Società

Il paese benacense si prepara all'estate con un'offerta molto varia di manifestazioni, dalla musica al cinema, dalla cultura all'intrattenimento. Novità anche per il trenino turistico.

 

La data centrale sarà il 18 luglio per la Festa del Lago, che vedrà protagonista il porto di Portese con l'Associazione dei Marinai, il pesce di lago, lo street food, la birra artigianale sanfeliciana, il tutto accompagnato dalla musica pop italiana.

Tornano per i venerdì sera anche le “Notti Felix” in piazza municipio con la musica dal vivo e per l'ultimo week end del mese (30 e 31 luglio più 1 agosto) arriva l'attesissimo “Jazz Festival”, che vanterà artisti di fama nazionale e internazionale.

Inoltre, il servizio del trenino turistico amplia la tratta, grazie alla coincidenza alla fermata Convento della Provinciale 39, con il trenino del Comune di Manerba, confermando la collaborazione stretta tra le due realtà. Tra l'altro il sabato, in occasione del mercato settimanale salodiano, la sosta si è spostata alla fermata Due Pini, ancora più in prossimità dell'ingresso ai banchi commerciali. Tariffe: gratuito per bambini sotto i 6 anni, per gli over 70 e per i disabili. Tariffa speciale 1,50 euro per i residenti, 2,50 euro per tutti gli altri passeggeri. Tariffa andata/ritorno della tratta San Felice - Manerba: 4,00 euro.

Nasce infine il 1 Luglio la pagina Facebook dell'Info Point dell’Amministrazione Comunale di San Felice del Benaco. Lo strumento è concepito come un aiuto alla cittadinanza e ai numerosi ospiti stranieri e si affianca allo sportello, ai programmi e materiali cartacei, al sito istituzionale e allla pagina Facebook ufficiale del Comune di San Felice del Benaco. Offrirà informazioni e promozione del territorio circa attività, manifestazioni, logistica e servizi, per assecondare le richieste e le necessità degli utenti.

“Il progetto turistico dell'amministrazione è in continuo divenire - spiega Isabel Riz, consigliere al Turismo - con percorsi intesi a favorire la crescita del turismo sostenibile, di prossimità e straniero, sempre più attento e attirato dalle caratteristiche tipiche dei nostri centri storici, delle nostre spiagge e realtà turistiche e culturali. Per l'estate il programma è stato pensato per abbracciare un pubblico vario, attraverso manifestazioni diverse, ma sempre di interesse e di condivisione, che toccano tutte le frazioni del paese, promuovendone i luoghi e i tratti più significativi. Ci attende una stagione all'insegna di una ripresa della socialità, fitta di eventi, tutti pensati e organizzati nella massima serenità e sicurezza”.

Sabbio Chiese è bellissima: non deturpiamola con i rifiuti e con comportamenti negativi. L'appello alla responsabilità di tutti del sindaco Onorio Luscia che volentieri rilanciamo.

Cari concittadini, care concittadine,

Esiste la malsana e pessima abitudine di condannare non chi sversa e abbandona rifiuti di ogni genere, ma l’Amministrazione Comunale che dovrebbe fisicamente stare in ogni angolo del territorio a rimuovere in tempi record lo scempio di chi, a ogni ora del giorno e della notte, agisce da incivile incurante del territorio, dell’ambiente e degli altri cittadini. Si invocano controlli: li abbiamo intensificati e così anche le sanzioni e il posizionamento di telecamere, foto trappole, ma è impensabile avere un “poliziotto” per ogni cittadino.

Purtroppo, per la privacy, non è possibile pubblicare il nome di questi incivili. D’ora in poi, oltre alla sanzione, verranno chiamati a recuperare i loro rifiuti e la loro sporcizia e verranno educati al rispetto della buona convivenza civile, perché sembra così difficile avere cura del proprio paese, degli spazi comuni, e avere rispetto per se stessi e per gli atri.

