Società

Il Coordinamento Interregionale per la Tutela del Garda invita la cittadinanza ad un interessante convegno questo pomeriggio, sabato 6 aprile alle 15, presso la Sala Peler a Desenzano del Garda. 

 

“COME IL PIU’ BELLO DEGLI ESSERI E’ IL MIO GRANDE LAGO” vuole essere un’occasione di approfondimento, l’inizio di un percorso che possa tutelare gli esseri non biologici della Terra, come ad esempio il nostro bellissimo lago, rendendoli portatori di diritto giuridico. Abbiamo mai immaginato una alleanza fra gli enti naturali e noi? Siamo sicuri che monti, mari, laghi, fiumi, rocce siano solo lo sfondo delle nostre attività economiche, ludiche e ricreative? 

In luoghi diversi del mondo  è successo che enti non umani e non biologici in generale siano stati dotati di riconoscimento giuridico volto alla loro salvaguardia e protezione. La valutazione della possibilità di rendere il lago di Garda “soggetto di diritto”, costituisce il centro della riflessione che vorremmo svolgere. Per questo indagheremo  le prospettive della cosiddetta “terza ecologia”, che propone una nuova concezione della relazione con il mondo naturale e presuppone la critica della soggettività bio- antropologica della persona. Lo faremo con tre illustri relatori, il prof. Matteo Andreozzi, docente di Etica ambientale dell’Università degli studi di Milano, il prof. Francesco Visentin dell’Università degli studi di Udine e il prof. Pasquale Viola dell’Università degli studi di Trieste. Modererà il dibattito la prof.ssa Isabella D’Isola. 

L’incontro è stato curato dall’Associazione Gaia Animali e Ambiente di Desenzano in collaborazione con L.A.CU.S. (Lago, Ambiente, Cultura e Storia) e dal Coordinamento stesso.

Il Coordinamento interregionale per la tutela del Garda che riunisce associazioni, comitati, portatori di interessi diffusi e privati cittadini delle tre Regioni cui appartiene amministrativamente il lago di Garda, nello specifico, in persona dei loro rappresentanti:  

Associazione GAIA Animali&Ambiente, Desenzano del Garda (BS) – Isabella D’Isola; Associazione GAIA Animali&Ambiente Nazionale, Milano - Edgar Meyer; Associazione Garda Diritti, Desenzano (BS) – Giuseppe Buongiorno; Associazione La Cittadella, Lonato del Garda (BS) - Davide Sigurtà; Associazione per il WWF Trentino - Carla Del Marco, Paolo Matteotti; Associazione Riccardo Pinter, Riva del Garda (TN) - Paolo Matteotti;  Comitato Desenzano più Verde, Desenzano del Garda - Rossana Baiocco, Marina Brunner, Mauro Mazza, Lorella Tononi; Comitato Oliveto di Goethe, Nago-Torbole - Giovanni Mazzocchi; Comitato per la difesa del Carpione, Toscolano Maderno - Fiorenzo Andreoli, Beatrice Zambiasi; Comitato promotore per il Parco Colline Moreniche del Garda, Desenzano del Garda (BS) - Emilio Crosato, Gabriele Lovisetto; Comitato SAL-Salvaguardia Area Lago, Riva del Garda (TN) - Marina Bonometti, Paolo Ciresa, Maria Elisabetta Montagni, Silvia Ropelato; Comitato Salvaguardia Olivaia, Arco (TN) - Marco Piantoni; Comitato Sviluppo Sostenibile - Duilio Turrini; CTG Monte Baldo aps, Caprino Veronese (VR) - Maurizio Delibori; Coordinamento Ambiente Alto Garda e Ledro - Carla Del Marco, Duilio Turrini; Garda Sostenibile: Rete interregionale di associazioni per lo sviluppo sostenibile del lago di Garda - Luigi Del Prete; Gruppo Tignale 24, Tignale (BS) - Antonio Moro; Il Carpino-APS, Verona - Mario Spezia; Italia Nostra Verona - Marisa Velardita; Italia Nostra Brescia – Rossana Bettinelli Italia Nostra Trento - Manuela Baldracchi; L.A.CU.S., Associazione di operatori culturali gardesani, Lonato del Garda (BS) - Luigi Del Prete; Legambiente Baldo-Garda, Il Tasso – Raffaello Boni; Legambiente circolo per il Garda - Cristina Milani; Legambiente Verona - Chiara Martinelli; Petizione change.org: Contro una ciclovia del Garda, non sostenibile (portatori d’interessi per 2.000 firme al 2.12.2023) - Alberta Cazzani, Monica Tessarolo, Wolfgang von Klebelsberg; Slow Food Terreacque bresciane, Padernello (BS) – Lorenzo Econimo, Delegata Garda: Marina Brunner; TAG-Tavolo Ambiente Garda (che riunisce il Distretto Economia Solidale del Basso Garda, Ecorete per il Garda, CAT Comitato Ambiente Territorio Basso Garda, La Cittadella e Magnifica Salò), Lonato del Garda – Daniela Carassai, Alessia De Munari, Sergio Salodini, Luca Trentini, Toscolano Maderno (BS); WWF Bergamo Brescia - Paolo Zanollo; WWF Veronese, Verona – Michele Dell’O’; Ledro Inselberg APS-Pietro Zanotti; CMST Comitato Mobilità Sostenibile Trentino “Ing. Alberto Baccega” - Paolo Ciresa.

