Cultura

Dopo il successo della prima serata, continuano gli appuntamenti dedicati a Italo Calvino: questa sera, 6 agosto, e sabato 8 alle 21 in Broletto (via cardinal Querini 9).

 

La trilogia dedicata ad uno dei più importanti narratori del Novecento ha preso il via nei giorni scorsi con la rassegna “I nostri antenati” e la prima serata dedicata a “Il visconte dimezzato”. Questa sera sarà presentato “Il cavaliere inesistente”, mentre sabato sarà la volta di “Il barone rampante”.

Nel sessantesimo anniversario della pubblicazione, tre reading ridanno vita ai romanzi fantastici e allegorici di Italo Calvino. La rassegna dedicata ai capolavori della letteratura italiana del Novecento vuole rendere omaggio ad uno dei più grandi intellettuali del nostro paese.

“Il cavaliere inesistente” vedrà in scena come attore Antonio Palazzo e alla tastiera Giovanni Colombo. Agilulfo, paladino di Carlo Magno, è un cavaliere valoroso e nobile d'animo. Ha un unico difetto: non esiste. O meglio, il suo esistere è limitato all'armatura che indossa: lucida, bianca e... vuota. Non può mangiare né dormire perché, se si deconcentra anche solo per un attimo, cessa di essere. Una storia ambientata nell'inverosimile medioevo dei romanzi cavallereschi, ma vicina più che mai alla realtà del nostro tempo.

“Il barone rampante” sarà interpretato da Filippo Garlanda, con Daniela Savoldi al violoncello. All’età di dodici anni, a seguito di un litigio, Cosimo Piovasco di Rondò decide di salire sugli alberi per non scenderne più. Una storia di fascino intramontabile, una riflessione insieme divertente e amara sulle conseguenze di ogni scelta e l’importanza del punto di vista. Un classico della letteratura italiana da rileggere e riscoprire: moderno, visionario, poetico e umoristico, affascinante ritratto di un’epoca, il XVIII secolo. “La disobbedienza acquista un senso solo quando diventa una disciplina morale più rigorosa e ardua di quella a cui si ribella”, così scriveva Italo Calvino nella prefazione al romanzo.

Gli eventi sono ad ingresso gratuito e si svolgeranno nel rispetto delle normative in materia di tutela della salute per l’emergenza Covid-19. Apertura porte dalle ore 20.30. In caso di maltempo gli spettacoli avranno luogo all'Auditorium San Barnaba (Corso Magenta, 44).

Per informazioni www.cielivibranti.itQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 328.5897828 – www.facebook.com/CieliVibranti/. – www.instagram.com/cielivibranti_brescia

A fronte delle numerose richieste ricevute nella serata del 29 luglio sarà garantito l’ingresso gratuito al Parco del Vittorialein occasione dell'Anniversario Ludwig van Beethoven. Il primo concerto all’anfiteatro finalmente completato in marmo rosso di Verona Vittoriale degli Italiani, 29 luglio alle ore 21 – ingresso a offerta libera.

Dopo l’inaugurazione dello scorso 4 luglio, l’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani ha finalmente aperto il sipario sulla sua nuova veste in marmo rosso di Verona. Parlaggio è il nome della conca marmorea sotto le stelle di cui a lungo Gabriele d’Annunzio sognò la realizzazione e che oggi, a quasi settant’anni anni dalla sua prima inaugurazione e grazie a un finanziamento di Regione Lombardia, è stato infine possibile completare.

 

Nella serata del 29 luglio, alle ore 21, il Parlaggio ospiterà il primo concerto della sua rinascita. Sul suo palcoscenico rinnovato si riunirà l’Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano: Anniversario Ludwig van Beethoven è il titolo del programma che sarà eseguito sotto la direzione del Maestro Gábor Takács-Nagy, un omaggio al compositore tedesco di cui si celebrano quest’anno i 250 anni dalla nascita.

