SECONDO PIANO

Era stata segnalata alla Sala Operativa della Guardia Costiera di Salò da alcuni sub, che durante un’immersione nelle splendide acque del litorale di Gardone Riviera, si erano trovati davanti ai loro occhi una rete da pesca, che creava uno sbarramento pericoloso di circa 40 metri di lunghezza ad una profondità di circa 15 metri.

Oltre ad un immediato avviso ai naviganti e all’utenza tutta, rilanciato anche sul canale whatsapp in uso alla Guardia Costiera del lago di Garda, nel quale veniva reso noto il pericolo per le immersioni in quel tratto di lago per la presenza di una rete da pesca, si è contestualmente programmato un intervento congiunto tra Vigili del Fuoco e Guardia Costiera, teso ad individuare la rete e a rimuoverla dal fondale.

Nella fattispecie massima, come sempre, la sinergia tra il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Brescia e la Guardia Costiera del Lago di Garda, che nella giornata di ieri hanno portato a termine l’operazione di rimozione.

Due le squadre dei sub dei Vigili del Fuoco di Milano intervenute e due i mezzi navali della Guardia Costiera operanti a supporto delle immersioni eseguite dai sommozzatori VVF.

Le operazioni, iniziate nella tarda mattinata di ieri sabato si sono concluse dopo circa 3 ore, con l’individuazione da parte dei Sub dei VVF della rete e il recupero della stessa a bordo di uno dei mezzi navali della Guardia Costiera impiegati.

Sottoposta a sequestro amministrativo dai militari della Guardia Costiera, per violazione del Regolamento Regionale nr.5 della Regione Lombardia del 9 dicembre 2013, l’attrezzo da pesca in questione, ormai non più utilizzabile perché deteriorato per il lungo tempo di abbandono sul fondale, è stato recuperato e posto in apposito contenitore in attesa dell’autorizzazione amministrativa di avvio alla distruzione.

 

 

 

Proprio le precarie condizioni di mantenimento dell’attrezzo da pesca recuperato, non sarà semplice riuscire a individuare tracce che possano far risalire agli “IGNOTI” utilizzatori della rete sequestrata dai GUARDIACOSTE, ma l’attenzione per l’ambiente lacustre, per la sicurezza della navigazione e per le immersioni, finalizzata alla regolare fruizione delle splendide acque del Lago di Garda, sarà sempre massima da parte delle istituzioni che ieri, in sinergia, sono intervenute in tale contesto. 

 

 

 

Per garantire la legalità e la sicurezza dei luoghi di lavoro, nei giorni scorsi militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Salò, agenti della Polizia Locale di Prevalle e personale dei Vigili del Fuoco di Brescia hanno effettuato un accesso congiunto presso un'azienda del settore tessile a Prevalle.

L’attività di controllo congiunta è stata programmata con il primo obiettivo di contrastare la diffusione del lavoro in nero che non solo sottrae risorse all’erario, ma soprattutto colpisce i lavoratori, spesso sfruttati senza alcuna tutela. Oltre a ciò, si voleva verificare la salubrità dei luoghi di lavoro.

L'ispezione ha portato a identificare una decina di lavoratori, regolarmente residenti nel nostro Paese, quattro dei quali assunti in nero: per loro scatteranno ulteriori accertamenti da parte della Guardia di Finanza, dopodiché sarà elevata la relativa sanzione amministrativa, con contestuale diffida alla regolarizzazione.

Anche le condizioni di sicurezza del sistema antincendio erano piuttosto carenti; in particolare, sono in fase di verifica, da parte dei Vigili del Fuoco, le certificazioni dei vari impianti e il documento di valutazione dei rischi. La polizia locale di Prevalle sta invece verificando la situazione delle persone identificate per alcune delle quali non è stata fatta la dichiarazione di ospitalità, oltre a verificare che non ci sia promiscuità tra abitazioni e laboratorio tessile. 

La collaborazione tra Polizia Locale di Prevalle, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco, oltre a confermare la stretta sintonia tra istituzioni poste a presidio della legalità, ha portato ad un significativo risultato a tutela del mondo del lavoro. 

 

 

Nella mattinata di oggi, 30 aprile, sui muri del cimitero sono state rinvenute enormi scritte di accusa contro il 5G, i vaccini, lo stesso sindaco e perfino l'Agenda 2030, il tutto siglato con la classica W nel cerchio rosso, l'inconfondibile firma dei no vax. I carabinieri hanno immediatamente avviato le indagini. Il commento del sindaco, Giovanna Cottini.

Brutto risveglio quello di stamane per i bedizzolesi, non appena si è diffusa la voce che l'intero perimetro esterno del cimitero era stato imbrattato con scritte no vax, tra l'altro di caratteri cubitali. Gli slogan non sono nuovi, anche se qui si sono accostate tematiche diverse e oltre che contro i vaccini ci si scaglia contro il 5G, l'agenda 2023 e, più in generale, un sistema che vuole "depopolare", "schiavizzare", "uccidere". Viene nominato anche il sindaco Cottini, definito "complice del sistema criminale".

Non è la prima volta che i complottisti compiono atti vandalici di questo tipo nel Bresciano, tuttavia qui a colpire è il luogo scelto per quello che appare come qualcosa di molto più grave di una semplice bravata. Lo sottolinea lo stesso sindaco Giovanni Cottini che si dichiara "disturbato e indignato contro chi non rispetta un luogo sacro, custode della memoria dei bedizzolesi, che tutti amano e frequentano nel ricordo dei loro cari.