La Commissione Ecologia, nel suo percorso di collaborazione con l’Amministrazione Comunale, aveva organizzato giornate ecologiche aperte ai cittadini e dedicate alla pulizia dell’ambiente e aveva incentivato incontri di sensibilizzazione sui temi ambientali nelle scuole. Abbiamo una raccolta dei rifiuti tramite il sistema “porta a porta”, l’ausilio dei cassonetti stradali e un’isola ecologia aperta cinque giorni la settimana che aiuta e agevola ogni cittadino, soprattutto le persone anziane. Per smaltire gli ingombranti, basta chiamare in Comune e saranno i nostri operatori a prelevare il materiale. È inaccettabile che, per colpa di pochi, si debbano avere angoli del nostro paese con cumuli di rifiuti di ogni tipo e deiezioni di cani.

Ed è ancora più inaccettabile che la colpa ricada sull’Amministrazione Comunale che sta facendo un lavoro immane per recuperare e smaltire rifiuti abbandonati su tutto il territorio. Questo è diventato l’impegno principale dei nostri operatori esterni, impegnati quotidianamente nello svuotamento dei cestini stradali (il più delle volte scambiati per cassonetti), nella pulizia dei parchi gioco e nel recupero di rifiuti abbandonati fuori dal cassonetto. Ogni giorno viene riempito un camioncino! Non si direbbe, vero? Purtroppo questa è la drammatica realtà con la quale dobbiamo confrontarci.

È mortificante vedere la quantità di spazzatura che invade le banchine delle strade, le aiuole, i parchi, le sponde dei fiumi. Questa immagine è davvero tragica! Il paese esprime tutto il desiderio di essere riconosciuto per la sua bellezza, ma c’è una parte di cittadinanza che ha scambiato le strade, i parchi, i nostri boschi per una discarica a cielo aperto.

La sporcizia causata dalla spazzatura non è solo un nostro problema, ma è il problema del secolo. Siamo sommersi dalla spazzatura. Pensate che meraviglia sarebbe vivere in una comunità che ha a cuore la cura del territorio e che dimostra considerazione per la qualità dell’ambiente in cui crescono i propri figli.

Abitiamo in un territorio meraviglioso, con paesaggi bellissimi, che in molti ci invidiano.

Potremmo sentirci sconfitti da questa immagine, ma non dobbiamo cedere, perché Sabbio merita di più, perché il nostro paese è fatto da tanta gente che lo ama, ma dobbiamo essere uniti in questa battaglia di civiltà. Tutti e tutte siamo responsabili della cura della bellezza e siamo chiamati a essere esempi virtuosi, anche e soprattutto per i più giovani.

Ai cittadini si chiede la collaborazione nel segnalare direttamente al Comune eventuali situazioni di degrado o di abbandono di rifiuti.

È il momento di indignarsi e di collaborare affinché la bellezza del nostro paese non venga deturpata.

 

 

Riceviamo e pubblichiamo questa comunicazione del consigliere regionale Gianni Girelli in tema di sanità locale, sul Garda e in Valsabbia.

 

Le risorse recentemente stanziate a favore dell’Asst del Garda sono il risultato di una forte richiesta dei territori, che va però ora ulteriormente rafforzata. Decidere sulla localizzazione della futura struttura di Saló, che va chiamata in modo diverso dal Presst, visto quanto previsto nella riforma, comprendere come rilanciare il polo di Gargnano, attuare il pieno recupero della potenzialità dell’ospedale di Desenzano, rimettere in finzione il polo di Lonato, proporre un rilancio dell’idea di ospedale di comunità, con alcuni posti letto gestiti da personale infermieristico con la supervisione dei Medici di MG, assieme alla riapertura di ambulatori specialistici per il presidio di Nozza si Vestone, prevedere una casa della comunità nella media/bassa Val sabbia, dare stabilità all’ospedale di Gavardo, sono le proposte che mi sembra siano nella programmazione dell’asst e che bisogna sostenere con forza. Il PNRR prevede ingenti risorse, non sprechiamole! Mettiamole a disposizione dei territori realizzando scelte condivise e dando risposta alle tante domande che in questi anni sono state spesso mortificate da scelte politiche e gestionali. C’è un vento diverso che va alimentato e potenziato mi auguro con la massima coesione tra i vari livelli istituzionali. 

