Società

La proposta della consigliere regionale Claudia Carzeri. Il comunicato stampa.

“Si è conclusa la seduta congiunta delle Commissioni Montagna e Agricoltura, nel corso della quale ho presentato, ai colleghi, la mia proposta di legge sulla valorizzazione delle strade e dei sentieri storici di montagna, che ho fortemente voluto per valorizzare le tante opere di cui le Valli bresciani sono ricche”, afferma Claudia CARZERI, Presidente della Commissione Trasporti e Vicepresidente della Commissione Montagna di Regione Lombardia.

“Sono molto contenta che i colleghi abbiano accolto, da subito, con spirito collaborativo, la mia proposta di legge (la proposta vede la sottoscrizione di 12 consiglieri) e che la stessa sia stata prontamente calendarizzata. Il mio obiettivo è che venga approvato, quanto prima, uno strumento a reale supporto dei Comuni nella manutenzione ordinaria e straordinaria di questi meravigliosi sentieri, tutelando il territorio. Nelle prossime settimane richiederò anche l’audizione di quelle associazioni, tra tutte ANA (associazioni nazionale Alpini) ed il CAI (Club Alpino Italiano), che già si occupano della manutenzione di queste strade e che saranno parte attiva nella loro promozione anche a livello turistico.

La valorizzazione di questi percorsi, oltre a consentire il ripristino della memoria di fatti, sono sicura che genererà un notevole indotto per i Comuni all’interno dei quali sorgono: si tratta di itinerari spettacolari che sorgono in luoghi impervi, creati a mano dalla forza degli uomini ed utilizzate fin da tempi antichi e che possono attirare, se correttamente valorizzati, un sempre maggior numero di visitatori, nazionali e internazionali” conclude CARZERI.

 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:8.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}

Ospite della trasmissione Primo piano a Radio 51 è Francesca Goffi, presidente dell'agenzia territoriale per il turismo Valsabbia- Lago d'Idro. Alcuni degli spunti su cui ragioneremo questa settimana.

A detta degli operatori turistici, i risultati sono più incoraggianti rispetto alle previsioni, alla fine,la stagione si  è parzialmente ripresa, si è perso un 30% -50% a seconda delle strutture rispetto al 2019. I ristoranti e chi vende servizi (noleggio attrezzature sportive, etc.) sono stati contenti, nel periodo di apertura hanno lavorato di più degli altri anni, quindi sono riusciti ad ammortizzare un poco le perdite.

Il lato positivo,sembra che l’italiano abbia scoperto il lago d’idro, molti turisti non l’avevano mai visto e, a detta degli operatori turistici, l’hanno apprezzato molto.

La composizione di turisti stranieri che ha  visitato il nostro territorio è stata  caratterizzata, come per gli altri anni, da Olandesi, Tedeschi, Belgi e Austriaci . Diversi hanno già prenotato per l’anno prossimo. In linea di massima c’è ottimismo per l’anno prossimo, tendenzialmente negli ultimi anni si è assistito ad un'inversione di tendenza con apertura di nuovi negozi (gelateria, negozio sportivo, bar,  serramenti, ) invece che la “normale” chiusura .

Il team turistico (Agenzia + CMVS), in sinergia con Bresciatourism e Regione Lombardia, ha puntato alla diffusione e promozione del territorio a livello soprattutto italiano. Vasta è stata la promozione sia su carta stampata, blog , siti internet che in trasmissioni televisive, fra i più evidenti  articoli su  Dove, Confidenze, inserto giornale di Brescia-Vacanze Bresciane, inserto sul  Corriere della Sera- Cronache di Brescia la Repubblica e il Giornale,) Blog: Tea-time, books&more…..viaggiareapois, I Viaggi di Giò del Bianco ecc, short video-La provincia dei tesori- con Andrea Cassarà,  mentre fra le trasmissioni televisive siamo stati presenti nel tg nazionale di Rai 2, su Tgcom24.mediaset, abbiamo registrato trasmissioni per Vacanze Bresciane, I Gioielli Sotto Casa (Cremona 1 TV), Geo&Geo, e Rebelot tvcolor.