Mercoledì 3 Aprile 2024 alle h 14.15 presso la Sala Riunioni dell’U.O. Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Gavardo si tiene un incontro di gruppo sul percorso della parto-analgesia e sulla sicurezza stradale in gravidanza e puerperio.

L’incontro si svolgerà in presenza dell’Ostetrica e del Medico Anestesista, che illustreranno i metodi farmacologici per il controllo del dolore in travaglio.

A seguire, alle h 15.00 circa, gli Agenti della Polizia Stradale di Brescia-Salò tratteranno il tema della sicurezza alla guida sotto diversi aspetti:

-guida in gravidanza

-corretto utilizzo dei seggiolini

-sicurezza dei bambini e degli altri passeggeri in auto. 

Aspettiamo mamme, papà e tutti coloro che si prenderanno cura del bebè. Per la partecipazione è gradita l’iscrizione chiamando il numero 0365/378430 o inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Anche quest’anno, in occasione della giornata mondiale per l'autismo, l’Associazione APS SOTTO LO STESSO CIELO organizza, con il supporto di altre realtà del territorio del Comune di Agnosine, del CAI di Gavardo e della Cooperativa Sociale ETS Co.Ge.S.S., la seconda edizione valsabbina della Camminata per l’Autismo. Appuntamento domenica 7 aprile alle 10:30 presso il campo sportivo di via Marconi.

L’evento, organizzato già da numerosi anni a Brescia dal Fondo Autisminsieme, a cui aderiscono le realtà valsabbine sopracitate (https://autisminsieme.congrega.it/), ha l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza rispetto al tema, oltre che di raccogliere fondi a sostegno di nuclei familiari di bambini e ragazzi con disturbi dello spettro autistico. Grazie ad una donazione è possibile sostenere l'iniziativa scegliendo tra diverse opzioni; in ricordo della giornata si riceverà la maglietta di Autisminsieme e  lo speciale braccialetto luminoso. 

La camminata non competitiva è aperta a tutti e si svolgerà domenica 7 aprile con ritrovo alle 9 per la registrazione dei partecipanti e il ritiro del kit di partecipazione. La partenza è invece fissata per le 10:30. L'iscrizione include un'apposita polizza assicurativa sottoscritta dall'associazione APS Sotto lo Stesso Cielo. Durante la giornata sarà presente un punto ristoro con pane e salamina, pane e formaggio o spiedo tra cui scegliere a fine camminata. Il pranzo va ordinato al momento dell'iscrizione.

Per garantire la sicurezza e l'ordine sarà presente personale volontario, con ambulanza, distribuito lungo il percorso per l'intera durata dell'evento. La chiusura delle iscrizioni sarà lunedì 1 aprile alle 17. Per maggiori informazioni consultare https://www.coopcogess.org/camminata-per-lautismo/.

 

Domenica 7 aprile dalle 8 alle 18, presso piazza Feltrinelli e lungolago Zanardelli, si svolgerà la tradizionale fiera VIII di Pasqua.

Nel pomeriggio, dalle 14 alle 17, saranno riservate attività speciali ai bambini e alle bambine in compagnia della fata Smemorina. In particolare, ci sarà uno spettacolo teatrale, un laboratorio delle bolle di sapone e animazione per tutti. Gli eventi per i piccoli si svolgeranno presso il porticato dell'ex palazzo municipale in piazza Feltrinelli.

