Società

Sabato 2 luglio a Bione i Dj di Radio 51 danno appuntamento per una festa insieme al Ristorante Cà Rosada e al Zan Zan Cafè: cena dalle 19:30 e festa in giardino dalle 22:30.

 

Dopo un avvio d'estate con il botto, Leonardo Mazzari e Simone Comincioli animeranno il prossimo sabato sera dedicato ai giovani valsabbini e non solo. Il primo ha già preparato il dj set che accompagnerà la serata, il secondo sarà la voce sul palco: entrambi sono carichi e si aspettano di replicare il successo della festa di Barghe dei giorni scorsi. 

Il programma prevede la cena presso il ristorante Cà Rosada (via Conca d'Oro 11, Bione) con inizio alle 19:30. Il menù è a scelta, con tre alternative: galletto e patatine fritte, hamburger e patatine fritte, tagliata di pluma e patatine fritte, tutti a 15 euro, con incluse nel prezzo una bibita o una birra piccola e acqua. La cena va prenotata al numero 0365.897923.

Finita la cena, ci si sposterà nel giardino e comincerà la festa vera e propria affidata a Leonardo e Simone. Il party durerà finché ci sarà voglia di divertirsi. Partecipate numerosi!

(Nella foto, Leonardo e Simone, instancabili protagonisti di "Barghe a tutta... 2022")

Appuntamento da non perdere. Brunetto in Show…. presenta “Se Sa niènt de precìs!” organizzato dall'associazione amici della Fondazione Falck di Vobarno.

Lo spettacolo andrà in scena presso Parco Della Salute, Fondazione Falck. Per accedere allo spettacolo sarà obbligatorio indossare FFP2. Risate assicurate. Al termine è previsto anche un piccolo rinfresco. Lo spettacolo si tiene martedì 28 giugno alle ore 15.

 

 

Cara direttrice,

Scrivo questa lettera perché vi ascolto sempre a Radio 51, seguo il suo programma Primo piano con tanti ospiti. Penso che siate delle persone ragionevoli e non estremiste. Sono una impiegata in un ufficio della zona da 8 mesi in pensione. Ho ricevuto la mia liquidazione regolare e ho messo questi risparmi tramite la consulenza della mia banca in buoni dello stato in attesa di decidere un po' come fare. Mi è sembrato un buon consiglio quello che mi è stato dato e così ho fatto.

Oggi mi ritrovo con i miei risparmi praticamente dimezzati. Ho ricevuto delle bollette pazzesche e come tutti pago la benzina a prezzi esorbitanti. Sono così depressa perché erano un po' i risparmi della mia vita lavorativa. Ora io chiedo e penso di avere il diritto di sapere che cosa sta succedendo.

C'è stato il covid. Ora la guerra. Ma si può sapere dove andremo a finire? Scusi lo sfogo.

Io non ho capito molto di questa guerra. Ho capito però che i nostri governanti hanno preso delle decisioni per difendere delle persone deboli, ma voglio dire nella mia semplicità e ignoranza che queste decisioni hanno danneggiato soltanto noi. Morale della favola. Le persone in guerra continuano a morire, le distruzioni continuano a essere sempre più tante, noi siamo poveri, sempre più poveri. E chi doveva essere colpito dalle cosiddette sanzioni sta meglio di prima. Forse c'è qualcosa che non va. Mi piacerebbe cara direttrice che lei mi spiegasse un po' le cose.

Lettera firmata da Gavardo

 

Gentile lettrice

Le scrivo volentieri perché le sue domande sono le mie domande. Le sue domande sono le nostre domande. Ma sinceramente non ho una risposta. Sgombero subito il campo, non sono putiniana, non prendo soldi dalla Russia, né dall'Ucraina né dagli americani. Cerco semplicemente di far funzionare la mia capacità critica. Di guerre ne ho studiate un po'. Come lei non so dove andremo a finire. So solo che ad oggi, e lo dico con grande fermezza e decisione, il nostro impegno per far finire una guerra, caricandoci anche di importanti sacrifici non ha dato nessun risultato. Non abbiamo isolato nessun aggressore, semmai siamo stati isolati dal resto del mondo e sicuramente il danno alla nostra vita non ha fermato la guerra. Anzi. Temo davvero cose anche peggiori. Le nostra imprese fanno fatica, cominceremo a perdere posti di lavoro... Per cui come lei sono sgomenta è arrabbiata. Ma sinceramente non so cosa fare. Non ho risposte da dare a lei e nemmeno a me stessa. Siccome sono credente, in questo momento cerco di affidarmi alla Provvidenza. Quella di lassù perché quella degli uomini è veramente un fallimento.