Abbiamo partecipato e parteciperemo a manifestazioni fieristiche, (fiere Utrecht e Monaco, Bit Milano  nei primi mesi del 2020) mentre fra le fiere più imminenti avremo la partecipazione a turismo Natura a Montichiari, Modena skipass.

 

Al di là del Tunnel – se non ora quando. Ferruccio De Bortoli dialoga con Marco Vitale e Reza Arabnia. Appuntamento Mercoledì 21 ottobre 2020, ore 17:30 in streaming. Un’occasione di riflessione e confronto sui giorni che stiamo vivendo e su quelli che ci attendono.       

Causa emergenza Covid-19 sarà possibile seguire l’evento in streaming previa iscrizione a seguito della quale si riceverà mail di conferma e di istruzione per il collegamento.   

Rimaniamo a disposizione per qualsiasi informazione al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

 

 

In occasione di Halloween a seguito del grande successo raccolto nella scorsa edizione, Fondazione Brescia Musei propone per il weekend due coinvolgenti appuntamenti dedicati alle famiglie con bambini dai 6 ai 12 anni, presso il Museo di Santa Giulia e la Pinacoteca Tosio Martinengo.

Sabato 31 ottobre, alle ore 15.00 e alle 16.30, presso il Museo di Santa Giulia, si terrà il laboratorio TESTA DI ZUCCA! Partendo da uno dei simboli più noti e amati di Halloween creeremo delle maschere ispirandoci agli incredibili lavori dell’artista giapponese Yayoi Kusama. Al termine ci aggireremo per il Museo per incontrare e sentire cos’hanno da dirci alcune terribili creature raffigurate nei reperti.

Domenica 1 novembre, alle 15.00, presso la Pinacoteca Tosio Martinengo un nuovo appuntamento dedicato alle  CREATURE MOSTRUOSE. Una passeggiata ad alto tasso di mostruosità alla ricerca degli esseri bizzarri e dall’aspetto orribile raffigurate nei dipinti. Facciamoci ispirare dalla fantasia degli antichi maestri per poi creare una nostra creatura immaginaria.

Entrambe le attività si svolgeranno nel rispetto delle normative vigenti relative all’emergenza Covid-19, in ambienti adeguatamente areati, igienizzati e consoni a garantire il distanziamento tra i partecipanti.

Chi vuole può partecipare indossando i propri travestimenti!

 

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

 

A tutela della sicurezza dei partecipanti l’accesso è consentito a un numero massimo di 20 persone, fra adulti e bambini. La prenotazione è obbligatoria, esclusivamente per via telefonica o mail al CUP, con il ritiro del biglietto il giorno stesso dell’attività presso la biglietteria della sede museale dell’evento.

 

Tutti i partecipanti devono indossare mascherine chirurgiche.

 

Nella zona accoglienza e nel percorso museale sono a disposizione i dispenser con soluzione idroalcolica per la disinfezione delle mani.

 

Costo per ogni attività: € 6,50 adulti; € 3,50 bambini 

Prenotazione:

 

CUP Centro Unico Prenotazioni 

 

030.2977833 - 834  

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

(attivo tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 16.00)

 

Il Presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, raccogliendo le istanze che giungono dal territorio, si farà portavoce con il Governo per avere chiarimenti sulle misure adottate nell’ultimo DCPM. Lo spiega Il Broletto in un comunicato. “Non possiamo pensare che i sindaci possano gestire in autonomia l’aspetto legato ai controlli e alla sicurezza, quando spesso si trovano senza disponibilità proprie di agenti di polizia locale o con personale limitato e condiviso attraverso convenzioni. Sono necessarie maggiori risorse, aggiuntive e non cumulative per le forze dell’ordine, in modo da poter aumentare i controlli di polizia locale, con il fondamentale supporto concreto della Questura”.

