Strumenti

Un bresciano e un bergamasco sono stati arrestati dalla polizia dopo che sabato 26 avevano rapinato un supermercato a Brescia.

Nella serata del 26 gennaio, verso le ore 19, gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato due rapinatori, Z.E. (classe 1947, bresciano) e B.S. (classe 1962, bergamasco), che poco prima avevano portato a termine una rapina nel supermercato PRIX in via Divisione Acqui, fruttata un bottino di 2.200 euro.

I due, giunti sul luogo a bordo di uno scooter rubato, erano entrati nel supermercato travisati e, minacciando i cassieri con un taglierino e una pistola, poi rivelatasi giocattolo, hanno asportato il denaro contenuto nelle casse, alla presenza dei numerosi clienti.

I due soggetti risultano essere pregiudicati per analoghi episodi verificatisi soprattutto negli anni ’70, ma anche in tempi più recenti. In particolare Z.E. era stato già autore, nel settembre 2003, di una rapina presso l’ufficio corpi di reato del Tribunale di Brescia, in concorso con altri due soggetti, travisati e con l’uso di armi, venendo poi arrestato dai carabinieri giunti celermente sul posto.

I due rapinatori si trovano attualmente presso la casa circondariale Nerio Fischione di Brescia.