 

Gianni Girelli

 

 

 

 

 

 

 

 

Che bello stare in spiaggia! Al lago. Oggi giornata calda, domani martedì anche peggio. Lo dicono i metereologi che parlano già di emergenza caldo. E Brescia è in prima linea. Secondo il bollettino del ministero della Salute, venerdì 28 giugno saranno 16 le città contrassegnate con il bollino rosso (Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Frosinone, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Venezia, Verona, Viterbo), mentre sabato il livello di allerta scende e interesserà quattro città. Sono tutte nel Lazio: Frosinone, Latina, Viterbo e Roma. In particolare la Capitale è l'unica città d'Italia ad avere il bollino rosso per tre giorni di seguito.

 

Secondo le previsioni venerdì sarà ancora molto caldo e in prevalenza soleggiato e a fine giornata dai Balcani inizierà ad affluire aria più fresca e secca che già nel corso della notte determinerà un calo più evidente delle temperature sul versante adriatico e al Nord. Sabato, infatti, i metereologi prevedono un temporaneo calo termico con i valori in generale sotto i 35 gradi.

 

 

Verrà inaugurato venerdì 18 giugno alle ore 17.30 il nuovo orto sociale presso la Fattoria “La Mirtilla” di Co.Ge.S.S.

Dopo la recente inaugurazione dell’IVAR Garden in collaborazione con l’azienda IVAR S.P.A di Prevalle, anche a Idro sorgerà un nuovo orto sociale per rispondere ai bisogni del territorio valsabbino in merito all’inclusione sociale, che andrà a completare la già ampia offerta di attività prenotabili presso la fattoria esperienziale tra cui yoga nel bosco, laboratori creativi e onoterapia (terapia con gli asini).

Un luogo nel quale potersi sperimentare e presso il quale sarà possibile avviare percorsi educativi dedicati a persone diversamente abili che si occuperanno della coltivazione del terreno e della cura dell’ambiente circostante, ma parallelamente un punto d’incontro che permetterà, vista la forte vocazione vacanziera del luogo a ridosso del lago d’Idro, a persone provenienti da tutta Italia e dall’estero di vivere da vicino l’inclusione e sostenere il progetto facendo nuove esperienze.

 

Il progetto nel suo complesso ha beneficiato di due contributi fondamentali: il primo di Fondazione Cariplo con il progetto “Un Seme in Più” a valere sul bando “Coltivare Valore” e il secondo di Cassa Rurale nell’ambito del bando 2020 per il sostegno di progetti in ambito formativo-culturale e sociale. Questi due contributi hanno permesso di sostenere i costi inziali come l’acquisto di cassoni rialzati accessibili anche a persone in sedia a rotelle.

Grazie inoltre alla collaborazione con il famoso portale Airbnb, le experience proposte dalla fattoria La Mirtilla che prevedono attività nelll’orto e insieme agli animali, sono state selezionate per la landing page global delle esperienze mondiali accessibili, un grande riconoscimento per l’impegno profuso nel rendere la Mirtilla un luogo rilassante e accessibile a chiunque lo desideri.

Grazie quindi a questo nuovo polo, tutte le persone in situazioni di svantaggio residenti nei vari paesi della Valle sabbia potranno beneficiare delle terapie e dei laboratori organizzati da Co.Ge.S.S. insieme a chiunque vorrà vivere insieme alla cooperativa le svariate attività proposte durante l’estate a contatto con la natura e gli animali.

Per informazioni, prenotazioni e per scoprire tutti i prossimi eventi alla Mirtilla, è possibile consultare la pagina Facebook della Cooperativa, il sito www.coopcogess.org oppure chiamare il numero 348/5593186.