Rispetto alle restrizioni contenute nel nuovo DCPM, per quanto riguarda le attività sportive,  dichiara:

“La Provincia, attraverso protocolli di sicurezza, ha lavorato in questi mesi ed è riuscita a garantire il diritto allo sport, mettendo a disposizione delle Associazioni sportive le palestre degli Istituti Superiori in orario extrascolastico. Al tal proposito si fanno necessarie ulteriori specificazioni da parte del Governo sull’utilizzo degli impianti sportivi anche per quanto concerne gli sport non da contatto”.

E ancora una volta l’appello di Alghisi va a tutti i cittadini: “Solo la responsabilità individuale diventa collettiva. Evitare di creare situazioni in cui il virus possa propagarsi sta nel dovere di ognuno di noi. C’è in gioco la salute pubblica e il futuro di un’economia, e di conseguenza di lavoratori e di famiglie,  già messa in ginocchio dalla precedente ondata”.

 

 

 

Sono aperti fino al 26 ottobre i termini per presentare le domande per i contributi del Fondo SOStieni Brescia destinati ai titolari di attività commerciali di vendita al dettaglio non alimentare in sede fissa o ambulante, alberghi, bed & breakfast e strutture ricettive, bar, ristoranti e altri esercizi pubblici, agenzie di viaggio e tour operator.

Per partecipare occorre essere aperti alla data del 23 febbraio 2020, avere sede operativa a Brescia e rientrare tra le attività che hanno dovuto chiudere nel periodo di lock-down.

Per capire se le loro attività possono essere ammesse, i richiedenti debbono controllare la classificazione Ateco prevalente. Per evitare di duplicare erogazioni, saranno escluse dal contributo le attività che hanno già beneficiato dei contributi del Fondo SOStieni Brescia nella fase 1. Coloro che hanno avuto benefici in termini di esenzioni Cosap per i plateatici esterni potranno fruire del contributo per la differenza.

La domanda potrà essere presentata in maniera completamente digitale: basterà compilare l’apposito modulo on line reperibile sulla Home Page del sito istituzionale del Comune di Brescia, oppure direttamente al link

https://comunebrescia.elixforms.it/rwe2/module_preview.jsp?MODULE_TAG=trib_sostieni_brescia_fase_due

Occorrerà fornire semplicemente i dati identificativi del richiedente, l’attestazione di aver subito la chiusura dell’attività nel periodo di lock-down, il fatturato Iva 2018 (per le attività avviate nello scorso anno, varrà il volume d’affari del 2019; se questo dato non sarà disponibile da parte del richiedente sarà acquisito d’ufficio), le ricevute di pagamento di Tari e Icp e l’Iban del conto corrente su cui verrà fatto l’accredito.

Il contributo economico è determinato nella misura forfettaria massima di mille euro e comunque non superiore all’ammontare complessivo di Tari ed Icp versate nell’anno 2020.

 

 

 

San Felice del Benaco è tra i primi comuni gardesani a raggiungere la copertura totale del territorio per quanto riguarda i defibrillatori. Venerdì 23 (dalle 20:30 alle 21:30) e domenica 25 ottobre (dalle 15 alle 19) si svolgerà un corso gratuito sull’uso del defibrillatore rivolto a tutti i cittadini e a chi opera sul territorio comunale.

 

L’intervento tempestivo con defibrillatore, su una persona con in atto un arresto cardiaco improvviso, fa la differenza tra la vita e la morte, specialmente in quei luoghi in cui i soccorsi possono tardare ad arrivare. Il Comune di San Felice del Benaco ha acquistato nove defibrillatori, in modo tale da coprire tutto il territorio comunale. I Defibrillatori Automatici Esterni, modello FRX, sono completi di piastre pediatriche e per adulti e saranno inseriti in appositi totem, che manterranno la temperatura corretta tanto nel periodo invernale che in quello estivo, e saranno posizionati nei seguenti luoghi del territorio comunale:

Porto San Felice, porto di Portese, spiaggia la Gardiola, piazza Municipio, piazza Portese, scuola elementare "B. Rubelli", scuola media "A. Zanelli", scuola dell’infanzia “A.M. Borghese”, Municipio.

