Strumenti

Sottoscritto il Protocollo d’intesa per il rafforzamento della legalità nell'edilizia pubblica e privata tra Ance Brescia, Comune di Palazzolo sull’Oglio, Cape Brescia e sindacati lavoratori edili – Feneal-Uil di Brescia, Filca-Cisl di Brescia e Fillea-Cgil Brescia e Valle Camonica Sebino.

Il sistema del costruito bresciano di nuovo al fianco di una pubblica amministrazione del nostro territorio per contrastare concorrenza sleale e illegalità nel comparto edile locale. Dopo la sinergia stretta con Comune di Brescia, Prefettura, Provincia di Brescia e gli ordini professionali, l’Associazione nazionale costruttori edili di Brescia, la Cassa assistenziale paritetica edile di Brescia, Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil firmano con il Comune di Palazzolo sull’Oglio il Protocollo d'intesa per il rafforzamento della legalità nell'edilizia pubblica e privata, documento approvato dall’amministrazione comunale con deliberazione di Giunta il 3 dicembre 2019.

Aderendo al Protocollo, le realtà sottoscriventi s’impegnano a controllare in maniera più serrata, ciascuna a seconda delle proprie competenze e delle rispettive autonomie, il comportamento delle imprese impegnate nell'esecuzione di opere edili, contrastando forme di concorrenza sleale che possano compromettere un regolare svolgimento delle gare d’appalto e nuocere alle aziende che operano in modo serio e professionale, rispettando la legge. “Accogliamo con soddisfazione la volontà del Comune di Palazzolo sull’Oglio di sottoscrivere il Protocollo” dichiara il presidente di Ance Brescia Massimo Angelo Deldossi. “La nostra Associazione è pronta a garantire sostegno all’amministrazione, stringendo una sinergia che potenzi la lotta alla corruzione nel settore delle costruzioni e favorisca trasparenza e correttezza a beneficio delle virtuose realtà del comparto edile”. Ance Brescia è, infatti, impegnata a fare sistema con realtà professionali e istituzionali per favorire una leale competizione tra imprese, lontano da forme di criminalità organizzata.

Fondamentale per raggiungere questo obiettivo, il contributo della Cape, ente bilaterale che lavora per rendere sempre più trasparente e regolarizzato il settore edile bresciano. La stessa iscrizione dell’azienda impegnata nei lavori alla Cassa Edile sarà fondamentale a determinarne la correttezza e l’affidabilità. “La Cassa Edile – precisa il presidente della Cape Raffaele Collicelli – si aprirà a un collaborativo scambio bidirezionale di informazioni con l’amministrazione comunale, segnalando eventuali anomalie e difformità sia sul piano contributivo e assicurativo sia in materia di contratto collettivo di lavoro dell'edilizia. La banca dati Cape fornirà, in questo senso, un esaustivo e puntuale riscontro della regolarità contributiva delle imprese, accertata per mezzo del Durc (Documento unico di regolarità contributiva)”.

Il sistema Ance Brescia potenzierà, quindi, l’azione di controllo delle autorità e delle istituzioni, aiutando a portare avanti verifiche più mirate e circostanziate sulle realtà edili coinvolte in interventi pubblici e privati, stimolando l’adozione di valide misure anticorruzione e l’utilizzo di supporti digitali per una più rapida ed efficace standardizzazione delle procedure di gara e di aggiudicazione.

Il primo Protocollo, stilato nel 2016, ha posto le basi per una proficua collaborazione con le istituzioni, e ha concretamente contribuito, con buoni risultati, alla lotta contro l’illegalità in edilizia. Ora, la Giunta a capo del Comune di Palazzolo sull’Oglio, guidata dal sindaco Gabriele Zanni, ha riconosciuto la validità delle azioni proposte nel documento, integrandole nel proprio Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza. Il sistema del costruito bresciano dimostra, con esempi positivi, come questo tipo di sinergie possano portare a tutte le realtà coinvolte considerevoli benefici, evitando il verificarsi di situazioni di irregolarità in materia di edilizia, urbanistica e di tutela delle condizioni di lavoro.

“Il Protocollo d’intesa promuove operazioni che, oltre a premiare le imprese oneste e a certificare l’affidabilità di queste ultime di fronte alla pubblica amministrazione, salvaguardano salute e incolumità dell’operatore in cantiere”, affermano i sindacati dei lavoratori edili Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, precisando che, infatti, “grazie a misure preventive e a un controllo più mirato, si garantisce regolarità anche dal punto di vista della sicurezza, spesso posta in secondo piano da aziende truffaldine che operano al risparmio”.  

Anche per il Sindaco Zanni il documento garantirà positive ricadute in termini economici e amministrativi: “La proposta del Protocollo d’Intesa è stata accolta da subito con grande interesse dall’amministrazione palazzolese per lo spirito con il quale è stato elaborato questo strumento pattizio. Il contenuto è stato necessariamente oggetto di un approfondito esame anche da parte del Segretario Generale del Comune di Palazzolo sull’Oglio e dai vari Responsabili degli Uffici coinvolti, per renderlo funzionale all’organizzazione del nostro Ente, compatibile con la normativa in continua evoluzione e soprattutto efficace rispetto agli obiettivi che tutte le parti si sono prefissate”. “Tutelare la legalità, in una Città per certi versi complessa come Palazzolo sull’Oglio, – continua il Sindaco – significa non solo garantire la sicurezza dei cittadini, ma preservare un sistema economico e sociale, che è in grado di reggersi e svilupparsi in maniera armoniosa solo se riesce a rimanere immune da abusi, soprusi, distorsioni della concorrenza, avendo come fondamento la trasparenza dell’azione amministrativa e istituzionale”.

In attesa di risposte chiare e applicabili da parte della normativa sugli appalti pubblici, il sistema edile bresciano e alcune istituzioni della nostra provincia si stanno, quindi, autonomamente muovendo con proposte che fronteggino i principali problemi della filiera, che trovano grave riscontro in cantieri fantasma, siti abbandonati, incidenti, anche mortali, sul lavoro, e soldi illecitamente sottratti ai già esigui fondi a disposizione di alcune pubbliche amministrazioni.

Presenti alla Conferenza stampa i firmatari: il Sindaco di Palazzolo sull’Oglio Gabriele Zanni, il Vicepresidente di Ance Brescia Fabio Rizzinelli, il Presidente della Cassa Assistenziale Paritetica Edile di Brescia Raffaele Collicelli e il Vicepresidente Cape e Segretario Fillea Cgil Brescia Ibrahima Niane, il Segretario Feneal Uil Raffaele Merigo, il Segretario Filca Cisl Brescia Sara Piazza e il Segretario Fillea Cgil Valcamonica Sebino Donato Bianchi. Altresì presenti: Alessandro Scalvi, Direttore Ance Brescia, Enrico Parmiani, Direttore Cape, Adriano Baffelli, Responsabile relazioni esterne e ufficio stampa Ance Brescia, Sara Meschini e Francesco Zanelli, Funzionari Ance Brescia, e Nicolò Depellegrin, Funzionario Eseb.