 

 

Era nell'aria e ora è deciso. Slittano al 2023 le feste decennali della Madonna della Rocca di Sabbio Chiese. Erano state fissate in precedenza per la prima settimana di settembre del 2022 ma il Covid e il lockdown ha messo in crisi la complessa macchina dell'organizzazione. Così in questi giorni, nel corso dell’ ultima riunione, la commissione per le feste presieduta dal vicesindaco Claudio Ferremi e composta da una settantina di persone ha deciso di rimandare di un anno. Il Covid ha ritardato – ma non fermato - la preparazione che dura di solito quasi due anni. E quindi la necessità di spostare l’appuntamento al 2023, prima settimana di settembre.

 

"Non succedeva dalla seconda guerra mondiale - ha spiegato il sindaco Onorio Luscia ai microfoni di Radio 51 - allora, le feste decennali del 1942, a causa della situazione bellica, vennero rinviate al 1945. Per il resto, dal 1782 al 2012, ogni dieci anni non è mai mancato il rinnovo dei voti per la protezione accordata dalla Madonna alla comunità sabbiense nel corso di una epidemia di peste particolarmente virulenta". 

 

In occasione delle Decennali l’intero paese con le sue contrade e i suoi quattro mila abitanti viene mobilitato. Al lavoro ci sono decine di sabbiensi che creano strutture in ferro e legno, arcate e elementi di arredo urbano sui quali vengono fissati migliaia di fiori di carta (in una delle precedenti edizioni si giunse a cento mila fiori) realizzati da circa trecento donne del paese, tra cui diverse giovani che imparano il "mestiere".

Foto: Giancarlo Salvadori

 

La comunità di Sarezzo e l’Ordine dei francescani sono in lutto per la scomparsa di frate Giuseppe Contessi, avvenuta nel tardo pomeriggio di giovedì 17 giugno. Il religioso è spirato all’Ospedale di Berekum (vicino a Sunyani, in Ghana) all’età di 80 anni. Per sua espressa volontà le sue spoglie mortali riposeranno in Ghana, la terra a cui aveva votato tutto se stesso e dove viveva da 44 anni. Sabato 3 luglio, nella Basilica del Santo a Padova, verrà celebrata una messa esequiale.

Giuseppe Contessi era nato a Sarezzo il 6 marzo 1941 ed era entrato in Seminario a Brescia nell’ottobre del 1952. Ha operato nelle comunità di Padova-Santo (1964-1968), Noventa padovana (1968-1969), S. André e Ibema in Brasile (1969-1972), di nuovo a Noventa Padovana (1972-1973), Padova-Arcella (1973-1976), Liverpool (1976-1977), Takoradi in Ghana (1977-1987) ed infine Sunyani, Accra e Sunyani (1987-2021).

Dopo le esperienze in Italia e la prima “chiamata” missionaria in Brasile, frate Giuseppe è stato uno dei primi frati missionari in Ghana. Di questo Paese africano era diventato una sorta di “ambasciatore” in terra bresciana, animando moltissime iniziative di raccolta di aiuti e di sostegno nelle comunità di Sarezzo e di Lumezzane, dove vivono numerosi suoi parenti.

Odoardo Resti

 

Riceviamo e pubblichiamo.

“E' aperto il bando ‘Estate Insieme’ promosso da Regione Lombardia, con il quale vengono stanziati 10 milioni di euro per la concessione di un contributo economico, a fondo perduto, per la realizzazione di un programma di iniziative rivolte all’infanzia e all’adolescenza (0-17 anni e 364 giorni) per promuovere la socialità e il benessere dei ragazzi” spiega Floriano Massardi, vicecapogruppo della Lega in Consiglio Regionale.

“Le risorse stanziate saranno messe a disposizione dei Comuni, sia in forma singola che associata, e saranno così ripartite: il 90% dello stanziamento verrà assegnato in base all’ordine di protocollazione della domanda e fino ad esaurimento delle risorse e il restante 10% dello stanziamento è assegnato ai programmi a titolo di premialità. L’importo minimo finanziabile è di 16.800€ e arriva ad un massimo di € 180.000, premialità escluse.

