Attenti al lupo! Battute a parte, anche il lupo, tra i grandi carnivori predatori insieme all’orso, ha fatto la sua comparsa in Vallesabbia e più precisamente tra il confine della Valle con l’Alto Garda. L’evidenza della presenza di almeno un esemplare di lupo ha avuto riscontro, nell’ultimo mese, da parte della Polizia Provinciale mediante il prelievo di reperti biologici ed anche attraverso le immagini immortalate dalle fototrappole. Il ritorno del predatore sulle montagne bresciane è fenomeno del tutto naturale e fa seguito alla ricolonizzazione  dell’arco alpino iniziata fin dagli anni 90 ad opera dei primi esemplari di lupo in risalita dall’Appennino. Le prime segnalazioni della presenza del lupo in territorio bresciano si sono avute nel 2014  cui ha fatto seguito la prima riproduzione con contestuale formazione di un primo branco presso il Passo del Tonale nel 2019.

"Considerando la grande capacità di dispersione della specie - commenta il Comandante della Polizia Provinciale Claudio Porretti - è del tutto naturale che, anche nella parte orientale della Provincia, siano giunte le prime segnalazioni di presenza del lupo e dei danni da predazione verso alcuni animali domestici. A tale fine la Polizia Provinciale, se allertata, provvede ad effettuare i sopralluoghi e le operazioni di rilievo ed accertamento per poter attivare le procedure regionali di risarcimento danni".

Si ricordano le buone norme di gestione degli animali domestici da reddito o da affezione, con l’invito in caso assenza di idonei recinti elettrificati, a provvedere con la stabulazione degli animali  in ore  notturne.

Per informazioni più dettagliate sulla specie è possibile consultare il seguente sito di  Regione Lombardia:

https://naturachevale.it/specie-animali/azioni-per-la-tutela-di-orso-e-lupo/

Al fine di migliore la convivenza tra grandi predatori ed attività agricole, è stato emanato da Regione Lombardia  il nuovo bando PSR per l’acquisto di recinzioni e cani da guardiania. E’ possibile presentare le domande presso Regione Lombardia dal 16 febbraio al 2 maggio 2022.

Foto di Fausto Bariselli