Grande il consenso riscontrato dall’iniziativa, che prevede l’ingresso a offerta libera il cui ricavato andrà a sostenere il restauro della facciata della Prioria, la casa del Poeta, ulteriore tassello nel completamento della Riconquista – il programma di restauro avviato dal Presidente Giordano Bruno Guerri che vedrà entro il 2021, centenario della dimora dannunziana, la riapertura totale dei suoi spazi. Spinti dalla volontà di non chiudersi a questa positiva risposta di pubblico che, nello spazio di pochi giorni, ha portato le prenotazioni a esaurire i posti disponibili, si è dunque giunti alla decisione di consentire, per l’intera serata del 29 luglio, l’accesso gratuito al Parco del Vittoriale.

La visita agli spazi esterni sarà possibile grazie al progetto di illuminazione esterna, vera e propria opera di illuminotecnica, recentemente realizzato grazie a un accordo tra Regione Lombardia, Fondazione Il Vittoriale degli Italiani e A2A, rappresentando un’ulteriore occasione di ammirare il Parco nel momento del giorno che più ispirò la vita e la produzione poetica di chi di questo luogo fu artefice e cantore. Occasione che si aggiunge all’ormai tradizionale Notturnale, il programma di speciali visite serali che anche quest’anno, per tutti i sabati di agosto, torna ad aprire le porte a un percorso di scoperta completo, dal Parco alla Prioria, passando per il Museo d’Annunzio Segreto, L’Automobile è femmina, la Nave Puglia e il MAS.   

Così il Presidente Giordano Bruno Guerri: “L’appuntamento vuole essere prima di tutto un omaggio del Vittoriale al suo pubblico affezionato, che dopo la riapertura dello scorso maggio è tornato numeroso – spesso più di mille visitatori al giorno - a percorrere le vie del Parco e a riempirne le sale dei musei. A questo pubblico daremo anche la possibilità di contribuire, con un’offerta libera, alla “perfettissima bellezza” di un patrimonio unico al mondo”.

 

Di seguito il programma della serata:

Anniversario Ludwig van Beethoven

Beethoven, Le Creature di Prometeo, ouverture

Andreas Gies, Suite Leonardiana - PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA

(II classificato al Concorso di Composizione I Pomeriggi Musicali)

Beethoven, Sinfonia n. 4 in si bemolle magg. op. 60

Direttore: Gábor Takács-Nagy

Orchestra I Pomeriggi Musicali

 

Sarà LORENZO MONGUZZI, cantautore brianzolo, già leader dei Mercanti di Liquore, collaboratore e musicista di Marco Paolini, ad aprire la rassegna JAZZ E DINTORNI che porterà nella splendida cornice del sagrato della Rocca di Sabbio Chiese (Bs) tre serate di grande musica. Giovedì 23 luglio alle ore 20:30 Lorenzo Monguzzi sarà protagonista della prima serata di questa rassegna. Il titolo di questo primo appuntamento sarà MUSICA CONTROMANO

Canzoni che raccontano storie, musiche nate e cresciute in provincia, per descrivere un mondo di periferia che orgogliosamente difende la propria identità.
Vite contromano e personaggi capaci di piccoli e meravigliosi gesti.

Lorenzo Monguzzi: voce, chitarra e percussioni
Alex De Simoni: voce, fisarmonica e strumenti giocattolo  

La rassegna "Jazz e Dintorni"

Alla Rocca di Sabbio Chiese una rassegna dedicata al Jazz e alla grande musica d'autore.
Tre appuntamenti con tre grandi protagonisti della scena musicale italiana. Si passa dal Jazz alla grande canzone d'autore, il tutto in uno scenario suggestivo e magico qual è il sagrato della rocca di Sabbio Chiese.

Si comincia giovedì 23 luglio alle ore 20:30 con il cantautore Lorenzo Monguzzi, ex leader dei Mercanti di Liquore, collaboratore e musicista di Marco Paolini che presenterà, accompagnato da Alex De Simoni, una serata dal titolo “musica contromano”.

Domenica 26 luglio sarà la volta di Mauro Ottolini con “trio campato in aria”.
Mauro Ottolini (trombone, tromba basse e conchiglie), Thomas Sinigaglia (fisarmonica) e Marco Bianchi (chitarra classica) proporranno una serata dal gusto Jazz

Si chiude Domenica 2 agosto con un vecchio leone del Jazz bresciano. Sandro Gibellini con Alfredo Ferrario presenterà una serata dedicata a Fats Waller.
Sandro Gibellini (chitarra), Alfredo Ferrario (clarinetto), Roberto Piccolo (contrabbasso) e Massimo Caracca (batteria) regaleranno una serata elegante e raffinata.