Le iniziative presenti nel programma devono essere realizzate nel periodo tra il 21 giugno e il 15 ottobre 2021 e devono avere carattere di complementarità rispetto alle iniziative già finanziate dai Comuni (con risorse proprie o nazionali) nel territorio rivolte allo stesso target; devono inoltre prevedere il coinvolgimento attivo e la valorizzazione di almeno due enti pubblici o privati (quali ad esempio oratori, enti del terzo settore, ASD, ecc.) e assicurare inclusività e accessibilità ai minori con disabilità e fragilità personali o legate al nucleo familiare.

I progetti potranno essere presentati tramite la piattaforma dedicata di Regione “Bandi Online” a partire dalle 12 di oggi e fino alle ore 12 del 10 giugno prossimo”.

“Con questo bando - conclude Massardi - vogliamo supportare in modo concreto l'offerta delle attività che si rivolgono ai ragazzi, offrendo un servizio prezioso sia per i genitori lavoratori, sia per i giovani. Allo stesso tempo intendiamo garantire ai Comuni e alle realtà del Terzo settore, da sempre attori fondamentali nella promozione di iniziative educative per i nostri ragazzi, di poter lavorare da subito e insieme al programma estivo”.

 

La Smart City montana della Valle Sabbia fa “scuola” anche a livello nazionale con il modello catastale-cartografico unico a livello nazionale così innovativo e realizzato interamente in house!

Il nuovo sistema catastale-cartografico, realizzato da Secoval, Società partecipata dalla Comunità Montana, è accessibile dal portale denominato Prometeo.

Per valorizzare questa vincente “case history”, una vera e propria eccellenza per il nostro Paese, è stato organizzato un convegno con i massimi esperti nazionali, ovvero Direttore DG Servizi Catastali, Cartografici e di Pubblicità Immobiliare della sede Centrale di Roma, Claudio Fabrizi; l'Ex Direttore DG Servizi Catastali, Cartografici e di Pubblicità Immobiliare della sede di Milano, Marco Selleri; il Direttore Ufficio provinciale-Territorio Direzione Provinciale di Brescia, Angelo Iero. Interverranno inoltre Giovanmaria Flocchini, Presidente della Comunità Montana di Valle Sabbia; Flavio Gnecchi, Amministratore Unico Secoval; Marco Baccaglioni, Direttore Società partecipate dalla Comunità Montana di Valle Sabbia; Giordano Nicolini e Nicola Zanetti, Area fiscalità locale e catasto di Secoval.

“Il nostro modello ci ha permesso di affrontare con successo i cambiamenti imposti dal mondo fiscale, cartografico e ICT ma anche, nell'ultimo anno, la situazione pandemica. Crediamo fermamente che anche un territorio montano possa vincere la sfida della resilienza ed essere tecnologicamente all'avanguardia grazie al lavoro di una squadra coesa. La Valle Sabbia, si può oggettivamente affermare, ha un sistema pubblico molto vocato all'innovazione e decisamente all'avanguardia” afferma il Presidente Flocchini.

Per arrivare a questo importante risultato, Secoval è al lavoro già da alcuni anni con il progetto della Carta Unica, che rende concretamente possibile la corrispondenza tra mappe catastali e situazione reale del territorio. “Il progetto consente, tra le altre cose, di ridurre le difformità esistenti evitando al contempo eventuali contenziosi, rendendo ancora più concreto e tangibile il progetto di una Smart Land montana!” conclude Flocchini.

Il convegno è in corso oggi a partire dalle ore 10.30 presso la sede della Comunità Montana di Valle Sabbia.

 

 

 

 

La Commissione cultura del Comune di Muscoline  in collaborazione con l'Azienda Agricola "La Guarda" e l'ECO MUSEO del Botticino, propone il CONCERTO ALL'ALBA DEL SOLSTIZIO D'ESTATE  - DOMENICA 20 GIUGNO ORE 5.00. Si esibiranno:  DANIELA GOZZI - Flauto -  MICHELA LA FAUCI - Arpa .

Ritrovo alle 4.45 presso la Big bench del Chiaretto con ingresso obbligatorio dall'Azienda Agricola la Guarda - Via Giuseppe Zanardelli n.49.

