Strumenti

Il progetto sarà spiegato in due giornate di studio, ideate e organizzate da Erica Cherubini, in un luogo che da anni è vittima di incuria, continuamente depredato e vandalizzato. Il corso si terrà mercoledì 19 e giovedì 20 maggio, dalle 9 alle 19. Per informazioni e costi, chiamare il 335.6857399.

 

Erica Cherubini ha realizzato un sogno: riqualificare Cascina Malora, a Calcinato, vicino alla quale ha vissuto per anni, accarezzando l'idea di potervisi trasferire per coltivare la terra. Non si tratta di una ristrutturazione dell’edificio, dunque, ma di una destinazione inedita e originale, che rispetta la tradizione contadina del contesto in un’area di circa 7000 metri quadrati.

Da oltre vent’ anni Erica si occupa di piante e fiori, tra florvivaismo e decorazioni floreali. Oggi è consulente e progettista per attività commerciali che curano la vendita di piante e fiori: crea allestimenti, progetta spazi di vendita e insegna questa professione nata per lei dall’esperienza sul campo.

Grazie alle competenze maturate nel settore, si è inoltre dedicata alla sperimentazione di nuove tecniche di coltivazione, giungendo alla conclusione che «non ci si può fossilizzare su un’unica tecnica, ma ci si deve lasciar guidare dalla terra e cooperare con lei per ottenere risultati, che si tratti di un pomodoro, di fiori, di frutta o di benessere personale. Con questa avventura alla Malora – aggiunge – andrò alla ricerca della mia tecnica, che scoprirò sul campo di giorno in giorno, finché me ne sarà data l’opportunità».

Presso Cascina Malora sorgerà dunque una piccola agroforesta, progettata con il supporto di Giuseppe Sannicandro, permacultore ed esperto di sistemi agroforestali. Ci saranno un orto, un frutteto misto, fiori, cespugli, il tutto governato da consociazioni, rotazioni colturali e concimazioni naturali per ottenere prodotti sani e nutrienti per il corpo e per la mente, con la consapevolezza che ci vorranno alcuni anni per vederne il risultato.

Nell’attesa, Erica vuole fare in modo che il “suo” spazio diventi un’occasione per promuovere conoscenze e ha programmato alcuni eventi rivolti a chiunque condivida i suoi interessi. Il primo appuntamento di divulgazione sarà il 19 e 20 maggio, dalle 9 alle 19, con un corso di formazione teorico-pratica sull’agroforestry: 15 posti disponibili per iniziare a conoscere le tematiche che guidano la parte più tecnica del progetto.

Il programma comprende approfondimenti sul ruolo della vegetazione in un’agroforesta, sui diversi modelli agroforestali, sulla preparazione di aiuole agroforestali o di una food forest, per poi passare alla progettazione e gestione di un orto all’interno di un sistema agroforestale rigenerativo, comprendendo i metodi di miglioramento della fertilità del suolo o la preparazione di trapianti e semine.

Relatore e tutor delle due giornate sarà Giuseppe Sannicandro, cofondatore dell’associazione Regen, diplomato in Permacultura, docente in corsi e laboratori riconosciuti dall'Accademia Italiana di Permacultura. Oltre a studiare, progettare e insegnare in Italia e in Europa, Sannicandro è consulente per aziende agricole multifunzionali, ecovillaggi e progetti di permacultura urbana.

Giovanna Gamba