Info e biglietti:

Inizio concerti ore 20:30 (i concerti si terranno anche in caso di maltempo e si svolgeranno presso il piano superiore del Santuario della rocca)

Il costo del biglietto è di 10 euro - posto unico Rocca di Sabbio Chiese
Prenotazione obbligatoria possibile telefonando al numero 036585375 / 3381495924 o via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
𝐏𝐑𝐄𝐍𝐎𝐓𝐀𝐙𝐈𝐎𝐍𝐈 𝐀𝐏𝐄𝐑𝐓𝐄 𝐃𝐀 𝐋𝐔𝐍𝐄𝐃𝐈' 𝟏𝟑 𝐋𝐔𝐆𝐋𝐈𝐎 𝐎𝐑𝐄 𝟗.𝟎𝟎 𝐏𝐄𝐑 𝐈 𝐏𝐑𝐈𝐌𝐈 𝐃𝐔𝐄 𝐂𝐎𝐍𝐂𝐄𝐑𝐓𝐈

Accesso e svolgimento dei concerti in totale sicurezza e nel rispetto delle norme anti covid vigenti!  

 

“Uno sforzo collettivo di affermazione della necessità di rinascere”: così Francesca Bazoli, presidente della Fondazione Brescia Musei, ha definito la mostra itinerante “GestoZero. Istantanee 2020”, ospite al Museo di Santa Giulia dall’1 agosto al 20 settembre 2020.

Una mostra che nasce come “chiamata alle armi” degli artisti bresciani, bergamaschi e cremonesi, in risposta all’appello lanciato da Maurizio Donzelli ad aprile 2020: davanti alla tragedia del Covid-19, dove sono gli artisti? Dove il loro lavoro diventa unico e uguale per tutti? Prende così forma il Manifesto “GestoZero”, seguito da una pagina Instagram e, infine, dalla mostra. Al cuore del Manifesto, una citazione del filosofo Giorgio Agamben: “Come abbiamo potuto accettare […] che le persone che ci sono care e degli esseri umani in generale non soltanto morissero da soli, ma che […] i loro cadaveri fossero bruciati senza un funerale?”. Una provocazione alla quale l’esposizione prova a dare voce attraverso la domanda: “Cosa c’è dopo il gesto zero?” e il contributo di 71 fotografie d’artista e 41 opere, che rappresentino quanto allo spettatore è solitamente celato: “Mani che pensano e, pensando, fanno”, la musicalità del gesto raccontata in soggettiva.

L’esibizione, curata in particolare da Ilaria Bignotti insieme ad ACME Art Lab, Giorgio Fasol e Matteo Galbiati, si divide in quattro macro-percorsi che, partendo dal grado zero della pittura, attraverso il rapporto tra isolamento, condivisione e memoria, giungono al concetto di rigenerazione e “incominciamento”. Il gesto artistico come capacità di vivere nuovamente, per “aprire forse ancora una porta, o solo una fessura, per infinite altre porte da aprire”, come scrisse il pittore Emilio Vedova nel 1954.

“Siamo in un tempo sospeso: è necessario parlare con linguaggi diversi ai cittadini, per elaborare il lutto, le sofferenze e la mancanza di relazione” - afferma il sindaco Emilio Del Bono - “Non sprechiamo questa occasione unica nella storia, lasciamo una traccia”.

Chiara Mento

 

 