Ingresso gratuito con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al n.3388405647 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Possibilità di box colazione € 13,00 ( 1 succo di frutta di Cascina Belmonte, biscotti Azienda Agricola Pietta, panini con salumi Azienda Agricola Podavini, 1 brioches Non Solo Pane, acqua e vino Azienda Agricola La Guarda in mescita).

Ingresso contingentato nel rispetto dei protocolli e delle norme vigenti nazionali e regionali anti-covid19, fino ad esaurimento posti.

 

Paesaggi, cultura, borghi, outdoor, enogastronomia ed itinerari bresciani tornano nuovamente all’attenzione del pubblico nazionale grazie all’autorevole Guida turistica Lonely Planet, riferimento per turisti, viaggiatori ed escursionisti di tutto il globo. Un traguardo raggiunto grazie al fondamentale contributo di Visit Brescia che, in vista del buon esito della campagna di immunizzazione, spinge l’acceleratore sulla promozione del territorio.

Disponibile a partire dalle ore 17.00 dell’11 giugno, la guida è scaricabile in formato digitale e gratuito accedendo alla landing page https://www.lonelyplanetitalia.it/speciale/brescia

Correva l’anno 2006 quando Rough Guides, casa editrice britannica autrice di guide turistiche e di servizi di organizzazione di viaggi su misura, nella pubblicazione dedicata al nord Italia “The Italian Lakes. Milan, Verona e Bergamo” scriveva come “Per la maggior parte degli italiani Brescia è sinonimo d’industria pesante o riunioni di lavoro. Per chi proviene da fuori è una città da aggirare sull’itinerario che dal Lago di Como conduce al Lago di Garda, e non è nemmeno particolarmente bella”.

Ha dunque il sapore di un piccolo, grande riscatto, quello di cui la città e la sua vasta provincia godono oggi grazie all’approfondimento che Lonely Planet - casa editrice accreditata a livello internazionale grazie alle celeberrime guide turistiche utilizzate dai viaggiatori di tutto il mondo - dedica al territorio bresciano descrivendone paesaggi, itinerari, tipicità e attrazioni culturali, da consigliare a turisti e viaggiatori d’Italia e del mondo.

“Una città bella in modo profondo e inaspettato, scrigno di importanti opere d’arte”.

 

Così viene descritta Brescia nella sezione che propone un tour dei siti di pregio culturale, partendo dal Tempio Capitolino con la Vittoria Alata fino al Castello, passando per il Museo Santa Giulia e la Pinacoteca Tosio Martinengo. Ma Brescia è anche una provincia “ricca di cultura, natura e avventura” terra di grandi laghi, caratterizzata dalle valli rigogliose sovrastate da vette verdeggianti “perfette in ogni stagione”, in grado di garantire una vasta offerta di attività all’aria aperta o legate allo shopping nei negozi e nelle botteghe. Brescia meta solcata da cammini e itinerari ciclo-turistici, patria di grandi eventi come la Mille Miglia e siti archeologici Patrimonio dell’umanità UNESCO, ma anche di piccoli e caratteristici borghi montani e lacustri la cui storia si intreccia alla tradizione dell’artigianato e dei sapori locali.

LA GUIDA

 

26 pagine a colori, in formato PDF A5, con la caratteristica sezione dedicata agli itinerari affiancata dalla cartina geografica della provincia e il glossario gastronomico dedicato ai sapori del territorio, la guida bresciana è disponibile a partire dalle ore 17 dell’11 giugno, scaricabile in formato digitale e gratuito dalla landing page dedicata https://www.lonelyplanetitalia.it/speciale/brescia

 

Contenuti: focus su tutta la provincia, con box di approfondimento, foto, consigli, il racconto dell’essenza dei luoghi, gli strumenti e gli itinerari per pianificare il viaggio sul territorio. Tra le scelte d'autore: i luoghi più famosi e quelli meno noti per rendere unico il viaggio.