La partecipazione è libera e gratuita sia per la fiera che per le attività riservate ai bambini.

L'evento è promosso dal Comune di Gargnano e per maggiori informazioni si può chiamare l'ufficio Cultura o scrivere alla biblioteca: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0365.7988305.

Fabrizio Ghidinelli, assessore alle attività produttive e all'edilizia privata del Comune di Gavardo, è l'ospite della settimana a Radio 51. Nella trasmissione Primo piano converserà con Maria Paola Pasini e Marcello Mora su temi di attualità che riguardano Gavardo, il mercato, la fiera, il centro storico e molto altro. Non perdetevi il nostro appuntamento dal lunedì al venerdì alle 8 e alle 12:30.

 

Lunedì 1 aprile, giorno di Pasquetta, per l'intera giornata sono attese le famiglie per l'evento "Fiabe nella Rocca", con possibilità di pic nic in loco o di pranzare grazie allo streetfood di Eatinero. In caso di maltempo l'evento sarà annullato.

Divertimento assicurato per tutta la famiglia nella splendida cornice della quattrocentesca Rocca di Lonato del Garda, che domina dall’alto di un colle il bacino del basso lago. Pasquetta, si sa, è una festa tradizionalmente riservata ai picnic all’aperto, ai giochi, alla famiglia. E così il 1° aprile, la Rocca spalancherà i battenti per tutti coloro che vorranno trascorrere una giornata spensierata nell’aria frizzante della primavera. I grandi spazi verdi racchiusi all’interno delle antiche mura saranno a disposizione di chi vorrà fare un picnic sul prato, rilassarsi sdraiato sull’erba, perdersi nello splendido panorama sul Garda che si gode dall’alto del colle. 

In programma per tutta la giornata Fiabe nella Rocca, con il coinvolgimento dei bambini in giochi, spettacoli e laboratori per una giornata di pura fantasia e immaginazione. Dieci postazioni con tre differenti attività di laboratorio, tre spettacoli a tema - I burattini del Regno di Uboldo, la fiaba animata dell’Uovo magico e la Baby Dance con i conigli danzanti - e quattro giochi. Per i bambini appassionati della natura, torna poi anche quest’anno la Caccia al Tesoro Botanico di Grandi Giardini Italiani con un percorso a indovinelli durante il quale i più piccoli impareranno a conoscere le piante del parco della Rocca. Per il divertimento di tutta la famiglia, ci sarà poi l’Escape Game dedicato a Leonardo da Vinci: un quiz dove grandi e piccoli devono collaborare per portare a termine la missione.

Le famiglie potranno anche visitare il Museo ornitologico e la mostra dedicata alle Vedute di Roma del fotografo Gabriele Basilico e dell’incisore Giambattista Piranesi, allestita nella cinquecentesca Casa del Capitano. Sarà possibile - con un piccolo supplemento - visitare anche la Casa del Podestà con la mostra “Nino Ferrari. L’arte del metallo tra tradizione e modernità”, allestita fino al 9 giugno nelle sale storiche e nella Biblioteca del Senatore Ugo Da Como. 

La proposta gastronomica della giornata sarà affidata a Eatinero, che proporrà l’eccellenza dello street food con prelibatezze dolci e salate. 

Biglietto d’ingresso 10 euro. Prenotazione obbligatoria. Informazioni: Fondazione Ugo Da Como - Via Rocca 2, Lonato del Garda (Brescia) - Tel. 030.9130060 - www.roccadilonato.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ad Arco il 6 aprilesi terrà il primo audax vespistico «Lago di Garda». Sono attesi centinaia di partecipanti da numerosi Vespa Club italiani e stranieri che affronteranno un giro completo del lago per quella che si delinea come la più grande manifestazione vespistica della storia.

Quattrocento Vespa, di cui 85 provenienti da dodici nazioni estere, con 22 equipaggi femminili e tre under 18 (accompagnati dai genitori) in rappresentanza di 102 Vespa Club italiani ed esteri, tra cui molti pezzi rari e ben 120 «faro basso», le più rare, così chiamate perché il faro stava sul parafango anziché sullo sterzo, prodotte solo nel primo triennio, dal 1946 al 1948. Sono i numeri dell’audax vespistico «Lago di Garda», la cui prima edizione si svolge sabato 6 aprile con partenza e arrivo ad Arco in viale delle Palme davanti al casinò municipale.