La suggestiva spiaggia delle Muse torna protagonista delle albe e delle notti sirmionesi con 4 imperdibili appuntamenti organizzati dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con i musicisti del Gruppo Caronte e gli astrofili dell’Unione Astrofili Bresciani; un vero teatro naturale in grado di raccontare una Sirmione profondamente immersa nei primordiali ritmi dell’universo, di nuovo a contatto con il sole che apparirà alle spalle del Monte Baldo e con le stelle che lentamente compariranno nel cielo. Sabato 1 agosto e venerdì 14 agosto tornano gli amati concerti della rassegna “Quando le stelle vanno a dormire”, alle 5 del mattino. “Tu mi fai girar”, la canzone italiana dal 45 giri al cd e “Il sole nero”, percorso in veste classica tra Metal e contaminazioni, i titoli dei due eventi in programma organizzati in collaborazione con il Gruppo Caronte. Dalle stelle che “tramontano” alle stelle che brillano in cielo, staremo tutti “con il naso all’insù” per osservarle in un modo unico e straordinario. Sabato 1 agosto e sabato 29 agosto alle 21:30 gli astrofili dell’Unione Astrofili Bresciani ci condurranno in un incredibile viaggio tra costellazioni e galassie, insegnandoci ad osservare il cielo con finissimi strumenti tecnologici, ovvero dei telescopi professionali. Un’esperienza culturale di grande valore, perfetta per tutti coloro che sono affascinati dallo spazio e dai suoi infiniti sistemi.

Gli appuntamenti 

Spiaggia delle Muse:  Quando le stelle vanno a dormire 

> sabato 1 agosto ore 5:00 - Gruppo Caronte in concerto Tu mi fai girar, la canzone italiana dal 45 giri al cd

> venerdì 14 agosto ore 5:00 - Gruppo Caronte in concerto

Il sole nero, percorso in veste classica tra Metal e contaminazioni

Spiaggia delle Muse: Con il naso all’insù a guardare le stelle

> sabato 1 agosto e sabato 29 agosto ore 21:30
Osservazioni astronomiche al telescopio con l’Unione Astrofili Bresciani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:8.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}

Due debutti in uno: giovedì 23 luglio alle 21:15, presso il Parco dei Frati francescani a Rezzato, il gruppo “Amici di Bacco” si presenta sulla scena pubblica organizzando la prima dello spettacolo “Divergenze. Viaggio tra parole e musica”. Ingresso libero, ma prenotazione obbligatoria ai numeri 328.0747927 o 320.8895656. In caso di maltempo, lo spettacolo sarà rinviato a data da definirsi.

 

Andranno in scena gli attori Matteo Baronchelli e Valerio Busseni, con Sandro Cuccuini alla tastiera, per la regia di Ennio Pasinetti. Uno scontro/incontro brillante, surreale e ironico, incantato e comico tra testi di Achille Campanile, Giorgio Gaber, Ascanio Celestini, Alessandro Bergonzoni, Woody Allen, Antonio Albanese e musiche che spaziano da Mozart a Jannacci, da Carosone a Cocciante, da Verdi a Paoli. Un aspirante cantante lirico e un uomo disperato collidono e poi si divaricano in scena, l’uno estraneo all’altro, magicamente accostati dalla musica, che cerca un filo, l’incastro di un puzzle. Lo scontro non deflagra, anzi devia all'umoristico, talvolta alla risata: monologhi e canzoni sciolgono le prospettive divergenti in incontri inattesi, spiazzanti e creativi.

L’occasione è propizia a mettere sotto i riflettori i giovani del neonato sodalizio “Amici di Bacco”, costituitosi per valorizzare il patrimonio arboreo e la bellezza artistica del parco posto sul colle rezzatese di S. Pietro, scenografico fondale della neoclassica Villa Fenaroli. Il gruppo nasce nel pieno dell’inverno, ma, come i semi sotto terra, è destinato a fiorire con la bella stagione, quest’anno un po’ ritardato, come molto altro, dall’emergenza contagio. È infatti il 2 gennaio 2020 la data ufficiale di costituzione di un gruppo di giovani rezzatesi che prendono per nome il parco pubblico che domina l’abitato. La motivazione che spinge alla creazione del gruppo è la comune volontà di dedicare il proprio tempo libero alla riscoperta e valorizzazione dei luoghi tipici e di speciale bellezza del paese. Tutti i componenti amano Rezzato, il suo patrimonio paesaggistico, d’arte e di storia, nel quale spicca il parco retrostante la Villa Fenaroli, comunemente detto Parco di Bacco.