IL TRAGUARDO

 

La realizzazione del progetto editoriale è stata resa possibile grazie a Visit Brescia - la Destination Management Organization che promuove il turismo del territorio – che ha coordinato il lavoro con gli enti territoriali* e supportato lo staff di redattori ed esperti della casa editrice, segnalando gli argomenti di interesse e i siti da non perdere.

LONELY PLANET

 

Punto di riferimento per turisti, viaggiatori, escursionisti ed appassionati, Lonely Planet è la casa editrice autrice di celeberrime guide turistiche diffuse in tutto il mondo e tradotte in 11 lingue. In Italia i contenuti sono curati e pubblicati dalla casa editrice EDT di Torino, editore indipendente presente nel mercato da oltre 40 anni.

 

Con oltre 120 milioni di copie vendute, sedi in Australia, UK, USA, India e Cina e più di 400 dipendenti e 200 autori, Lonely Planet è il marchio di turistica leader nel mondo.

 

Secondo il Presidente di Visit Brescia, Marco Polettini: “Un traguardo storico per la provincia e il territorio, che vuole essere un invito alla fiducia rivolto agli operatori della filiera turistica, il cui settore, com’è noto, è stato messo a dura prova negli ultimi mesi. Dopo il confinamento e il periodo di chiusura forzato, la necessità di riaprire le attività è grande, così come immenso è il desiderio dei viaggiatori di ripartire e tornare a visitare la nostra provincia”.

Parole riprese da Manuel Gabriele, Direttore di Visit Brescia, che ha sottolineato: “Abbiamo tutte le carte in regola per ripartire e la guida che presentiamo oggi è frutto di un lavoro di promozione territoriale che, anche durante i mesi più duri dell’emergenza sanitaria, non ha conosciuto battute d’arresto. Per ripartire nell’immediato futuro è necessario profilarsi in modo costante nei confronti del pubblico sia italiano che estero”.

Angelo Pittro, Direttore Lonely Planet Italia, che torna nuovamente ospite di Visit Brescia dopo la partecipazione all’Assemblea Nazionale IgersItalia, tenuta dal 25 al 27 settembre 2020 in città e in provincia, precisa: “Abbiamo pensato ad una narrazione tessuta con una prospettiva rinnovata, cambiata proprio in virtù delle mutate esigenze dei consumatori. Da qui l’esigenza di guidare i lettori, non solo verso le grandi eccellenze bresciane, ma anche nei piccoli borghi, attraverso gli itinerari meno battuti dal turismo di massa, alla scoperta dei tesori celati nelle pievi e abbazie e consigliando esperienze di cammino inedite e particolari”.

Ilaria Mirani, Guida turistica e Consigliera d’Amministrazione Visit Brescia:

“Da oggi i turisti i bresciani hanno a disposizione uno strumento in più per avviarsi alla scoperta della città e della provincia: un territorio ricchissimo di tesori inediti e tradizioni locali che, anche in virtù di questo, invita i viaggiatori ad attraversarlo a passo lento per immergersi a fondo tra scenari, paesaggi, atmosfere borghi e botteghe situati tutt’attorno alle attrazioni più note. Il valore aggiunto è proprio questo: l’invito ad uscire dai percorsi più battuti, per scoprire che il tragitto da una località ad un museo, o da un agriturismo verso un parco naturalistico, è punteggiato da scorci tra i più belli d’Italia, borghi abitati da coltivatori e artigiani che producono ancora secondo stagionalità, opere d’arte custodite nelle piccole chiese, e un patrimonio di tradizioni locali per molti ancora inedito”.

*Iniziativa cofinanziata e patrocinata dalla Camera di Commercio di Brescia e realizzata in collaborazione con:

 

·         Comune di Brescia

 

·         Consorzio lago di Garda Lombardia

 

·         Consorzio Pontedilegno-Tonale

 

·         Visit Lake Iseo

 

·         Consorzio Franciacorta

 

·         DMO Valle Camonica

 

·         Ufficio Turismo Valle Sabbia

 

·         Comunità Montana di Valle Trompia

 

·         Fondazione Brescia Musei

 

·         Fondazione Castello di Padernello

 

Altri articoli...