A organizzarlo è la squadra sportiva del Vespa Club Rovereto, uno dei più importanti d’Italia e del mondo. L’audax (dal latino «audace») in origine era una gara di lunga durata, da 200 fino a oltre mille chilometri; oggi è una rievocazione storica, una prova di regolarità (non vince chi impiega meno tempo ma chi più si avvicina al tempo imposto, calcolato per una media di circa 28 chilometri all’ora) in cui contano sì resistenza, capacità di navigazione, spirito di gruppo e concentrazione, ma soprattutto la voglia di andare in Vespa, la curiosità di vedere posti nuovi e la gioia di ritrovarsi con gli amici uniti da una comune passione. 

I 400 equipaggi partiranno dalle 8 a gruppi di quattro ogni minuto; il tragitto, di circa 215 chilometri, consiste nel giro del lago di Garda in senso orario con sosta a Sirmione per il pranzo e, al ritorno, la salita al lago di Tenno prima dell’arrivo ad Arco, dove l’ultimo concorrente è atteso per le 18.40. L’evento è organizzato dal Vespa Club Rovereto in collaborazione con il Vespa Club di Sirmione e il patrocinio del Comune di Arco, del Vespa Club d’Italia, del Vespa Club Europa e del Vespa World Club. 

La conferenza stampa di presentazione dell’evento si è svolta martedì 2 aprile in municipio, presenti per l'amministrazione comunale il sindaco Alessandro Betta e l’assessore a sport e turismo Dario Ioppi, per il Vespa Club Rovereto il presidente Leonardo Pilati (che è anche vicepresidente e direttore sportivo del Vespa Club d’Italia), il vicepresidente Gianfranco Frisinghelli, il presidente onorario Luigi Frisinghelli, il direttore turistico Michele Scrinzi con Franco Aste, Ennio Danzo, Stefano Matricardi, Graziella Petruzza e Fabio Tomasi.

«Di solito il nostro club non organizza eventi ma vi partecipa - ha affermato il presidente Pilati - in questo caso invece siamo partiti dalle volontà di valorizzare la Busa e tutto il lago di Garda, con la sua bellezza e le tante cose da vedere e apprezzare, come ville e paesi, storia e arte, vini, olio e cucina. Partire da Rovereto, la nostra sede, sarebbe stato poco attinente al tema del Garda, anche se si trova a soli 15 chilometri, perché ha un altro clima, altri paesaggi e altra cultura. Invece Arco e il suo viale delle Palme, proprio davanti al Casinò, ci è parso un teatro di partenza e di arrivo ideale, per questo evento che con 400 equipaggi al via sarà ricordato come la manifestazione sportiva in Vespa che ha avuto più partecipanti della storia. 400 uomini e donne accomunati da uno stesso desiderio: vedere il mondo dalla sella di una Vespa». 

L’audax vespistico «Lago di Garda» vanta altri primati: oltre alla categoria under 18, una nuova app che traccerà ogni concorrente e gli consentirà di rimanere in contatto costante con l’organizzazione. Inoltre, il progetto «Tutela dell’identità della Vespa», che rilascerà una attestazione agli scooter iscritti che presenteranno (dopo una apposita verifica) le caratteristiche estetiche e meccaniche che avevano all’immissione sul mercato.

«Abbiamo accolto subito con grande favore la proposta di ospitare questa manifestazione - ha aggiunto l’assessore Ioppi - che nel panorama dei tantissimi eventi di Arco si differenzia nettamente, soprattutto per l’enorme numero di partecipanti. E poi la Vespa è una parte della storia dell’Italia, che certo merita il grande sforzo organizzativo di questo audax. Per noi è anche una bella novità, qualcosa di diverso, e sono certo che sarà un bellissimo spettacolo non solo per chi partecipa ma anche per chi assiste».

«Da ragazzo ho guidato lungamente una Vespa - ha concluso il sindaco - avevo una 50 Special, e questo evento mi regala anche tanti ricordi. Mi voglio complimentare con gli organizzatori per la bella manifestazione e per il tanto lavoro che hanno dedicato, per la passione e la creatività; e grazie per aver scelto la nostra città che, ne sono certo, vi accoglierà al meglio».

 

Venerdì 29 marzo alle 15, presso il museo "G. Rambotti" (via Anelli 42 - Desenzano), si terrà un gioco laboratorio a tema pasquale dedicato ai bambini fra i 6 e gli 11 anni. Partecipazione gratuita, ma prenotazione obbligatoria.