L’obiettivo primario del gruppo è rendere il Parco di Bacco un luogo di maggiore fruibilità, favorendo l’organizzazione di eventi di carattere aggregativo senza scopo di lucro. Si intende mettere a disposizione risorse di volontariato per la pulizia del colle, la manutenzione ordinaria del verde e la cura delle essenze arboree, in particolare l’oliveto, secondo le migliori tecniche colturali, garantendo una corretta e razionale gestione. Così il gruppo, che si dà consistenza come branca della Cooperativa di Consumo, si intende affiancare all’attività già in parte svolta all'interno dell'area grazie all'associazione “Naturalmente”, con la quale subito si mette in sinergia, integrandosi con quella azione pure volontaria, ma aggiungendo il desiderio di promozione e conoscenza storico-artistica del luogo, vero fiore all'occhiello per la comunità rezzatese.

Ennio Pasinetti

(La foto è di Lisa Agnelli, che ringraziamo)

Venerdì 7 agosto alle 20:30, in castello a Bedizzole (piazza Falcone e Borsellino), l'assessorato alla Cultura organizza la lettura teatrale per voci e musica dal vivo "Le stagioni in città", liberamente ispirata a "Marcovaldo" di Italo Calvino.

L'ingresso è libero, ma serve prenotarsi lasciando nome e numero di telefono allo 030.6872735. Le prenotazioni si accettano fino a esaurimento dei posti disponibili; bisogna infatti garantire le distanze di sicurezza tra ogni posto a sedere. Gli spettatori si devono presentare dotati di mascherina per ogni evenienza ed evitare di creare assembramenti).

Visita dell’Assessore alla Cultura della Regione Lombardia Stefano Bruno Galli alla sede dell’Ecomuseo del Botticino alla presenza dei sindaci degli 11 comuni. Appuntamento Venerdì 24 luglio ore 17.00 presso Palazzo Morani a Prevalle. Ad accoglierlo ci saranno i sindaci o delegati degli 11 comuni afferenti all’Ecomuseo (Comune di Brescia, Comune di Botticino, Comune di Prevalle, Comune di Rezzato, Comune di Serle, Comune di Nuvolento, Comune di Gavardo, Comune di Vallio Terme, Comune di Nuvolera, Comune di Mazzano, Comune di Paitone)di cui la maggior parte ha già confermato la presenza. L’incontro vuole far conoscere l’area carsica da Brescia a VallioTerme e le attività dell’Ecomuseo, che hanno l’obiettivo di valorizzare la cultura locale, il territorio e le tradizioni e supportare i singoli comuni. Nell’occasione verranno presentate -le attività dell’Ecomuseo, -il ricco programma culturale di valorizzazione del territorio dei prossimi 6 mesi,-gli appuntamenti in calendario di degustazione dei piatti tipici(Oc de San Martì, Spiedo di Serle, Casoncello di S. Andrea),ed i prodotti locali (vino di Botticino, Torta di San Martino, Acqua Castello, etc.).

L’assessore visiterà anche la Rocca d’Anfo, il Museo di Gavardo e la Rocca di Manerba.

 

Seducenti giochi d’acqua, catturati e resi indimenticabili dagli scatti fotografici di Claudio Koporossy, saranno i protagonisti di una mostra che sarà allestita al Vittoriale degli Italiani, nel Museo del Mas, dal 18 luglio al 20 settembre 2020. La magnifica ossessione di Koporossy, questo il titolo della mostra curata dal Presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri e organizzata da Il Cigno GG Edizioni, che ne realizza anche il catalogo, si compone di 30 scatti fotografici inediti nati nel corso del lockdown, trascorso dall’artista sulle montagne svizzere. E di una vera e propria “ossessione” si tratta, se magnifiche opere che hanno per soggetto l’acqua sono già state esposte dall’artista italo-svizzero a San Pietroburgo, Kuwait City, Londra, Napoli, Roma: ma quelle del Vittoriale saranno immagini tutte presentate al pubblico per la prima volta.