Il Comune ha già presentato denuncia ai carabinieri che hanno subito avviato le indagini e confidano nel supporto delle telecamere di videosorveglianza. Al momento viene confermato solo che è stata registrata la presenza di un uomo incappucciato in piena notte, ma non è dato sapere se siano stati ripresi anche altri complici. Le indagini proseguono nel più stretto riserbo, mentre procede la raccolta di indizi ed eventuali testimonianze. Appena le forze dell'ordine daranno il permesso, le scritte saranno immediatamente cancellate, con una previsione di spesa notevole, tra l'altro, che graverà sulle casse comunali.

Tutte le forze politiche presenti in consiglio si sono espresse contro il grave gesto compiuto e hanno manifestato piena solidarietà al sindaco. "Ringrazio tutti per la vicinanza - continua Cottini - che mi è giunta da tutte le forze politiche, ma anche da singoli cittadini che sono arrabbiati e indignati per un atto così grave che mai si era verificato nel nostro paese. Ad addolorare, oltre al sacrilegio verso il luogo, è la vigliaccheria di chi sceglie di colpire di notte, sottraendosi al dibattito democratico e al confronto in campo aperto".

Giovanna Gamba

Anche per quest'estate arriva il campus estivo presso la riserva del Funtanì.

Per i residenti nel Comune di Vobarno le iscrizioni sono aperte dal giorno 6 maggio; per i non residenti, invece, a partire dal 3 giugno 2024. Le iscrizioni devono essere effettuate mediante compilazione del modulo che si trova sul sito del Comune (a questo link) ed inviato ESCLUSIVAMENTE a mezzo mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Il pagamento dovrà essere effettuato ENTRO E NON OLTRE 3 giorni dalla ricezione della mail di conferma di iscrizione da parte dell’ufficio, nella quale verrà allegato avviso di pagamento PAGOPA. In caso di mancato pagamento l’iscrizione sarà nulla. Per qualsiasi informazione è possibile contattare l’ufficio al seguente numero 0365.596023.

Ogni settimana una nuova avventura, alla scoperta di leggende, fiabe, storie e miti! Sembra lontana ma appena ti volti… è arrivata l’estate ed è tempo di pensare a come trascorrere le calde giornate estive imparando cose nuove e divertenti alla Riserva Naturale Sorgente Funtanì tra scienza, natura, creatività e fantasia. Un’occasione di scoperta e divertimento per bambine, bambini, ragazze e ragazzi, per far crescere curiosità e immaginazione, autonomia e partecipazione nei boschi, prati e torrenti della Riserva tra maghi, streghe, draghi e spiriti del bosco.

I partecipanti saranno impegnati quotidianamente in laboratori scientifici ed attività creative, giochi di squadra, escursioni, sempre immersi nella Natura a due passi da casa. Le attività saranno contestualizzate all’ambientazione della settimana. E alla fine dell’estate verranno raccolte le storie create nelle varie settimane di campus in un libro Fantasy della Riserva Funtanì.

 

 

 

 

 

 

 

Il Centro per la famiglia Astrolabio ha organizzato un festival dedicato alla famiglia che ha preso il via in questi giorni e si concluderà a metà maggio. Tutti gli eventi in calendario sono gratuiti.

Il mese di aprile ha visto l'avvio delle attività del Festival delle famiglie, evento promosso e organizzato da Astrolabio, Centro per la famiglia del Garda. In un arco di tempo che si concluderà domenica 12 maggio, il Centro propone una serie di iniziative formative, aggregative e ricreative per famiglie con lo scopo di creare sinergie tra il centro e le realtà del territorio, dall'associazionismo alle stesse famiglie che lo abitano. 

Il Centro per la Famiglia è un progetto sperimentale di Regione Lombardia il cui scopo è promuovere il ruolo sociale, educativo e il protagonismo delle famiglie e di realizzare interventi a sostegno della genitorialità e del benessere di tutti i suoi componenti. Nato nel 2022, il progetto vede come ente capofila la Cooperativa Sociale Area Ets e annovera tra i partner l'Asst del Garda, l'Azienda Speciale Consortile Garda Sociale, la Cooperativa Sociale La Sorgente, il Laboratorio di Psicologia Clinica dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia e l'Associazione Kakapolab (FabLab Vallesabbia).

Attualmente il Centro per la famiglia gestisce uno sportello di informazioni e orientamento relativo alla rete dei servizi territoriali e uno sportello di consulenza psico-educativa per famiglie, aperto a genitori e a chiunque necessiti di uno spazio di ascolto e di confronto. Oltre a ciò, il Centro per la famiglia organizza sul territorio attività informative e formative, laboratori e iniziative riferite a vari target di età. Per tutte le informazioni sui servizi del centro è possibile contattare il numero 338.6674876 (anche whatsapp) o tramite mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ancora seguendo la pagina Instagram @centro_astrolabio.

Relativamente al Festival le attività finora proposte sono una Mini trekking per nonni e nipoti nella Valle delle Cartiere a Toscolano Maderno, una conferenza su stili di vita e prevenzione del decadimento cognitivo, un laboratorio creativo di manualità e arte per bimbi e genitori.

I prossimi appuntamenti sono in calendario per sabato 4 maggio. Il primo è una Teen Trekking per ragazzi adolescenti dai 14 ai 18 anni con partenza da Salò. Una trekking panoramica, possibilmente offline, guidata da educatori esperti su un percorso adatto a tutti alla scoperta dei sentieri del Garda. L'attività è gratuita ed è aperta a tutti i ragazzi dai 14 ai 18 anni, con ritrovo alle ore 14.30 nel piazzale antistante la Biblioteca di via Leonesio n. 4 .

La seconda proposta di sabato 4 maggio sarà invece una biciclettata per famiglie sulla pista ciclabile di Bedizzole: partenza alle ore 14.30 dal Parco Airone, a seguire sosta con attività di gioco, rientro e merenda insieme.  

