Strumenti

Sono tutti tesserati Canottieri Garda gli atleti che hanno trionfato all’ottava edizione della Fondo nel Golfo, la gara di nuoto in acque libere organizzata a Salò sabato 29: Matteo Cipani, 32 anni, è arrivato primo nella 4.5 km, Edoardo Bonaspetti, 17 anni, primo nella 3 km, mentre il coetaneo Jacopo Ricciotti ha vinto la 1.5 km.

La gara

Il caldo, la temperatura dell’acqua che superava i 26° e il lago piatto, hanno creato le condizioni ottimali per una gara perfetta. Una spettacolare macchia di colore, formata dal cordone delle 340 boe dei partecipanti, ha riempito e movimentato le acque del golfo. Ottimo funzionamento anche del servizio di sicurezza formato dai mezzi della Guardia Costiera e da 11 gommoni della Canottieri Garda con a bordo ciascuno un assistente bagnante con brevetto FIN, dagli ausiliari medici. Per tutta la durata della gara è stata sospesa la navigazione nel golfo.

Tempi

Nella 4.5 km, Matteo Cipani (SCGS) con il tempo di 1:00:32, ha preceduto di soli 7 secondi Elisa Battistoni, che ha migliorato il tempo della passata edizione (1:03:30), terzo Stefano Mutti in 1:01:11.

Edoardo Bonaspetti, atleta Canottieri che nuota per l’Associazione Vittoria Alata Nuoto, 17 anni, si riconferma campione della 3 km in 0:33:39, battendo di 5 minuti il tempo del 2018, seguito Anna Masetti, 15 anni, con il tempo di 0:38:44, terzo Roberto Melani (SCGS), 23 anni, in 0:38:50.

Infine, nel percorso breve della 1.5 km, podio interamente Canottieri Garda, con Jacopo Ricciotti, 17 anni, con il tempo di 0:18:12, davanti per un solo secondo a Giovanni Rubinelli, 18 anni. Terzo Daniele Giuntoli, 17 anni, col tempo di 0:19:29. Tutti questi atleti della Canottieri Garda gareggiano per Vittoria Alata Nuoto e sono seguiti dall’allenatore Carlo Boni.

In evidenza, anche il bel risultato delle sedicenne Sofia Gelosa, prima donna assoluta nella 1.5 km con il tempo di 0:21:53.

“Il successo della Fondo nel Golfo si deve soprattutto all’impegno agli atleti master della nostra squadra di nuoto” sottolinea Marco Maroni, presidente della Canottieri. “Credo che la loro dedizione nel seguire tutte le fasi dell’organizzazione, rinunciando addirittura a partecipare alla gara, sia la miglior dimostrazione della passione che guida ogni iniziativa della Canottieri. Ora stiamo già lavorando per rendere questa manifestazione ancora più attrattiva, aggiungendo una gara di mezzo fondo FIN”.