Strumenti

Regione Lombardia ha stanziato una cifra ulteriore su base regione di 6,6 milioni di euro per finanziare opere di difesa del suolo, azioni di prevenzione, messa in sicurezza del reticolo idrico e ripristino dei dissesti pericolosi. Le risorse complessive, tenendo conto del precedente stanziamento, ammontano ad oggi a 16.6 milioni di euro. Nel merito è intervenuto il vice capogruppo della Lega al Pirellone, Floriano Massardi.

“Questa cifra importante – spiega Massardi – va a sommarsi ai precedenti 10 milioni stanziati su proposta dell’Assessore Sertori, destinati ai piccoli Comuni inferiori ai 15 mila abitanti, specialmente quelli di montagna. Questo finanziamento consentirà di erogare fondi, complessivamente, a 196 enti sparsi su tutto il territorio regionale.

Per quanto concerne la Provincia di Brescia i progetti finanziati sono 38, per un totale di oltre 3 milioni e 260 mila euro. Scendendo più nel dettaglio, per quanto riguarda la Valle Sabbia, i Comuni interessati sono: Provaglio Val Sabbia (54.000 euro), Lavenone (89.900 euro), Serle (89.900 euro) e Paitone (90.000 euro), per un totale di oltre 320 mila euro complessivi. Anche nella zona del Garda ci sono diversi Enti locali che riceveranno questi fondi: Gardone Riviera (89.700 euro), Limone (99.000 euro) e Toscolano Maderno (100.000 euro).

Si tratta di una boccata d’ossigeno per i Comuni minori che spesso, e questo risulta vero specialmente per quanto attiene i borghi di montagna, soffrono di problematiche peculiari, in particolare per ciò che riguarda la difesa del suolo e il dissesto idrogeologico.

Detto questo, considerando la grande disponibilità dimostrata dall’Assessore Sertori in questa fondamentale partita, cercheremo di reperire le risorse necessarie per finanziare anche gli altri enti rimasti attualmente fuori dalla graduatoria. È mia intenzione infatti presentare un emendamento ad hoc al Bilancio regionale di dicembre, per cercare di trovare fondi aggiuntivi, sperando che il Governo nazionale – conclude Massardi – non ci metta la zampino tagliando i trasferimenti con la finanziaria.”