Le uova, simbolo di vita e di rinascita, saranno le protagoniste del gioco riservato ai bambini in età di scuola primaria che verrà proposto dal museo in occasione delle festività pasquali. I partecipati dovranno scovarle tra gli scaffali e i reperti esposti nelle vetrine, per poi dipingerle e decorarle come facevano già gli antichi romani.

L'attività è gratuita, ma siccome i posti sono limitati è necessario prenotarsi scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al 338.9336451.

Protagonista il dialetto questa settimana a Radio 51 nella trasmissione Primo piano. Ospite sarà il professor Fabrizio Galvagni, già docente presso il liceo di Salò. Autore di due libri dedicati al dialetto, Galvagni converserà con Maria Paola Pasini e Marcello Mora. Si parlerà di modi di dire, di espressioni e di parole in via di estinzione, di un mondo quello del dialetto che merita attenzione e passione. Vi aspettiamo da lunedì a venerdì alle 8 e alle 12:30.

Il 2 aprile è la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo (World Autism Awareness Day), istituita nel 2007 dall’Assemblea generale dell’Onu. Per questa importante ricorrenza, che richiama l’attenzione di tutti sui diritti delle persone nello spettro autistico, l'associazione I Lari, nata nel 2015 dall’iniziativa di un gruppo di genitori allo scopo di aiutare tutte le famiglie di bambini e ragazzi neurodivergenti promuovendo la cultura della diversità, propone una settimana di iniziative ad Arco, Dro, Cavedine, Nago-Torbole e Riva del Garda. 

I disturbi dello spettro autistico sono un insieme eterogeneo di disturbi del neurosviluppo caratterizzati da compromissione qualitativa nelle aree dell’interazione sociale e della comunicazione, modelli ripetitivi e stereotipati di comportamento, interessi e attività. I sintomi e la loro severità possono manifestarsi in modo differente da persona a persona, conseguentemente i bisogni specifici e la necessità di sostegno sono variabili e possono mutare nel tempo. Per questo è fondamentale progettare interventi individualizzati e calibrati su bisogni specifici. In Italia si stima che un bambino su 77, nella fascia di età 7-9 anni, presenti un disturbo dello spettro autistico, con una prevalenza maggiore nei maschi, che sono colpiti 4,4 volte in più rispetto alle femmine (dati dell’Osservatorio nazionale sull’autismo).

Ad Arco in piazzale Segantini lunedì 1 e martedì 2 aprile l’associazione I Lari allestisce un banchetto di rappresentanza con Francesca Tricarico e Alice Vettore Carraro Civettini, con volantini, libri e i ferri di cavallo della ippoterapia

Sono inoltre in programma laboratori per bambini e presentazioni per adulti:

«Edoardo 4D» di Francesca Sarti, albo illustrato sulla storia di un bambino autistico - martedì 2 aprile, biblioteca di Dro, ore 18.

«Il piccolo coniglio bianco», laboratorio di scrittura per immagini per bambine e bambini, con Alice Vettore Carraro - martedì 2 aprile, biblioteca Arco, ore 17 e giovedì 4 aprile, punto informativo di Pietramurata, ore 16.30.

«Carlo alla scuola per draghi, trasformiamoci in piccoli sputafuoco», laboratorio di neuro divergenza con Francesca Tricarico - giovedì 4 aprile, biblioteca di Riva del Garda, ore 16.15 e sabato 6 aprile, biblioteca di Cavedine, ore 10.15.

Per la settimana dedicata all’autismo, l’associazione I Lari allestisce inoltre al municipio di Torbole un work in progress dell'opera collettiva «Atipica-Mente… le sfumature dello spettro» con fiori di ceramica realizzati dai ragazzi della scuola secondaria di primo grado «Nicolò d’Arco», dell’Upt e dell’Enaip.

Sabato 6 aprile, infine, a Padergnone ci sarà una fiaccolata con l’associazione Oasi Valle dei Laghi e letture di libri di empatia per la disabilità; inizio alle 20.15.

In tutti gli eventi sarà presente il nuovo numero del giornalino AtipicaMente. Per maggiori informazioni https://www.associazioneilari.it.

 

E' iniziata nei giorni scorsi e si concluderà il 13 aprile la 52esima edizione della Pasqua Musicale Arcense, il festival di musica classica e sacra eseguita nei luoghi più belli del territorio da formazioni di natura e di provenienza diversa: orchestre, ensemble e cori che propongono un'offerta variegata di programmi musicali. La direzione artistica è del maestro Peter Braschkat. L’ingresso a tutti i concerti è libero.

