Strumenti

Novità a Bedizzole dopo l’accoltellamento di stamane a mezzogiorno. Intanto le condizioni dei feriti sono stazionarie.

Non si tratterebbe di una lite tra colleghi di lavoro, come qualcuno aveva affermato in un primo tempo, bensì di una faccenda privata che solo per caso avrebbe avuto per teatro il luogo di lavoro di uno dei protagonisti. Secondo alcune testimonianze raccolte sul posto, infatti, l’aggressore 37enne non sarebbe un dipendente della Eurocomponent di via Benaco. L’uomo si trovava dunque sul luogo solo per aspettare il 24enne, che invece lavora nell’azienda come operaio.

A quanto risulta, i due avevano avuto dissapori nei giorni scorsi e questa mattina l’aggressore aveva premeditato la sua vendetta. Avvicinatosi al cancello della ditta, lo avrebbe scavalcato non appena ha ritenuto fosse il momento giusto di scagliarsi sulla vittima. Piano effettivamente portato a compimento nel volgere di pochi attimi, visto che anche altri due operai accorsi non sono riusciti a fermarlo. 

Immediato poi l’arrivo di due ambulanze e dei carabinieri, che stanno tuttora indagando sull’accaduto. Nel frattempo il 23enne si trova al Civile di Brescia in condizioni serie, ma senza lesioni agli organi vitali, mentre il 37enne è ricoverato a Desenzano. Sulla vicenda sono in corso le indagini volte a chiarire i diversi punti ancora non chiari nella dinamica dei fatti.

Giovanna Gamba

Per la notizia dell'aggressione vedi: Bedizzole: giovane accoltellato in fabbrica