Lunedì 6 maggio a Salò appuntamento aperto a tutta la comunità educante con Matteo Lancini, psicologo psicoterapeuta esperto sui temi dell'adolescenza. Lo stesso curerà un incontro dal titolo "Sii te stesso a modo mio. Essere adolescenti nell'epoca della fragilità adulta", presso l'Auditorium del Liceo E. Fermi di Salò alle ore 16.30. L'incontro è aperto a insegnanti, educatori, operatori sociali, famiglie e a tutta la comunità educante. La partecipazione è gratuita e non richiede iscrizione. 

Venerdì 10 maggio a Lonato sono invece attesi tutti i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 25 anni per una serata dedicata a Giochi da tavolo e giochi di ruolo con aperitivo. L'appuntamento è al punto giovani "Fuori Onda" di via Girelli n. 3. Alle 17 attività per ragazzi da 14 a 18 anni; dalle 19.00 attività per giovani da 19 a 25 anni. 

Il Festival si concluderà con una giornata di festa aperta a tutte le famiglie nella splendida cornice di Fondazione Cominelli a Cisano di San Felice: giochi, laboratori e attività per grandi e piccoli. La festa si svolgerà domenica 12 maggio a partire dalle 10. 

Tutte le attività sono gratuite e richiedono iscrizione (ad eccezione dell'incontro con il dott. Matteo Lancini). Per info e iscrizioni tel. 338.6674876 (anche whatsapp) o e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Obiettivo raggiunto. La prima Summer School organizzata sul lago di Garda dall’ OTG (Osservatorio per il turismo sul lago di Garda), Centro di ricerca dell'Università Cattolica del Sacro Cuore creato insieme a Comunità del Garda, si terrà dal 16 al 20 giugno 2024 con base presso l'hotel Acquaviva di Desenzano. Nei giorni scorsi è stato infatti raggiunto il limite massimo previsto per il numero di iscritti. Venti saranno i partecipanti che seguiranno l'intenso programma previsto per la “quattro giorni” tra lezioni di docenti di università italiane e straniere e professionisti del territorio, escursioni, esperienze di conoscenza, incontri e anche qualche momento di relax!

Con questa iniziativa l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha lanciato la prima Summer School sul Turismo di Lusso che si pone come obiettivo esplorare gli aspetti economici, manageriali e di imprenditorialità di questa declinazione specifica.

Il corso Luxury Tourism: Branding, Communication, Sustainability è stato possibile grazie al contributo di Terme di Sirmione, e vede la sinergia di Università Cattolica del Sacro Cuore, Comunità del Garda, Fondazione Ugo da Como di Lonato, Navigazione Lago di Garda.

Un’importante attività di crescita, unica nel suo genere e nella sua localizzazione, che intende favorire l'incontro e la specializzazione nell'ambito dell'economia del Turismo, concentrandosi sulle dinamiche del Turismo del Lusso e offrendo un'esperienza di alta formazione.

Nello specifico, gli ambiti di approfondimento riguarderanno l'analisi storico-economica e antropologica del Turismo del Lusso, la comunicazione d'impresa e le dinamiche dei settori social, l'approccio internazionale alla valorizzazione dei patrimoni disponibili nei territori, la fondamentale rilevanza delle competenze linguistiche e della storia, come strumento di incontro tra i Turismi nel mondo, le politiche territoriali tese allo sviluppo dei territori in chiave turistica.

Nel merito la dichiarazione del prof. Giovanni Gregorini, Professore di Storia economica, Direttore del Dipartimento di Scienze storiche e filologiche, Università Cattolica del Sacro Cuore; Direttore del Centro di Ricerca OTG (Osservatorio per il turismo sul lago di Garda): “La proposta della nostra Summer School ha riscosso notevole successo e rapidamente si sono esauriti i posti a disposizione. Purtroppo, abbiamo ricevuto altre richieste che per il momento non riusciamo ad esaudire ma ci auguriamo di poter presto offrire nuove occasioni di formazione attraverso il nostro Osservatorio in collaborazione con enti istituzioni e imprese del territorio”.

 

Giunge alla terza edizione il Festival della letteratura ambientale della SAT (Società Alpinisti Tridentini) di Arco che durerà dal 9 al 19 maggio, con numerosi appuntamenti presso il parco Nelson Mandela o in biblioteca e in altre sedi.  

Al Parco Nelson Mandela torna ad Arco il Festival della letteratura ambientale che giunge quest’anno alla sua terza edizione. Molti gli appuntamenti in programma, con alcuni format già consolidati negli scorsi anni – le presentazioni di libri in orario tardo-pomeridiano presso gli spazi del SottoTetto Urban Space, le passeggiate letterarie nel verde arcense – ma anche numerose novità. Quest’anno il festival prova infatti a coinvolgere anche le fasce più giovani e in particolare gli studenti, con un incontro di formazione dedicato alle classi dell’Istituto Gardascuola, e sperimenta un nuovo formato di riflessione letteraria nella natura: la biciclettata letteraria lungo il fiume Sarca.  

In totale sono nove gli appuntamenti al Parco Nelson Mandela e alla Biblioteca Civica B. Emmert per raccontare l’ambiente e il clima che cambia, le responsabilità dell’uomo, ma anche le armonie e le resistenze della natura. Tanti eventi con ospiti e tematiche diverse per provare a immaginare quali strade intraprendere per trovare nell’attuale crisi ambientale e climatica anche una grande occasione per ripensare i valori, i paradigmi e gli stili di vita. L’idea del festival nasce infatti dalla consapevolezza che sia necessario rivedere alcuni modelli economici e culturali, partendo delle basi, mediante una revisione collettiva e condivisa. 

“Vogliamo offrire degli spazi di dialogo e confronto - affermano gli organizzatori - che a volte, nell’attuale clima di polarizzazione e di informazione parziale e superficiale, è difficile trovare. Quest’anno, con un’offerta nuova e più variegata, speriamo di accrescere e diversificare il nostro pubblico perché solo dal confronto tra idee e visioni diverse possono nascere percorsi di cambiamento condivisi e condivisibili”. 

