Strumenti

E’ iniziato Febbraio e per gli abitanti di Bagolino vuol dire una cosa sola: sta arrivando il Carnevale!
Il Carnevale di Bagolino si svolge, ogni anno, durante i tre giorni precedenti al Mercoledì delle Ceneri, che coincide con l’inizio della Quaresima. Quest’anno quindi cadrà il 26-27-28 Febbraio.


Tuttavia in pochi sanno che dal 6 Gennaio, giorno dell’Epifania, ogni lunedì e ogni giovedì c’è un anticipo del Carnevale. In questi giorni infatti è possibile “uscire in maschera”, vestirsi cioè da màscär  e girare per le strade, i locali e le case, facendo scherzi e canzonando le persone che si incontrano. Per svolgere al meglio questo suo ruolo il màscär deve cammuffarsi totalmente con l’intenzione di non farsi riconoscere: oltre al vestito (che è simile a quello che usavano gli abitanti di queste zone fino ai primi anni del 1900), indossa una maschera, nasconde i capelli sotto un fäsól (scialle) e parla in dialetto con la voce in falsetto.
I bambini vestiti da màscär sono i protagonisti delle ore pomeridiane del lunedì e del giovedì. Gli adulti invece si mascherano prevalentemente dopo il tramonto, al termine della giornata lavorativa.
In queste serate anche i sonädùr (i suonatori) si ritrovano in alcuni bar, per suonare le 26 sònade (canzoni) del repertorio carnevalesco, le più antiche delle quali  pare siano del XVI secolo. Violini, bassi, chitarre, mandolini… suonati e pizzicati con un’energia e un entusiasmo tali da far ballare e cantare gli ascoltatori di tutte le età. Il gruppo di sonädùr si “scalda” così in vista dei giorni di Carnevale durante i quali suonerà per far danzare i bälärì (ballerini) tra i vicoli acciottolati del paese.

Se quindi arrivaste a Bagolino in questo periodo e sentiste per le strade il rimbombo degli sgàlbär (zoccoli in  legno chiodati, le calzature dei màscär) o la voce acuta dei violini, non mancate di emozionarvi: il Carnevale sta per arrivare anche quest’anno, con sempre rinnovato spirito!

Alice Foglio