Sinceramente

Maria Paola Pasini

 

foto della Prima guerra mondiale

 

Sae sempre più sostenibile. 37,6 mila tonnellate di rifiuti smaltiti, ma anche 6,5 milioni di kWh green prodotti da impianti fotovoltaici ed un Utile prima delle imposte in crescita del 24,5% rispetto all'anno precedente.

“Consulenza e affiancamento ai Comuni per i temi dell'ambiente e dell'energia, due aree particolarmente delicate soprattutto in questi ultimi anni, ma anche servizi resi in maniera sempre più celere e precisa per poter avere un territorio pulito e all'avanguardia anche grazie allo smaltimento differenziato dei rifiuti: sono queste le prerogative che hanno contraddistinto SAE nell'ultimo anno e che ne fanno un gioiellino in fatto di servizi pubblici in favore del territorio e per la quale andiamo oggettivamente orgogliosi” dichiara Giovanmaria Flocchini, Presidente della Comunità Montana di Valle Sabbia, mentre gli fa eco Valter Paoli, l'Amministratore Unico, che precisa: “Nell'anno trascorso abbiamo condiviso la nostra sede operativa con il centro di vaccinazione d'emergenza dell'ATS, ospitando gratuitamente la struttura in nome del servizio al territorio che ci ispira, tuttavia tutto ciò non ci ha impedito di efficientare ulteriormente i nostri servizi caratteristici, intraprendendo inoltre il percorso per l'ottenimento delle certificazioni ISO per la Società e le prestazioni che propone. Al di là dei buoni numeri di Bilancio, con un Patrimonio netto che migliora e si attesta a circa 4,5 milioni di euro, il vero e autentico obiettivo finale di SAE non è conseguire il maggior utile economico, ma quello di rendere alle comunità i migliori servizi alle condizioni più vantaggiose: non per nulla nel corso dell'anno i costi previsti, rispetto a quello precedente, sono stati mantenuti sostanzialmente inalterati per un valore di € 98,43 (costo per abitante) e sono più bassi sia della media della Provincia di Brescia (€ 101, 75 per l’anno 2019) che della Lombardia (€ 139,86 per l’anno 2019). E guardiamo al futuro applicando le direttive dell’Authority mettendo a disposizione dei cittadini nuovi Numeri Verdi gratuiti anche per le emergenze”.

Quelli sopra indicati sono pochi, ma significativi, numeri che sintetizzano un intero anno di lavoro, il 2021, prodotto dai 51 dipendenti per la Società Ambiente Energia Valle Sabbia Srl che ha affrontato l'emergenza Covid19 nel settore Ambiente-Area Rifiuti con una particolare sensibilità visto l'ampio territorio (26 Comuni soci valsabbini oltre a quello, anch'esso socio, di Rezzato) e le molteplici prestazioni offerte, fra le quali: raccolte a domicilio dell'indifferenziata e dell'organico, raccolte dei cassonetti e del porta-a-porta, del verde; gestione delle piattaforme ecologiche; spazzamento di strade e parcheggi, ma anche raccolta dei RAEE e dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi) e dei rifiuti in forma differenziata realizzate da mercati, sagre, spettacoli viaggianti e manifestazioni.

Il 2021 è stato per un esercizio molto impegnativo per la società presieduta da Valter Paoli che è cresciuta anche nel volume d'affari passando da 7,2 a 9,02 milioni di euro con un miglioramento percentuale del 25% ed un utile netto, dopo le imposte, di € 176.803 in evidente crescita rispetto ai 141 mila dell'esercizio precedente. 

Per quanto attiene, invece, all'altro ramo dell'azienda che ha sede operativa a Vobarno, l'area Energia, nel corso dell'anno concluso la SAE ha gestito e monitorato l'impianto di Gusciana Terra e degli altri 18 di proprietà della Comunità Montana producendo 6,467 milioni di kWh di energia pulita, ma ha svolto anche attività come ESC (Energy Service Company) per i comuni per i quali, ad esempio ha riqualificato energeticamente la scuola elementare di Casto, efficientato l'impianto termico della scuola media di Vestone, del municipio di Bione e della biblioteca comunale di Pertica Alta.

 

 

Un vero e proprio piano locale di contrasto del gioco d’azzardo patologico (GAP). Il progetto si chiama “non t'azzardare” ed è sostenuto tra gli altri enti anche dalla comunità montana di Valle sabbia percorsa da un ludobus.

L'appuntamento è per Vobarno il 29 giugno dalle 15 alle 17:30 in piazza Marina Corradini. Un'occasione da non perdere, pratica e simbolica per far fronte ad un fenomeno purtroppo molto diffuso anche dalle nostre parti: il gioco patologico. Il ludobus invece ti aspetta. Per svago, sano divertimento e la riscoperta dei giochi in legno. Nessun limite di età, il gioco è per tutti, per stare insieme.