Il programma prevede incontri con autori di prestigio, ma anche una passeggiata e una biciclettata letterarie, per riflettere in cammino e osservare il territorio della città arcense, un incontro formativo a scuola, due giornate di attività per le famiglie all’aria aperta e letture per bambini, perché, del resto, si diventa anche quello che si è respirato sin da piccoli.   

Si comincia giovedì 9 maggio con una lettura animata per bambini a cura di Chiara Ioppi. Appuntamento alle ore 17.00 presso il Cortile di Palazzo Panni.  

Si prosegue venerdì 10 maggio con un incontro formativo dedicato agli studenti dell’istituto Gardascuola. Ospite dell’evento il giornalista Ferdinando Cotugno, che dialogherà con i ragazzi sui temi del cambiamento climatico e delle azioni personali e soprattutto collettive per “riparare” il mondo.  

Sempre venerdì 10 maggio, alle ore 17.30, al Parco Nelson Mandela è in programma il primo incontro con l’autore. Ferdinando Cotugno presenta “Primavera ambientale. L'ultima rivoluzione per salvare la vita umana sulla Terra”.

Sabato 11 maggio, alle ore 17.00, Gabriele Bertacchini – naturalista e scrittore – e Viola Ducati – divulgatrice ambientale – conducono una biciclettata letteraria dal titolo: “Il tempo della natura. La vita che continua”, presso la ciclabile del Sarca. Ritrovo al Parco Nelson Mandela.  

Domenica 12 maggio, dalle ore 9.00 fino al primo pomeriggio, la SAT di Arco propone la tradizionale giornata di piantumazione degli abeti a San Giovanni al Monte.  

Giovedì 16 maggio, alle ore 17.00, Astrid Mazzola conduce una seconda lettura animata per bambini, presso il Cortile di Palazzo Panni. 

Venerdì 17 maggio, alle ore 17.30, presso il Parco Nelson Mandela, lo scrittore Diego Leandro Genna presenta il suo libro di racconti “Natura corta”, una riflessione brillante ironica sulle società animali (e) umane.  

Sabato 18 maggio, alle ore 17.00, Gabriele Bertacchini e Viola Ducati conducono una passeggiata letteraria nell’olivaia dal titolo “Stare bene. Cosa ci insegna la natura”. Ritrovo presso il Parco Nelson Mandela.

Domenica 19 maggio il festival si chiude con una seconda giornata dedicata alle famiglie presso Bosco Caproni. A partire dalle ore 9.00 sarà possibile visitare il bosco e le cave di oolite e partecipare alle attività proposte dalle numerose associazioni coinvolte.  

Tutti gli incontri sono a partecipazione libera. In caso di pioggia gli incontri con gli autori e le passeggiate letterarie (in forma ridotta) si svolgeranno presso la sede della SAT di Arco, in via Sant’Anna 42, mentre le letture animate verranno realizzate negli spazi della Biblioteca Civica B. Emmert.  

Il Festival è organizzato dalla SAT di Arco, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Arco, la collaborazione della Biblioteca Civica Bruno Emmert, La Busa Consapevole e il Comitato di protezione e valorizzazione S. Giovanni al Monte e Gorghi di Arco e con il contributo di Apt Garda Dolomiti, Cassa Rurale Alto Garda e Rovereto, Distilleria Marzadro e Gobbi Sport. 

 

L'assessorato alla Cultura di Gargnano organizza 'Gargnano tra Arte, Tradizione e Storia', visite guidate con passeggiata condotte da Silvia Merigo, guida turistica abilitata. Appuntamento nelle domeniche di maggio alle 15.

Dopo un'anteprima nello scorso mese di aprile, le passeggiate guidate proseguiranno domenica 5 maggio alle 15 con LA GARGNANO DI LAWRENCE. L’itinerario prevede un percorso guidato tra il centro storico di Gargnano e il caratteristico borgo di Villa alla scoperta dei luoghi visti, frequentati e raccontati dal celebre scrittore inglese D. H. Lawrence. seguendo le sue parole dedicate a Gargnano. Il ritrovo è nel piazzale antistante la chiesa di San Martino, la durata prevista è di circa due ore.

Seguirà domenica 12 maggio alle 15 con IL MEDIOEVO GARGNANESE. L’itinerario prevede un percorso guidato che conduce dalla chiesa di San Francesco alla chiesa di San Giacomo, alla scoperta del Medioevo a Gargnano. Il ritrovo sarà presso il chiostro di San Francesco, la durata di circa due ore e mezza. 

L'ultimo appuntamento in calendario è previsto per domenica 19 maggio, sempre alle 15, con VIAGGIO NEL TEMPO A GARGNANO: TRACCE E SEGNI DI LUOGHI SCOMPARSI. L’itinerario prevede un percorso guidato nel centro storico di Gargnano, alla scoperta di luoghi ed edifici non più esistenti o che hanno cambiato la loro conformazione nascondendosi nell’abitato quotidiano. Dove era la chiesa di San Rocco? Cosa erano le antiche confraternite? I visitatori saranno accompagnati in una vera e propria indagine per guardare il patrimonio culturale con occhi diversi. Ritrovo nel piazzale antistante la chiesa di San Martino, durata di circa due ore.

La prenotazione è obbligatoria e va fatta presso l'Ufficio Cultura del Comune al numero 0365.7988305 oppure in Biblioteca chiamando il numero 0365.72625 o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il Teatro Gavardo, in collaborazione con la Parrocchia e il Comune di Gavardo, presenta la rassegna “Metti una sera a teatro”, sei spettacoli che saranno rappresentati al Salone Pio XI di Gavardo a partire da giovedì 2 maggio. Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

Mese di maggio decisamente ricco a Gavardo, con un ciclo di spettacoli per tutti i gusti, rappresentati due volte nel corso della rassegna che si svolgerà presso il Salone Pio XI alle 20:30. Fa eccezione la serata dedicata alla ormai celeberrima signora Maria che sarà allestite in piazza, sempre alle 20:30.