“Continuo questo mio viaggio nel meraviglioso mondo della fotografia – dichiara Claudio Koporossy - ma ancor più nel mondo meraviglioso dell’acqua, denominata «oro blu». Le fotografie esposte in questa mostra al Vittoriale sono legate ai recenti eventi dovuti alla pandemia del Covid-19. Difatti, all’inizio di marzo, quando cominciava a profilarsi il confinamento, ho pensato bene di rifugiarmi nelle montagne svizzere. Non mi era mai successo di rimanere fermo nello stesso posto per tre lunghi mesi. Dal punto di vista fotografico un’esperienza veramente unica e, devo dire, estremamente istruttiva. Ho fatto fotografie quasi tutti i giorni: ruscelli, cascate, fontane. E poi foglie e fiori di tutti i colori. Relativamente pochi soggetti, a dire il vero, ma è proprio per questa scarsità che alla fine ho realizzato le foto esposte. Il fatto di insistere, giorno per giorno, con lo stesso soggetto scoprendone, di volta in volta, aspetti, dettagli, angoli, che mi hanno permesso di maturare idee sempre nuove. È stato un processo veramente sorprendente e particolarmente affascinante”.

“La passione di Gabriele d’Annunzio per l’acqua è nota – sottolinea Giordano Bruno Guerri - sia per navigare, sia per bere: “Ottima è l’acqua”. E all’acqua è legata una delle sue imprese più celebri, la Beffa di Buccari con il Mas oggi al Vittoriale degli Italiani. Per questo ho voluto proprio intorno al Mas la bellissima mostra di Claudio Koporossy con la sua “magnifica ossessione” per l’acqua: fermata con macchine e macrofotografie sofisticate, anziché immobilizzarsi acquista vita, slancio, spruzza, gongola, danza in forme innumerevoli, esaltata dai colori e dalla velocità. Sott’acqua ci sono dei fiori dalle tonalità struggenti. Li intendo come un omaggio a tutti i caduti in mare, in guerra e in pace. Quale immagine più dolce dei fiori poggiati nell’acqua come ultimo tributo alla vita? Sì, ottima è l’acqua, caro Koporossy, e la tua è ottimissima”. “Inerpicandosi nel Vittoriale, lungo la collina che si adagia sul lago – dichiara Lorenzo Zichichi, presidente della casa editrice - oltre alla Nave Puglia, vi è il Museo del Mas (Motoscafo Anti Sommergibile, ma per d’Annunzio l’acronimo si scioglie in Memento Audere Semper, ndr), con questo straordinario motoscafo che fece compiere ardite imprese ai nostri patrioti ed ai Futuristi. Il Mas si presenta come un perfetto involucro per contenere mostre: vi è una installazione d’arte contemporanea collocata sotto la chiglia, e ora la personale di Koporossy lo completa, perché uscendo dal museo si scorge il meraviglioso giardino concepito da d’Annunzio, mentre all’interno si possono ammirare i meravigliosi giochi d’acqua che soltanto Koporossy sa rendere immobili: uno scambio tra interno ed esterno, capace di rendere ancora più suggestivi sia la mostra, sia il percorso dannunziano”. All’inaugurazione della mostra, che si terrà sabato 18 luglio, alle ore 18.00, al Museo del Mas, interverranno Giordano Bruno Guerri, Claudio Koporossy e Lorenzo Zichichi. Dalle ore 17.30 l’ingresso al Parco del Vittoriale sarà gratuito, rappresentando un’ottima occasione per i visitatori di poter ammirare anche la ‘nuova veste’ dell’Anfiteatro del Vittoriale, recentemente inaugurato nella sua nuova copertura in marmo rosso di Verona: il Parlaggio, come l’aveva rinominato d’Annunzio, era infatti rimasto incompiuto per mancanza di fondi, fino a quando, lo scorso settembre, un finanziamento di 500.000 euro stanziato da Regione Lombardia ha reso finalmente possibile la realizzazione, dopo quasi un secolo dal suo primo concepimento, del sogno del Poeta di una “una conca marmorea sotto le stelle”.

 

Sono aperte le prenotazioni on line degli spettacoli che si terranno nei fine settimana dal 31 luglio al 23 agosto. Saranno tutti all’aperto nello scenario della Rocca. Dall'11 al 19 agosto sono in programma anche marionette e giocoleria nelle piazze delle frazioni.

 

Sono aperte le prenotazioni on line per gli spettacoli di Lonato in Festival che porteranno la magia del circo contemporaneo nell’incantevole cornice della rocca visconteo-veneta, un’ambientazione storica di grande suggestione.