 

 

Un'occasione per divertirsi e stare insieme. E' proposta a Manerba del Garda dall'associazione eventi italiani, in collaborazione con il comune e l'associazione al commercio.

Domenica 19 giugno presso la spiaggia Romantica è in programma il primo trofeo Valtenesi lumache. Alle 16:00 tutti in spiaggia per una gara di lumache aperta a tutti i bambini. Vi aspettiamo numerosi, dicono gli organizzatori. Per informazioni è disponibile un numero telefonico 3489312968

 

 

Lago d’Idro giù di un metro. L’Eridio si abbasserà di un metro: verranno così rilasciati milioni di metri cubi di acqua destinati dell'agricoltura. Ma il lago resterà in secca. Una tragedia per il turismo che ha visto l’opposizione dello stesso sindaco Aldo Armani che ha scritto al Ministro Cingolani “per difendere il territorio” da questo attacco. Con il prelievi scatterà anche il divieto di navigazione e ci saranno gravi danni al turismo, all’intero ecosistema.

Lo "scarico" delle acque dell'Eridio verrà programmato fino al 10 luglio, fino all'abbassamento del livello di circa un metro: si arriverà alla quota di 366 metri sul livello del mare, che la quota minima consentita per permettere il naturale "deflusso vitale" del lago. Insomma l’agricoltura batte ambiente e turismo. Staremo a vedere.

 

 

La festa della birra di Barghe nello scorso weekend si è rivelata uno straordinario catalizzatore di giovani, il primo grande successo di pubblico in valle dopo le restrizioni dovute alla pandemia.

 

Radio 51 e i suoi dj hanno condotto le serate animando i presenti con energia ed entusiasmo, trasmettendo voglia di divertirsi e spensieratezza nelle due serate di venerdì 17 e sabato 18 giugno. Una delle feste estive più amate dal popolo del divertimento è tornata a pieno ritmo dopo l'interruzione forzata dovuta alla pandemia: all'appuntamento hanno risposto in motissimi, come si vede dalle foto.

Dj instancabili, Leonardo Mazzari e Simone Comincioli hanno risvegliato gli animi con mix di musica, giochi, animazione, balli, divertimento, per una serata che molti ricorderanno in questo inizio di estate 2022. Non servono altri commenti, basta guardare le immagini.

Un grazie particolare e vivissimo va ai volontari dell'associazione Lic Barghe che si sono spesi con grande generosità per la riuscita dell'evento, credendoci fin dall'inizio, senza farsi coraggiare dalle difficoltà.

Domenica 19 giugno la Co.Ge.S.S. in collaborazione con il CAI di Gavardo propone una escursione ai Piani di Lo, in territorio di Bione. Gratuita e adatta a tutti, va prenotata entro giovedì 16 giugno.

 

Si terrà domenica 19 giugno la gita organizzata dalla Cooperativa Sociale Co.Ge.S.S. in collaborazione con il CAI di Gavardo ai Piani di Lo di Bione, aperta a tutte le famiglie con pranzo al sacco. La partenza è prevista per le 9.30 in Via Avis a Bione, nell’ampio parcheggio presso il campo sportivo adiacente alla Chiesa di S. Maria Assunta. Lungo tutto il percorso i volontari del CAI saranno disponibili per accompagnare persone con disabilità grazie alle loro Joelette attrezzate (su prenotazione).

Sarà un’occasione per ritrovarsi e stare insieme in un ambiente naturale di tutto rispetto: i piani di Lo sono infatti un grande giardino incastonato tra boschi e sentieri, non troppo difficili da raggiungere, per un percorso accessibile pensato per grandi e piccini, con un pranzo al sacco in compagnia.

La prenotazione è obbligatoria al 347.6224975, entro giovedì 16 giugno. Per avere tutte le informazioni sull’evento, basta consultare la sezione “eventi” del sito www.coopcogess.org o visitare i social della Cooperativa. La proposta fa parte degli eventi inclusivi della rassegna “Il Filo del di…scorso” che si susseguiranno per tutta l’estate nelle sedi della Cooperativa Co.Ge.S.S. tra musica, teatro, trekking, camminate e degustazioni.

L'istituto bancario della Valle Sabbia ha donato 8.000 euro a sostegno del Gruppo Cinofili Leonessa Protezione Civile di Brescia nell'ambito della campagna Ace for the Cure 2021-2022.

La campagna muove dai risultati positivi delle atlete del volley: grazie agli 80 ace casalinghi realizzati dalle atlete della Banca Valsabbina Millenium Brescia, l’istituto ha donato 8mila euro per sostenere il Gruppo Cinofili Leonessa Protezione Civile di Brescia, consentendo in particolare di coprire le spese vive necessarie allo svolgimento delle attività dei volontari. 