Ad aprire le danze giovedì 2 maggio e sabato 4 maggio sarà Andrea Giustacchini con un monologo di cui è autore oltre che interprete. “La forsa de l’amore” mette in scena riflessioni umoristiche e semiserie sull’eterno tema dell’amore, in uno spettacolo che utilizza diversi linguaggi teatrali per compiere quello che il protagonista definisce un “viaggio dal ridicolo al sublime e ritorno”.

Il secondo appuntamento sarà giovedì 9 e venerdì 10 maggio con “Il paese immaginario”, di e con John Comini. L'anima storica (e umoristica) del paese proporrà un viaggio nei ricordi, con immagini di una Gavardo d'altri tempi e di vari suoi personaggi caratteristici: èl Zanèla, le suore, i sacerdoti, la zia Orsolina, il dottor Rossini, le Acli, l’oratorio, le processioni, il fiume Chiese, il calcio, il grattacielo, il cinema Salone. La collaborazione per i video è di Andrea Giustacchini.

Giovedì 16 e venerdì 17 maggio vede riuniti Andrea Giustacchini, John Comini e Luca Lombardi, con la partecipazione straordinaria di Santino Maioli. Lo spettacolo dal titolo “Te recordet i temp endré” è costituito da una serie di canzoni della tradizione popolare condite da racconti e battute in dialetto, per trascorrere un’ora in allegria e leggerezza.

La quarta proposta è in calendario giovedì 23 e venerdì 24 maggio: in scena Luca Lombardi con “Chaplin, vita da cane”. Il testo di John Comini e dello stesso Lombardi è un monologo del migliore amico dell'uomo, in questo caso Chaplin che così si presenta: “Mi chiamo Chaplin, e la mia vita è stata un lungo percorso attraverso avventure, amore e libertà, un racconto intessuto con i fili sottili delle esperienze e dei legami che ho condiviso con voi, miei compagni umani. Le tracce delle mie zampe sono incise nei ricordi, nei cuori di coloro che hanno condiviso il loro cammino con me”. 

Domenica 26 maggio sarà la serata della signora Maria e si svolgerà in piazza (in caso di pioggia al Salone). Torna Paola Rizzi con nuove storie e gli indimenticabili episodi tratti dai successi del suo personaggio più famoso e amato dal pubblico. Racconterà le amiche, le serenate, l’incontro con il “suo” Piero, le feste di ballo, le divertenti nozze, il rapporto con il nipotino Cristian, in uno spettacolo di sicura presa sull’affezionato pubblico. La Signora Maria si avvale della sua cifra inconfondibile fatta di pillole di saggezza, piccoli pettegolezzi e ironia, immersa nel contesto dei nostri paesi, con uno scambio di battute che svelano il lato comico di tutti noi. "Libera uscita" è scritto da John Comini e va in scena per la regia di Peppino Coscarelli. 

La conclusione della rassegna sarà affidata ancora ad Andrea Giustacchini in un altro monologo da lui composto. Giovedì 6 e venerdì 7 giugno l'attore sarà “Don Chisciotte”: racconterà l’affascinante storia del Cavaliere dalla Triste Figura e del suo scudiero Sancio Panza e ripercorrerà le vie e i motivi del capolavoro di Cervantes, intrecciando una serie di prestiti spettacolari che vanno dalla filastrocca alla ballata popolare, dal rap al circo, dal cabaret alla parodia.

 

Mancano poco meno di due mesi alla Oxyburn Pompegnino Mountain Running: la gara si terrà infatti domenica 30 giugno e assegnerà i titoli italiani di corsa in montagna per le categorie Master femminili e maschili. La Libertas Vallesabbia, società che organizza l'evento tricolore, ha però già svelato le medaglie riservate agli atleti che sapranno tagliare il traguardo della prova. 

Le medaglie della Oxyburn Pompegnino Mountain Running, realizzate dall’azienda italiana Dal Mas, sono un ritratto della competizione che festeggia il decennale con un’edizione speciale. I finisher potranno mettersi al collo il simbolo delle difficoltà superate, con un profilo che rispecchia l’altimetria del percorso, e i colori della bandiera italiana, vessillo del Campionato nazionale Master di corsa in montagna. Una medaglia davvero unica e imperdibile. 

Intanto continua la possibilità di prenotare il proprio pettorale: gli atleti tesserati per la Fidal possono iscriversi online su fidal.it, mentre i podisti con tessera Runcard devono inviare una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. allegando una copia della stessa e il certificato medico d’idoneità agonistica per l’atletica leggera. Le maglie tricolori sono riservate alle categorie Master, ma alla gara di Pompegnino possono partecipare anche juniores, promesse e assoluti.

Sul sito dell’evento, cliccando qui, potrete inoltre trovare i contatti degli alberghi che proporranno ai partecipanti un’offerta convenzionata. In tutto sono attesi a Pompegnino circa 2mila atleti, perciò la Libertas Vallesabbia ha stretto una collaborazione con due alberghi del territorio. L’Hotel Al Poggio Verde e l’Hotel Edoné, entrambi collocati a pochi chilometri dalla sede agonistica, attendono al più presto le vostre prenotazioni alla tariffa agevolata.

La squadra gardesana prima per numero di podi al Meeting di San Miniato, provincia di Pisa.



Brillano i giovani atleti della Canottieri Garda Salò al Meeting Nazionale Nord di San Miniato, competizione di canottaggio riservata ad Allievi e Cadetti, che si è svolta nelle acque del Lago di Roffia, in provincia di Pisa, sabato 20 e domenica 21 aprile.