I quattro fine settimana vedranno l’esibizione di quattro tra le più prestigiose compagnie italiane: dal 31 luglio al 2 agosto la compagnia Ne a Ne con lo spettacolo Incident, dal 7 al 9 agosto Circo El Grito con la nuova produzione Malamat, dal 14 al 16 agosto Side Kunst Cirque con lo spettacolo Domoi e dal 21 al 23 agosto Circo Zoé con Naufragata. Ogni compagnia sarà protagonista di un week end e il suo spettacolo sarà replicato dal venerdì alla domenica, alle ore 21.00.

Pur in forma necessariamente rivista e ridotta a causa delle problematiche legate al covid-19, Lonato in Festival taglia il traguardo della sua nona edizione e non rinuncia all’ormai tradizionale e atteso appuntamento estivo. Tenendo conto delle limitazioni dettate dai protocolli sanitari di settore e per rispettare al massimo le normative di distanziamento, quest’anno ci sarà un'unica postazione, invece delle molteplici distribuite in vari angoli della Rocca che c’erano gli anni scorsi: una spaziosa tribuna all’aperto, con una capienza massima di 200 persone. La prenotazione sarà obbligatoria, con i posti assegnati.

Sono inoltre in programma anche spettacoli nelle frazioni di Lonato dall'11 al 19 agosto, con marionette e giocoleria nelle piazze. Gli eventi si terranno alle 20.30 a Sedena, Centenaro, Esenta, Lonato 2.

Per info e prenotazioni: Fondazione Ugo Da Como, via Rocca, 2 – Lonato del Garda (Brescia). Si può chiamare il numero 030.9130060 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Si possono inoltre consultare il sito www.lonatoinfestival.it e le pagine Facebook e Instagram.

Dopo la chiusura forzata, il centro (via Longhetta 1, Botticino) propone uno spettacolo all'aperto dedicato a bambini e ragazzi il 25 luglio alle 20:30. Ingresso gratuito. 

Dopo la chiusura dovuta all'emergenza COVID-19, il Teatro Centro Lucia  in collaborazione con l'assessorato alla Cultura del Comune di Botticino, propone una serata di intrattenimento all'aperto per bambini e ragazzi con l’auspicio che possa essere il  primo segnale di ritorno ad una tanto desiderata normalità.

Sabato 25 luglio 2020 alle ore 20:30 il fondale retrostante il palco del teatro si alzerà, il pubblico occuperà il parco e saranno cinque improvvisAttori a presentare lo spettacolo “Liberafavole”, un format di improvvisazione teatrale espressamente pensato per bambini e ragazzi, dove quattro attori e un musicista avranno il compito di “liberare” le storie racchiuse nei polverosi scatoloni delle soffitte in città;  il tutto senza un copione, senza costumi, senza scenografia, ma con il coinvolgimento e l'interazione del pubblico, che dirigerà lo spettacolo improvvisato con fantasia e creatività.

«Abbiamo voluto dare un segnale di ripartenza – sottolinea Federico Stefanelli, direttore artistico del teatro – e non è un caso se il primo spettacolo che riaprirà il sipario del nostro teatro sarà destinato a bambini e ragazzi. E' proprio a loro che vogliamo regalare qualche momento di divertimento e serenità dopo il periodo difficile dal quale stiamo uscendo; è a loro, che si sono adattati a tutto e si sono attenuti alle regole meglio di qualsiasi adulto, che vogliamo rendere un favore e far loro pensare che le favole, come i sogni, spesso si possono avverare».

Lo spettacolo si svolgerà all'aperto nel parco retrostante il Teatro Centro Lucia. In caso di pioggia l'evento si svolgerà all'interno del teatro. E’ consigliata la prenotazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 340 3913752 (anche whatsApp).

Brescia d’estate, emozioni dal vivo, il palinsesto di iniziative che animerà la città nel periodo estivo, propone per il prossimo fine settimana un calendario intenso di occasioni, tutte organizzate nel rispetto delle norme in vigore.

Appuntamenti con la grande musica jazz, a partire dalle 21.30, nel cortile di Palazzo Broletto e, in caso di maltempo, nell’auditorium Santa Barnaba in Corso Magenta 44/a, grazie al Festival “Jazz on the road”

Venerdì 10 luglio concerto del “Perfect trio”, composto da Roberto Gatto (batteria), uno dei musicisti più rappresentativi del jazz italiano, Alfonso Santimone (piano e Fender Rhodes) e Pierpaolo Ranieri (basso elettrico).