In paese sono già presenti due defibrillatori privati: in palestra a San Felice e alla Baia del Vento. L’amministrazione valuterà altre aree che possano risultare suscettibili di particolari necessità. È infatti fondamentale intervenire entro i primi cinque minuti dall’arresto cardiaco: sono quindi importanti sia una distribuzione capillare sul territorio, che la formazione di un numero consistente di persone esterne alla professione medica, perché imparino ad usare questo strumento salvavita nel modo corretto.

«Con la distribuzione dei defibrillatori su tutto il territorio comunale – afferma Elisa Margini, assessore all’Agricoltura e Stili di vita – si è compiuto il primo essenziale passo: in ambito gardesano, ma forse non solo, San Felice diventa il primo comune ad aver coperto ogni luogo ad alta frequentazione, come scuole, piazze e spiagge».

Grazie alla collaborazione dell'associazione Valtenesi Soccorso di Manerba del Garda, sarà inoltre possibile partecipare al corso gratuito di formazione per l'utilizzo dei defibrillatori, rivolto a tutti i residenti e alle aziende e attività che operano sul territorio comunale. Il corso si terrà venerdì 23 ottobre, dalle 20.30 alle 21.30, e domenica 25, dalle 15 alle 19. Per le iscrizioni fare domanda a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

(Immagine d'archivio)

 

Banca Valsabbina, la principale banca bresciana, continua a crescere e consolida la sua presenza nel capoluogo lombardo, portando così a due il numero delle filiali presenti in città. È operativa da oggi, infatti, la nuova filiale di Piazzale Cadorna, in posizione centrale, nei pressi del cuore finanziario di Milano. Banca Valsabbina è invece presente a Milano da marzo 2017, con una filiale tra le vie Settala e Tunisia, nel quartiere di Porta Venezia.

Il consolidamento su Milano - dopo il biennio 2018-19 che aveva visto il rafforzamento dell’istituto bresciano soprattutto in Emilia-Romagna, prima con l’apertura della filiale di Bologna a fine 2018 e l’anno seguente con quelle di Reggio Emilia e Cesena - è parte della strategia  di crescita di Banca Valsabbina, che ha tra i principali obiettivi quello di consolidare e rafforzare progressivamente la propria presenza nei principali capoluoghi del Nord Italia. La nuova filiale si trova in Piazzale Cadorna 15/1, e può essere contattata chiamando il numero 02/80506160 o scrivendo all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. “Il 2020 è stato un anno difficile per l’economia del Paese. In questi mesi abbiamo concentrato i nostri sforzi nel rendere operative le misure messe in atto dal Governo per sostenere il credito e la liquidità a imprese e famiglie, ma non abbiamo mai perso di vista il rafforzamento della nostra rete territoriale, ha dichiarato Tonino Fornari, Direttore Generale di Banca Valsabbina. L’apertura di una seconda filiale a Milano è in linea con questa strategia e consentirà di rafforzarci in quella che, sebbene duramente provata dall’emergenza, continua a essere la principale piazza economico-finanziaria del Paese”, ha concluso Fornari.

La rete territoriale di Banca Valsabbina è attualmente composta da 70 filiali (46 in provincia di Brescia, 8 in provincia di Verona, 2 in provincia di Trento, 2 in provincia di Monza-Brianza, 2 a Milano, 1 in provincia di Mantova e una ciascuna nelle città di Bergamo, Modena, Padova, Vicenza, Treviso, Bologna, Reggio Emilia, nonché Torino e Cesena. Queste ultime due filiali sono state aperte verso la fine del 2019 con l’ottica di esportare il modello di business della banca anche nel capoluogo piemontese e di rafforzare ulteriormente la presenza dell’Istituto in Emilia Romagna.