Ben 22 le medaglie conquistate dai vogatori gardesani – 7 ori, 5 argenti e 10 bronzi – in due giornate di gara segnate da condizioni meteo complicate. Un primato condiviso con Società Canottieri Baldesio (CR) e Circolo Canottieri Saturnia (TS), che fa della Garda la prima squadra per numero di medaglie sulle 77 partecipanti.

"Il primo Meeting Nazionale - ha commentato Matteo Pasini, responsabile della sezione canottaggio della Società Canottieri Garda Salò - è stato un'eccellente occasione per misurarci con atleti provenienti da ogni angolo d'Italia. La squadra ha dimostrato grinta e determinazione in ogni gara, e desidero congratularmi anche con i nostri giovani cadetti per i loro successi alle gare regionali, dove hanno portato a casa due ori e un bronzo. Vorrei inoltre esprimere un sentito ringraziamento agli allenatori Vittoria Tonoli e Francesco Niboli per il loro supporto. Ora i nostri atleti concentreranno le proprie energie e la loro dedizione sulle prossime regate in programma il 19 maggio a Gavirate”. 

Risultati della giornata di sabato:

1º posto singolo 7,20 Luca Luteriani 

2º posto singolo 7,20 Tommaso Migliavacca 

3º posto singolo 7,20 Gabriele Ferrari 

3º posto singolo 7,20 Tommaso Filippini 

1º posto singolo Diana Demkiv 

3º posto singolo Alessia Apollonio 

2º posto doppio Alvise Azzoni - Martino Caglioni 

3º posto singolo  7,20 Giacomo Bocchio 

3º posto singolo 7,20 Andrea Lanfranchi 

1º posto singolo 7,20 Leonardo Pavan 

1º posto singolo 7,20 Lorenzo Colossi 

1º posto singolo 7,20 allievi A Davide Guani 

3º posto 4X  Gioele Tarolli - Mattis Gabana- Andrea Massardi - Lorenzo Garuti 

3º posto 2X  Lorela Sollaku - Victoria Hoxha 

1º posto 8+ Lombardia con a bordo Luca Luteriani e Tommaso Migliavacca 

3º posto 8+ mix Lombardia con a bordo Diana Demkiv 

 

Risultati della giornata di domenica

2º posto Doppio Diana Demkiv- Alessia Apollonio 

2º posto 4X Gabriele Ferrari - Luca Luteriani - Tommaso Migliavacca- Tommaso Filippini 

1º posto 2X Giacomo Bocchio - Andrea Lanfranchi  

3º posto 2X Riccardo Bonaspetti- Alessandro Cherubini 

1º posto  2X Leonardo Pavan - Lorenzo Colossi 

3º posto singolo 7,20 Gioele Tarolli 

3º posto singolo 7,20 Andrea Massardi 

1º posto 8+ Lombardia femminile con a bordo Diana Demkiv 

 

Serena Cappa (Canottieri Garda) si è classificata seconda ai Campionati Italiani Giovanili di duathlon. In Umbria ottima prova della giovane atleta bresciana

Giovani campioni crescono: è il caso di Viola Cappa, classe 2009, che sabato 13 aprile a Magione (PG) ha portato i colori della Canottieri Garda Salò sul secondo gradino del podio della categoria Esordienti Youth A ai Campionati Italiani Giovanili di Duathlon.

Erano 11 complessivamente gli atleti Canottieri che hanno preso parte ai Campionati disputati in Umbria lo scorso fine settimana, su oltre 600 atleti provenienti da tutta Italia. Tra i salodiani si segnalano anche le prestazioni di Marco Alghisi e Davide Begni, rispettivamente 18° e il 28° al traguardo della categoria Ragazzi. 

“Siamo fiduciosi - ha commentato l'allenatore Alessandro Moretti a fine gara - che questi risultati positivi siano solo l'inizio di una stagione ricca di soddisfazioni e successi per la nostra squadra. Ringraziamo tutti coloro che hanno reso possibile la partecipazione e il successo della nostra squadra in questo importante evento sportivo”.

Servizi Ambiente Energia (SAE) Valle Sabbia, società partecipata della Comunità Montana Valle Sabbia e di molteplici Comuni del nord-est bresciano (Agnosine, Anfo, Bagolino, Barghe, Bione, Botticino, Capovalle, Casto, Gavardo, Idro, Lavenone, Mura, Muscoline, Odolo, Paitone, Pertica Alta, Pertica Bassa, Preseglie, Provaglio Val Sabbia, Rezzato, Roè Volciano, Sabbio Chiese, Serle, Treviso Bresciano, Vallio Terme, Vestone, Villanuova sul Clisi e Vobarno) eroga servizi ambientali ed energetici a 92.000 abitanti coprendo una superficie complessiva di 604 Kmq grazie ai sui attuali 59 dipendenti.

Per migliorare il servizio ai cittadini SAE intende dotarsi di ulteriori “Autisti raccoglitori” che sappiano condurre autocarri (con guida sia a destra che a sinistra) di portata superiore alle 3,5 tonnellate per la raccolta dei rifiuti attrezzati con vasche dotate di sistema di costipazione pala-carrello e con compattatori posteriori provvisti di sistema cassone-cuffia.

È con questo obiettivo che SAE reclamizza la realizzazione di una graduatoria (che resterà valida sino al 30/11/2024) dalla quale potrà attingere per successive assunzioni in funzione al posizionamento individuale raggiunto.

Il personale assunto, che dovrà essere dotato di patente C e della Carta di Qualificazione del Conducente (CQC), sarà inquadrato con qualifica di “operaio 3B”. 

La graduatoria sarà stilata in funzione del curriculum, di una prova orale e di una prova pratica alla guida e manovra di autocarri con tanto di sollevamento, movimentazione e simulazione svuotamento di bidoni carrellati.