Sabato 11 luglio sul palco salirà Claudio Fasoli, in concerto con il “London Tube" trio, composto da Claudio Fasoli (sax tenore e soprano), da Michele Calgaro (chitarra elettrica) e da Gianni Bertoncini: (batteria ed electronics).

Domenica 12 luglio ultima data del festival con l’esibizione del duo formato da Gianluca Petrella (trombone, elettronica) e Pasquale Mirra (vibrafono e percussioni, elettronica).

L’ingresso ai concerti è gratuito fino a esaurimento posti. La prenotazione è obbligatoria e sarà garantita fino a 15 minuti prima dell'inizio dei concerti poi sarà cancellata.

Informazioni e prenotazioni sul sito http://www.jazzontheroad.net/

Sabato 11 e domenica 12, nel Castello di Brescia, alle 18.30, 18.55, 19.20 , 19.45 e 20.10 (con un massimo di 12 spettatori per turno), nell’ambito della programmazione di “Barfly – Teatro 19”, il gruppo laboratorio teatrale permanente di Teatro19” proporrà “Viaggio nel bosco delle ombre”, esperienza itinerante nel bosco e nel castello per piccoli gruppi di persone che verranno condotte alla ricerca delle ombre e delle luci. Informazioni sul sito www.teatro19.com, Per la prenotazione (obbligatoria) contattare info@teatro19, oppure 335 8007161

Domenica 12, al museo di scienze naturali di via Ozanam 4, con “W le piante” prende avvio “Fuori di ... natura, domenica per le famiglie” serie di incontri a carattere scientifico organizzati per gruppi familiari. Attività gratuite, con prenotazione obbligatoria sul sito https://prenotazionimuseodiscienze.comune.brescia.it/, oppure telefonando al numero 340 7026580 o scrivendo mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Il ritrovo è fissato al parco Lussignoli. Primo turno dalle 9 alle 10.30, secondo turno dalle 11 alle 12.30.

 

Tanti gli appuntamenti con il cinema all’aperto

In Castello, prosegue la rassegna “L’Eden d’estate”.

Venerdì 10 luglio è in programma l’evento speciale “Cinema e museo in castello”, per scoprire in modo insolito la collezione del Museo delle Armi Luigi Marzoli. Alle 20 la visita intitolata “Jojo Rabbit, pedagogie deviate: i bambini e le armi sotto il regime nazista” condotta dal conservatore del Museo che introdurrà i partecipanti ad un discorso sull’educazione alle armi dei bambini sotto  nazismo e fascismo, mostrando le armi utilizzate nel film. Alle 21.30, nella fossa visconte, la proiezione del film “Jojo Rabbit” di Taika Waititi.

Sabato 11 luglio, alle 21.30, è in calendario “18 regali” di Francesco Amato, domenica 12 verrà proiettato “Downton abbey” di Michael Engler.

Informazioni sul sito www.nuovoeden.it

Il ciclo “L’arena del Centro” organizzata nel cortile della scuola elementare G. Calini, in via Bixio, il grande schermo open-air propone venerdì 10 luglio “Il diritto di opporsi” Destin Daniel Cretton  . Sabato 11 e domenica 12 luglio verrà proiettato “L’ufficiale e la spia” di Regia di Roman Polanski.

Inizio proiezione alle 21.30. Informazioni sul sito www.cipiesse-bs.it/arena-del-centro-brescia e ai numeri  0302791881 –3348012225.

A “MoCa sotto le stelle proposto da Il Regno del Cinema”, nel cortile di MoCa, in via Moretto 78, venerdì 10 luglio verrà proposto “Fabrizio De André & PFM: il concerto ritrovato” documentario diretto da Walter Veltroni. Sabato 11 luglio è in programma “Jojo Rabbit” di Taika Waititi. Domenica 12 luglio si proietterà “Hammamet” di Gianni Amelio. Inizio dello spettacolo alle 21.30.

In caso di pioggia la proiezione si terrà al cinema Sociale. La biglietteria aprirà alle 21. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.ilregnodelcinema.com

 

 

 

Altri articoli...