L’edizione 2024 amplia decisamente il programma e propone ben undici appuntamenti, in sedi diverse, di realtà locali e dell'Orchestra internazionale della Pasqua musicale arcense. Ospite d’eccezione, quest’anno, Nicola Ulivieri: il noto cantante lirico arcense, accompagnato dal Mo. Antonio Vicentini al pianoforte, si è esibito nel salone delle feste del Casinò municipale domenica 24 marzo (appuntamento in collaborazione con il Circolo di cultura La Palma).

Il cuore della manifestazione è costituito, come di consueto, dai due concerti di Pasqua: sabato 30 marzo con l’Orchestra sinfonica Milano Classica diretta dal Mo. Michele Brescia, al pianoforte Cristiano Burato, e domenica 31 marzo, giorno di Pasqua, con il coro e l’orchestra barocca Andrea Palladio diretta dal Mo. Enrico Zanovello, nella chiesa Collegiata. Di grande suggestione, come tradizione, la celebrazione ecumenica luterana e cattolica della Passione, venerdì 29 marzo nella chiesa evangelica della Santissima Trinità, officiata dal pastore dr. Christoph Meier e dal parroco don Francesco Scarin e l’accompagnamento musicale del Youtoo Brass Quintet.

a segnalare, nel programma, due appuntamenti speciali, entrambi all’auditorium di Palazzo dei Panni: il concerto del duo femminile Note Rosa, progetto di Monica Maranelli (pianoforte) e Priyanka Ravanelli (violino) di riscoperta di compositrici donne, mercoledì 27 marzo con introduzione di Marco Toniatti; e quello dell’Ensemble flautistico Il Conventello, in memoria di Monika Braschkat, giovedì 28 marzo.

Di seguito i prossimi appuntamenti:

Martedì 26 marzo: Chiesa di Santa Maria Addolorata, Bolognano, ore 20.45 - Smag, Scuola Musicale Alto Garda, e Conservatorio F. A. Bonporti - Archi di tempo e di spiritualità. 

Mercoledì 27 marzo: Auditorium di Palazzo dei Panni, Arco, ore 20.45 - Duo Note Rosa: Monica Maranelli (pianoforte) e Priyanka Ravanelli (violino) - Corde resonanti - Appuntamento speciale per la Pasqua Musicale Arcense. Introduce Marco Toniatti. 

Giovedì 28 marzo: Auditorium di Palazzo dei Panni, Arco, ore 20.45 - Ensemble flautistico Il Conventello - In concerto - Appuntamento speciale in memoria di Monika Braschkat. 

Venerdì 29 marzo: Chiesa evangelica della Santissima Trinità, Arco, ore 16 - Celebrazione ecumenica della Passione - Officiata dal pastore dr. Christoph Meier e dal parroco don Francesco Scarin - Accompagnamento musicale del Youtoo Brass Quintet - Celebrazione religiosa ecumenica, luterana e cattolica.

Sabato 30 marzo: Salone delle feste del Casinò municipale, Arco, ore 20.45 - Orchestra sinfonica Milano Classica - Concerto sinfonico - Pianoforte: Cristiano Burato. Direttore Michele Brescia. 

Domenica 31 marzo: Chiesa Collegiata, Arco, ore 20.45 - Coro e orchestra barocca Andrea Palladio - Concerto di Pasqua - direttore Enrico Zanovello.

Domenica 7 aprile: Salone delle feste del Casinò municipale, Arco, ore 17 - Orchestra di fisarmoniche Città di Arco - Concerto di primavera - direttore Stefano Pezzato, presenta Patrizia Pacchera. 

Sabato 13 aprile: Centro internazionale Via Pacis, Arco, ore 20.45 - Gruppo WAY, Music Worship School Via Pacis - Worship for Peace - progetto di Gigi Pepè, direzione artistica di Mariarita Cazzaniga.

La Pasqua Musicale Arcense è organizzata dal Comune di Arco in collaborazione con: Coordinamento teatrale trentino, Parrocchia di Arco e di Oltresarca, Parrocchia del Romarzollo, Comunità evangelica di Merano, Associazione Via Pacis, Arco, Circolo di cultura La Palma, Conservatorio F. A. Bonporti di Trento e Riva del Garda, Progetto Corde Resonanti, Smag, Scuola Musicale Alto Garda.