Gli interessati dovranno presentare domanda di partecipazione al bando entro le ore 16:00 di giovedì 16 Maggio 2024.

Tutte le informazioni e il modello di domanda sono disponibili e consultabili sul sito:

https://esco.etrasparenza.it/archivio22_bandi-di-concorso_0_20205_639_1.html 

 Didascalia foto: l'immagine risale al 2021

 

 

Secoval, la società di servizi del nord-est bresciano compartecipata da una quarantina di Comuni medi e piccoli che guardano al futuro e che degli stessi rappresenta "il braccio tecnologico ed operativo", come sottolinea Giovanmaria Flocchini, Presidente della Comunità Montana di Valle Sabbia, ha approvato all'unanimità il Bilancio di esercizio 2023 dal quale emerge una significativa crescita di fatturato (+20%), sottolineando: "L'attività svolta in relazione ai fondi del PNRR è stata sicuramente importante e supporto prezioso per tutti i nostri Soci. Un servizio ulteriore svolto da Secoval che si è confermata realtà giovane, dinamica e capace di interpretare le necessità contingenti fornendo risposte efficaci e puntuali oltre che sempre di primissimo ordine dal punto di vista tecnologico-informatico".

La crescita del fatturato è stata sottolineata anche dall'Amministratore Unico Flavio Gnecchi, che ne ha fornito un’interpretazione dirimente: "Abbiamo raggiungo i 5,6 milioni di euro dai 4,7 dello scorso anno, ma siamo e restiamo una società di servizi a disposizione dei Comuni il cui fine non è aumentare l'utile o il dividendo economico, ma fornire il miglior servizio possibile al costo più basso. Se i ricavi crescono vuol dire che abbiamo lavorato di più per i Comuni e se i clienti ti richiedono sempre più servizi significa che apprezzano il lavoro che stai svolgendo. Inoltre, la nostra società è assolutamente solida e molto sana dal punto di vista patrimoniale-finanziario. Infatti, il capitale netto è cresciuto superando il tetto dei 300mila euro grazie ai 19mila euro di utile d'esercizio che abbiamo destinato a riserva".

I numeri, al di là delle tabelle del Bilancio, raccontano come il lavoro di Secoval, che nel corso del 2023 ha implementato il numero dei dipendenti raggiungendo le 48 unità (+3), sia stato intenso e rivolto a molteplici ambiti, ovvero sviluppando attività nell'area Tributi (trasmesso n. 43541 informative per l'Imu; n. 111.270 per la Tari; n. 2850 avvisi per il Cup) e gestendo l'imposta di soggiorno per i comuni di Anfo, Bagolino e Idro per complessive 116 strutture ricettive con oltre 80mila euro di incassi. Nel settore ICT (nel corso dell'anno sono stati aperti e gestiti 6972 ticket d'intervento presso i Comuni) sono state effettuate molteplici attività anche trasversali su tutti i servizi offerti e che hanno riguardato la formazione interna presso i Comuni attraverso webinar tematici, oltre ovviamente al supporto Informatico CED e Software, la Smart City ed il Geo Spatial Inventory, ma anche la gestione dello sportello Polifunzionale, il Suap, Il Web e la Privacy. Senza dimenticare il prezioso sostegno al servizio di protezione Civile, al RIM ed alla Statistica. Per l'area Fiscalità locale - Catasto sono state sviluppate attività specifiche per i comuni di Anfo, Barghe, Borgosatollo, Pertica e Preseglie, la Carta Unica Vallesabbia, hinterland-Gardesano e Vallecamonica. "Ci piace sottolineare che nel 2023 è stata progettata (e nel corso di questi mesi del nuovo anno iniziata concretamente a sviluppare) un'importante attività riguardante il Datacenter che è stato ampliato a 82TB dei quali solamente 58TB utilizzati per il momento" spiega Flavio Gnecchi puntualizzando: "abbiamo apportato miglioramenti complessivi ai cluster ed allo storage, insieme alla gestione efficiente delle macchine virtuali, che contribuiscono a fornire una maggiore affidabilità, scalabilità e capacità complessiva del sistema Datacenter".

Il Bilancio d'esercizio ha ottenuto anche il parere favorevole del Sindaco Unico Dr. Alberto Papa che ha sottoscritto la sua Relazione sottolineando come, rispetto alla sua attività di vigilanza, non siano emersi, nel corso dell'anno, fatti significativi meritevoli di intervento nei confronti sia di Soci che di creditori o in relazione ai principi di corretta amministrazione.

I criteri contabili adottati hanno permesso quindi di offrire una lettura della situazione a chiusura dell'anno 2023 semplice e lineare con ottimi presupposti per la continuità aziendale e in tal senso basti sottolineare che Secoval non ha esposizioni finanziarie né a breve né a lungo termine verso alcun soggetto” ha infine sottolineato Susanna Gaspari, Responsabile Area Amministrativa.

 

 

 

I numeri di Bergamo Brescia capitale della cultura 2023 presentati nei giorni scorsi nel salone Vanvitelliano a Brescia. Certamente il 2023 è stato un anno record per i risultati economici e gli arrivi: 6.552.779 presenze di turisti nel 2023 contro i 4.422.033 del 2022, pari a un + 39%.

Attenzione: va segnalato che in questo caso i metodi di rilevazione basati sui big data telefonici misurano la permanenza di un dispositivo agganciato ad una determinata cella. Un nuovo modo, insomma, di intendere le “presenze”, non più quelle tradizionali legate al pernottamento in una struttura dell’ospitalità, ma il soggiorno di almeno 8 ore (non periodico) in un determinato luogo. Un alto livello di profilazione che da una parte consente di rilevare le effettive presenze sul territorio ma che non è collegato necessariamente al pernottamento e a tutto ciò che esso comporta, tassa di soggiorno compresa. 