 

I principali indicatori del primo semestre 2020 - Lo scorso 2 settembre il CdA di Banca Valsabbina ha approvato il bilancio semestrale al 30 giugno 2020, che ha registrato un utile netto di 8,1 milioni di euro, sostanzialmente in linea con il risultato del primo semestre dell’esercizio 2019, pur in presenza dello stato emergenziale determinato dalla pandemia Covid 19. La raccolta complessiva ammonta invece a 5,8 miliardi di euro (+3% rispetto a giugno 2019), mentre gli impieghi hanno superato i 2,9 miliardi di euro, in crescita rispetto al 30 giugno 2019. Il patrimonio netto risulta pari a 351 milioni di euro (+4,3%), mentre il numero di soci e azionisti ha raggiunto quota 41.635, in aumento rispetto ai 41.125 del giugno 2019. Anche il numero dei conti correnti è risultato in sensibile incremento passando da 86.080 a 89.554 (+ 4%). Il CET 1 della Banca, rappresentativo della solidità dell’Istituto, è pari al 15,44% (cresciuto rispetto al 14,64% registrato a giugno 2019 e ampiamente superiore ai requisiti richiesti dalla vigilanza).

 

Riceviamo da Regione Lombardia e pubblichiamo.

“Continua la valorizzazione dei nostri roccoli, da Regione Lombardia un nuovo bando per il finanziamento di interventi conservativi.” Così Floriano Massardi, vice capogruppo della Lega al Pirellone.

“La Lombardia – prosegue Floriano Massardi – ha messo a disposizione la cifra di 100 mila euro per il finanziamento di interventi conservativi dei roccoli lombardi. L’obiettivo è quello di assicurare il mantenimento di elementi di rilevante interesse ambientale e vegetale, che caratterizzano il paesaggio rurale. I roccoli infatti sono ormai parte integrante dell’ambiente, veri monumenti ecologici, che vantano una storia secolare, intrinsecamente legata agli usi e alle tradizione della nostra terra.

Il bando è rivolto a soggetti pubblici e privati, proprietari, conduttori o gestori del fondo su cui insiste il roccolo e prevede un contributo a fondo perduto fino al 100% delle spese sostenute per interventi inerenti la cura o il ripristino della struttura principale e delle strutture complementari, fino ad una cifra massima di 10 mila euro. Tra i lavori finanziabili: la potatura, la manodopera, la sostituzione degli alberi e quella delle palerie interne. Le domande – conclude Massardi – potranno essere inoltrate dalla data del 12 ottobre, fino al 6 di novembre, salvo esaurimento dei fondi disponibili.”

 

 

Una scossa di terremoto è stata avvertita ieri sera in diversi comuni della provincia di Brescia. Il boato si  sentito pochi minuti dopo le 21. Il terremoto di magnitudo 2.7 ha avuto epicentro a Caino ed è stato avvertito in provincia di Brescia in diversi comuni: Caino, Lumezzane, Gussago, Rezzato ma anche in Vallesabbia. L'Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) ha rilevato una scossa, con epicentro a una profondità di 9 chilometri.

 

L’autunno gavardese porta con sé atmosfere gotiche: il sole si ritira presto dietro i monti, la nebbia della sera avvolge gli edifici, l’aria del crepuscolo diventa pungente. Non c’è migliore periodo dell’anno per fare luce sui “secoli bui”... che poi, forse, tanto bui non erano.

Nelle giornate di sabato 31 ottobre e sabato 7 novembre la professoressa Emilia Nicoli percorrerà le vie del centro storico per riscoprire le tracce medioevali conservate dal tempo nel nostro paese e giunte fino a noi attraverso i secoli.

A cura della Commissione cultura e Istruzione del Comune di Gavardo, in collaborazione con l’Associazione Christian Hubaman, l’iniziativa “Mediovagando” si svolgerà su tre turni: alle 10.00, alle 14.00 e alle 16.00, per un totale di sei uscite. Per il rispetto delle norme di prevenzione Covid 19, ogni gruppo non potrà superare 10 partecipanti. Il luogo del ritrovo sarà davanti alle vecchie scuole elementari, in via Fossa, 1, e la durata dell’evento sarà di circa un’ora. Il percorso è adatto a tutti, dagli appassionati di storia locale ai semplici curiosi di ogni età.

Chiunque sia interessato è invitato a iscriversi contattando la biblioteca al numero di telefono 0365-377462 o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La prenotazione è obbligatoria.

L’evento è gratuito; in caso di maltempo sarà rinviato a data da destinarsi.

 

 

 

 

Altri articoli...