Strumenti

Personale dell’Ufficio Prevenzione Generale “Squadra Volante”, in ordine ai fatti accaduti nei giorni scorsi, a Brescia, Via Trieste, ha tratto in arresto in ordine al reato di rissa 3 giovani, di 25, 26 e 25 anni. Il comunicato della questura.

Alle ore 20 di domanica, perveniva alla Sala Operativa della Questura la segnalazione che era in corso una rissa in Via Trieste, nei pressi dell’entrata di un locale da parte di un gruppo di giovani.

Immediatamente venivano inviate sul posto due pattuglie dell’Ufficio Prevenzione Generale “Squadra Volante” e del “Commissariato Carmine”, mentre continuavano a pervenire alla Sala Operativa della Questura numerose segnalazioni da parte di persone allarmate per quanto stava accadendo.

 

I poliziotti immediatamente giunti sul posto notavano come i giovani, alla vista dei lampeggianti blu stessero tendando la fuga in direzione di piazza Duomo. I due equipaggi, quindi, si dividevano riuscendo ad individuare e bloccare tre rissanti. Gli agenti, quindi, contestualizzando quanto accaduto,  accertavano come i tre fermati poco prima si erano presentati nel locale in argomento, in evidente stato di ubriachezza.

 

Secondo quanto finora emerso la situazione  degenerava, a seguito di una battuta fatta da uno dei tre alla dipendente del locale, creando un parapiglia che coinvolgeva diversi ragazzi nella zona all’esterno esterno e cessava con l’arrivo delle “Volanti”.

 

I tre presentavano anche segni di lesioni a seguito dei colpi e pugni reciprocamente sferrati. Considerato il fatto che uno di essi lamentava dolori in varie parti del corpo veniva quindi accompagnato al locale pronto soccorso riscontrando a vario titolo diagnosi per “contusione al polso destro”, con prognosi di 5 giorni.

I tre fermati venivano, quindi, condotti in  Questura e stante la riscontrata  flagranza del reato di rissa venivano tratti in arresto. Inoltre,  ai predetti è stata contestata la violazione amministrativa di ubriachezza prevista dall’Art. 688 del Codice Penale.

 

I tre arrestati sono D.F., 26enne, cittadino italiano residente in provincia di Cremona;  T.L. 25enne, Bresciano e V.L. 25enne, cittadino italiano residente in provincia di Cremona.