Le notti, insomma, si possono contare (756.000 nel 2023, + 210.000 rispetto al 2022), la presenza registrata via smartphone è ovviamente più fluida. Insomma circa un "visitatore" su otto ha pernottato nella città. Se applicassimo sommariamente lo stesso parametro sul lago di Garda che nel 2023 ha registrato 25 milioni di presenze (notti dormite), dovremmo giungere alla cocnlusione che i visitatori sul Garda sono stati almeno 200 milioni!

Cerca un articolo

Segnala un evento


Segnala un evento
 

Area Riservata


area riservata 51news
 

Social

Per la tua pubblicità chiama al 346/3095149

Nella classifica dei 20 borghi più attrattivi (Istat), brillano i due Comuni bresciani: Tremosine sul Garda risulta l'ottavo borgo più visitato su 355, Gardone Riviera tredicesimo.

Tra i borghi più belli d’Italia spiccano fra i più visitati nel 2023 due Comuni bresciani: Tremosine sul Garda all’ottava posizione e Gardone Riviera al tredicesimo posto. E’ quanto emerge dai dati Istat presentati in occasione della 24esima Assemblea Nazionale dei Borghi più belli d’Italia, svoltasi nei giorni scorsi a Irsina (MT).  Lo studio rileva che i 20 borghi italiani più turistici raccolgono il 53,4% delle presenze totali, pari a circa 10 milioni di presenze. In questi numeri si inserisce la performance bresciana con Tremosine sul Garda nella ‘top 10’, all’ottavo posto, con 349.958 presenze turistiche, e Gardone Riviera tredicesima con 246.890 presenze.   

L’Assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda di Regione Lombardia, Barbara Mazzali, commenta:  “Il risultato di Tremosine sul Garda ci riempie di orgoglio dimostrando che la Lombardia è un riferimento importante anche per il turismo dei borghi, sempre più in crescita”.  Tremosine sul Garda è un gioiello incastonato tra lago e cielo, raggiunto ogni anno da migliaia di turisti, per  la magica vista che si gode dalle tante terrazze, la maestosità della Strada della Forra e la ricchezza naturalistica del suo entroterra. Ma a questo risultato concorre senza dubbio il grande lavoro svolto  quotidianamente da tanti operatori locali”. Altrettanto orgoglio è espresso da Mazzali per il posizionamento di Gardone Riviera, dove “ad attrarre è indubbiamente il Vittoriale, complesso monumentale fatto realizzare a Gardone Riviera negli anni Venti del Novecento dal poeta Gabriele d’Annunzio, ma ancora una volta a conquistare è il nostro spettacolare Lago di Garda”.

 

Nei giorni scorsi i consiglieri regionali Massardi e Malanchini hanno consegnato un attestato di riconoscimento a Carlo Oliva, 98enne di Odolo, per la sua capacità imprenditoriale.

 

I consiglieri regionali Floriano Massardi e Giovanni Malanchini hanno consegnato un attestato di riconoscimento a Carlo Oliva, imprenditore e fondatore insieme ai fratelli della Olifer di Odolo, azienda specializzata nella produzione di laminati mercantili e trafilati che fa parte del gruppo Olifin. Un’azienda storica, che nasce agli albori dell'Ottocento, quando fu attivata a Odolo la prima fucina. Carlo Oliva ha festeggiato il 7 aprile i suoi 98 anni e oggi, al museo del ferro di Odolo, viene trasmesso il trailer del docufilm a lui dedicato. 

“Carlo Oliva rappresenta un vero orgoglio per Brescia e per le comunità della valli bresciane. La sua eccezionale capacità imprenditoriale - dichiara Floriano Massardi, presidente della Commissione Agricoltura, montagna e foreste di Regione Lombardia - gli ha permesso di radicare un’attività di successo su un territorio montano ed è quindi un esempio di lungimiranza e caparbietà per tutti e soprattutto per le nuove generazioni. A nome di Regione Lombardia abbiamo voluto ringraziare questo straordinario uomo per tutto quello che ha fatto per il nostro territorio, dando lavoro a tantissime persone e portando lustro alla nostra terra”. 

“La sua storia - aggiunge Giovanni Malanchini, presidente della Commissione speciale Autonomia e riordino delle autonomie - è un esempio di successo per la Lombardia e merita di essere raccontata e celebrata. È stato un onore poter incontrare e rendere omaggio a quest’uomo, noto per la sua determinazione e la sua capacità di innovare, caratteristiche che gli hanno permesso di creare nuovi posti di lavoro e di contribuire allo sviluppo economico della zona. Auspichiamo che la sua storia possa ispirare molte persone a fare la differenza nella propria comunità e non solo e a portare avanti il tipico ‘saper fare’ lombardo”.

I due consiglieri hanno anche consegnato a Oliva una lettera da parte del presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana per esprimere la sua gratitudine.

 

L'associazione Christian Hubmann propone per sabato 20 aprile alle 11:30 la celebrazione del matrimonio fra i duchi di Mantova presso Palazzo Benamati. Il corteo in abiti d'epoca si snoderà per le vie del centro, così che tutti possano ammirare gli splendidi abiti dei protagonisti.

La principessa Isabella Clara d'Asburgo, alias Annamaria Bogna, incontrerà lo sposo, il duca Carlo II Gonzaga Nevers, alias Claudio Pagani, e i due saranno uniti in matrimonio dall'illustrissimo e nobile Alcade di Toscolano Maderno presso Palazzo Benamati.

Il corteo nuziale si snoderà dal palazzo lungo via San Bartolomeo, poi sulla strada statale fino alla parrocchia di Sant'Andrea Apostolo. 

(immagine d'archivio)

Prossimi Eventi

Per la tua pubblicità chiama al 346/3095149