Strumenti

Una prima sezione del percorso descrive la Guerra attraverso le lettere e le cartoline scritte dagli studenti del Regio Istituto Tecnico Tartaglia di Brescia al loro Preside Arnaldo Foresti, che fu allievo del Carducci e che guidò l’istituto per geometri dal 1910 al 1935. Dalla corrispondenza emergono l’affetto e la stima provati da una cinquantina di studenti verso il loro Preside: sono, infatti, più di duecento le lettere e le cartoline scritte da questi - di cui alla mostra è presente una selezione -, inviate spesso dalla trincea e da zone di guerra,  per raccontare e condividere vissuti e speranze a colui che ritenevano essere un secondo padre.

Alle predette lettere ne vengono accostate altre inviate ai familiari da giovani soldati della bassa bresciana - esito di un lavoro di ricerca portato avanti dal Prof. Guerra con i propri studenti del Liceo Pascal di Manerbio - , che evidenziano l'angoscia del conflitto e la voglia di tornare alla propria casa per riabbracciare i propri cari.

Non meno significativi per descrivere il quadro storico e sociale relativo agli anni del primo conflitto mondiale sono i manifesti di propaganda italiana e tedesca ed i pannelli fotografici predisposti dal fotogarfo Cesare Mor Stabilini.

La mostra tematica rimarrà aperta sino al 7 dicembre dal lunedì al venerdì 14:30-18:30, martedì, mercoledì e giovedì 9.30-12.30, sabato 9.30-12.30. Sono possibili visite guidate prenotando al numero 0302593078.