 

Questa sera, sabato 16 marzo alle 20:30, presso l'auditorium A. Celesti (via Carducci 6), andrà in scena “Identità di carta”, spettacolo di Itineraria Teatro per abbattere i pregiudizi e restare umani. L'evento è organizzato dall'associazione Il Cerchio. Ingresso libero.

Il Cerchio, Associazione di Desenzano per il Commercio Equo e Solidale, attiva sul territorio ormai da oltre 27 anni, invita a uno spettacolo teatrale su un tema attualissimo, affinché si rifletta e ci si interroghi su razzismo e condizione dei migranti, accoglienza e solidarietà. È il proposito di “Identità di carta” di Itineraria Teatro (teatro civile dal 1994), con Fabrizio De Giovanni e Gilberto Colla.

Sulla scelta dello spettacolo interviene Vincenzo Raimondi, presidente dell’associazione Il Cerchio di Desenzano del Garda: “Siamo un’associazione di volontari che si occupa di Commercio Equo e Solidale, principalmente tramite il negozio, che è naturalmente la nostra attività più visibile. La nostra finalità è promuovere la diffusione di un modello economico alternativo attraverso la vendita di prodotti equosolidali, ma anche attraverso iniziative di informazione, progetti con le scuole, incontri, conferenze o altre iniziative culturali volte alla sensibilizzazione sui temi della giustizia, dello sviluppo, dell’ambiente e della pace, a volte in collaborazione con altre associazioni del territorio". 

A gennaio, per esempio, Il Cerchio ha promosso, insieme ad alcune associazioni locali e ai volontari del gruppo di Brescia di Medici senza Frontiere, un incontro di approfondimento sulla Rotta Balcanica, con visione di un docufilm e l’intervento dei fondatori dell’associazione Linea d’ombra, che si occupa dell’accoglienza dei profughi a Trieste.

"Conoscevamo già Itineraria Teatro - continua Raimondi - che avevamo invitato a Desenzano alcuni anni fa per lo spettacolo ‘Finanza killer’, sul tema della crisi economica mondiale e della speculazione finanziaria. Tra i tanti temi trattati nei loro ultimi spettacoli, abbiamo pensato che quello di ‘Identità di carta’, sul razzismo e la condizione dei migranti, potesse aiutarci a proseguire nella riflessione iniziata con l’incontro sulla Rotta Balcanica”.

"Per sensibilizzare su questo tema, anche uno spettacolo teatrale - spiega Ercole Ongaro, co-autore del testo insieme a Fabrizio De Giovanni - può fare la sua parte, piccola o grande non importa: può aiutare a riflettere, a resistere contro la predicazione del rifiuto, dell'odio, dell'incomunicabilità; può comunicarci emozioni profonde che ci spingono a uscire dal cerchio dell'indifferenza e della rassegnazione; può non farci sentire soli e donarci energie nell'impegno per costruire una società in cui la dignità di ogni persona è il bene più prezioso. Difendendo la dignità degli altri difendiamo anche la nostra dignità, la nostra umanità. Quando è in gioco la nostra umanità, è in gioco tutto. Non possiamo rassegnarci a perdere, tanto meno disertare”.

Uno spettacolo può dunque aiutarci a conoscere, a riflettere, a liberare il tessuto del nostro immaginario dai virus del pregiudizio, dell'intolleranza, della chiusura identitaria: perché una società che si chiude in sé stessa, che cede alla paura delle differenze, è una società meno libera e meno democratica. Dovrebbe essere visto da tutti, dagli uomini di oggi come da quelli di domani, per avere la speranza che la società futura possa essere, se non migliore, almeno più tollerante di quella attuale.

Itineraria Teatro mette in scena da anni un teatro civile e di denuncia, un teatro di inchiesta che parla alla gente di problemi attuali, un teatro che dà più importanza al contenuto che al contenitore, che fa riflettere, suscita indignazione e sviluppa una coscienza critica nello spettatore. La compagnia fin dal 1994 si è distinta con spettacoli che hanno affrontato i più scottanti temi sociali: dalla condizione dell’infanzia nel mondo alla situazione palestinese, dall’analisi dei nostri stili di vita iper consumistici ai temi del diritto all’acqua, dell'alimentazione e della tutela dell’ambiente, del gioco d’azzardo, delle dipendenze e dell'abuso delle droghe tra i giovani.

 

Altri articoli...