Strumenti

Continuano i servizi straordinari e quotidiani di controllo del territorio dalla  Questura di Brescia con l’obiettivo di continuare ad assicurare e mantenere, attraverso una costante attività di prevenzione e presenza sul territorio,  tutte le condizioni di un’autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini.

Detta attività di controllo è stata assicurata da un dispositivo che, giornalmente, ha effettuato il servizio sugli obiettivi ritenuti maggiormente sensibili, - quali parchi cittadini, la zona della Stazione Ferroviaria e le piazze del centro storico -  in quanto notoriamente interessati da un notevole afflusso di persone, tale da non facilitare il rispetto del divieto di assembramento e delle regole del “distanziamento sociale” dettate dalla normativa vigente, per la quale sono state sanzionate 24 persone e denunciate 2 persone poiché hanno violato i dettami legislativi emessi per il contrasto dell’emergenza coronavirus, non riuscendo a giustificare i motivi per cui si erano allontanati dall’abitazione situata in una regione diversa.

Nella giornata di Giovedì 18 marzo, il personale del Commissariato Carmine ha arrestato un soggetto B.S., 56enne italiano, per dare esecuzione ad un ordine di carcerazione (cumulo pene 14 mesi).

Mentre nel pomeriggio della stessa giornata, l’attività ha consentito: di arrestare un 26enne nigeriano trovato - in zona stazione - in possesso di 120 gr di sostanza stupefacenti (hashish, marijuana e cocaina); di sottoporre a controllo numerose persone, di procedere all’accompagnamento per identificazione, alla denuncia e successiva espulsione di un cittadino Senegalese; di sanzionare 2 persone per il possesso, rispettivamente, di 0,30 gr. di marijuana e di 0,50 gr. di hashish.

Inoltre, in questa ultima settimana un  cittadino cinese ed una cittadina moldava sono state accompagnate e trattenute presso un Centro Per i Rimpatri, ai fini della successiva espulsione dal territorio nazionale, in quanto irregolari sul territorio nazionale.

 Dal 14 ad oggi  la Sezione della Polizia Stradale di Brescia ha controllato 1.005 persone e 908 veicoli e  rilevato 17 incidenti.

Mentre, la Polfer di Brescia, ha controllato 757 persone ed indagato per interruzione di pubblico esercizio 5 ventenni della provincia di Cremona.

Inoltre, la Questura, ha dato esecuzione ad un decreto di chiusura per 10 giorni emesso dal Prefetto nei confronti di un  Laboratorio Cinese tessile situato a Flero a cui la Divisone Amministrativa della Questura di Brescia lo scorso mese di dicembre,  aveva elevato sanzioni per il mancato rispetto degli obblighi imposti dalle misure di cui ai commi 1, 2, 3 dell'art 1 Dpcm 11.2.2020 con conseguente sanzione amministrativa della sospensione preventiva dell'attività.