda sera e nel corso della notte su giovedì) di temporali rigeneranti semi-stazionari. La configurazione sinottica di questa sera/notte di solito determina lo sviluppo di torri temporalesche est-padane relativamente statiche, con equilibrio dinamico tra l’alimentazione orientale di basso livello e l’aggancio occidentale (zonale) di medio-alta quota. Agli effetti è una situazione che può determinare accumuli pluviometrici molto importanti. Si spera di no, sia ben chiaro, ma è buona cosa mantenere gli occhi aperti.

Le eventuali celle temporalesche piemontesi (tra alto Biellese e Novarese), in estensione verso levante, destano minore preoccupazione giacché in pianura lombarda tenderanno probabilmente a stemperarsi. Rovesci quindi possibili, ma verosimilmente più moderati. Idem sui rilievi retici e orobici attendiamo entro sera il transito di una linea temporalesca abbastanza consistente, tuttavia senza particolari criticità, fatta eccezione per il medio-alto Lario e bassa Valtellina in prima serata, dove è opportuno monitorare con un po’ più di attenzione (radar meteorologico alla mano: http://cml.to/radar).

A seguire avremo una nuova finestra di attenzione temporalesca nella serata di giovedì 23 e soprattutto nella prima parte di venerdì 24, allorché i contrasti andranno esacerbandosi (probabile, tuttavia, un miglioramento da metà pomeriggio - a partire dai settori di nord-ovest - con il regalo del venerdì sera tranquillo, almeno su buona parte della regione). Sabato soleggiato e abbastanza stabile dai monti al piano. Domenica idem al piano mentre nel pomeriggio/sera saranno possibili nuovi rovesci e temporali in area alpina e prealpina.