Alla cerimonia di consegna erano presenti Ruggero Valli, responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione di Banca Valsabbina, alcuni volontari del Gruppo Cinofili Leonessa con Giuseppe Spalenza, una delegazione della società Volley Millenium con Lucrezia ed Emanuele Catania, rispettivamente DG Settore Giovanile e DG Prima Squadra.

 

Paolo Artelio, presidente di Garda Unico, agenzia per la promozione del lago di Garda, è intervenuto ieri al convegno "La ciclovia del Garda, un progetto interregionale unitario", tenutosi a Valeggio sul Mincio. Riportiamo il suo contributo.

 

Quello di cui parliamo oggi è uno dei progetti più ambiziosi per il futuro del nostro lago. Sono molti anni che parliamo di Ciclovia del Garda, Anello Ciclabile, Garda By Bike… progetti che si accumulano ed incrociano in un dedalo di difficoltà burocratiche, tecniche e procedurali. Oggi il segnale che diamo con questo incontro, per cui ringrazio la Comunità del Garda e tutte le autorità presenti, è quello di un territorio unito, di enti locali e istituzioni che guardano nella stessa direzione, lavorando per raggiungere il risultato tanto auspicato: quello di avere finalmente una pista che consenta di percorrere in bicicletta e in tutta sicurezza, senza interruzioni, le riviere del Benaco, da sponda a sponda. Più di 160 chilometri di tracciato in quello che è considerato uno dei paesaggi più apprezzati d’Europa e, sicuramente, in una delle destinazioni internazionali di maggiore successo!

Quanto è importante questa infrastruttura? Nessuno può dirlo meglio di noi di Garda Unico… È fondamentale! Lo confermano in primis le migliaia di mail di richiesta di informazioni che piovono ogni anno nei nostri uffici da tutto il mondo per sapere se l’anello ciclabile è già completo e percorribile. Sono formulate da persone attirate anche dalla risonanza internazionale che ha avuto e continua ad avere il tratto di passerella a sbalzo di Limone sul Garda, che già ha entusiasmato milioni di visitatori per spettacolarità e bellezza. Alle richieste che giungono, per ora possiamo rispondere solamente fornendo indicazioni sui singoli tratti di percorso disponibili e lanciando il suggerimento di abbinare la bicicletta con il servizio pubblico di navigazione di Navigarda, nell’ottica green e di mobilità sostenibile del nostro progetto Garda By Bike. 

Ma il mondo corre in fretta e le destinazioni turistiche che rappresentano i principali competitor del Garda dispongono già di reti ciclabili complete e degne di questo nome. Il nostro lago non può essere da meno!. L’orografia delle coste, la delicatezza dei luoghi, il capitolo dei costi sono problemi che assieme siamo in grado di superare, coniugando l’esigenza della tutela ambientale con quella dello sviluppo sostenibile del territorio. In questa partita posso garantire fin d’ora che Garda Unico svolgerà fino in fondo il proprio ruolo di soggetto a cui compete la promozione unitaria del Garda, pubblicizzando in Italia ed all’estero quella che sicuramente sarà una nuova e fondamentale attrattiva del Benaco.

Esistono importanti motivazioni per auspicare che ciò possa avvenire in tempi brevi. Eccone alcune:

- il turista “bike” internazionale si colloca in un livello medio-alto delle capacità di spesa giornaliera in vacanza e rientra dunque perfettamente nel target di un sistema turistico come il nostro, che deve investire più sulla qualità che sulla quantità”;

- grazie al fenomeno E-Bike, il pubblico degli appassionati non è più confinato in nicchie ristrette di sportivi ed amatori evoluti, ma riguarda fasce di pubblico molto ampie, come le famiglie e i seniores, ovvero le categorie più appetibili per il nostro sistema di incoming;

- la stagionalità del cicloturismo si sviluppa su un periodo di almeno 9 mesi all’anno, con picchi in primavera ed autunno. Tutto ciò determina un grande beneficio in termini di occupazione delle strutture in quella che in passato veniva definita “bassa stagione”;

- laddove cresce il movimento dei bikers (penso a località come il nostro Garda Trentino, che da anni ha indicato la giusta direzione) le due ruote a pedali hanno generato una filiera di grande valore, con formidabili ricadute in termini occupazionali ed economici in tutto l’indotto;

- infine, ma non da ultimo, la mobilità locale in bicicletta non può che rappresentare un importante alleggerimento del traffico automobilistico sulle nostre arterie viarie. Più bici vuol dire anche meno stress sulle strade e meno inquinamento per turisti e residenti.

Mi fermo qui per non occupare troppo spazio, ma ribadendo il concetto fondamentale del fare squadra, per realizzare la Ciclovia del Garda e per sostenere il pilastro della nostra economia: il turismo del lago di Garda.

 

Una serata ricca di contenuti dal titolo “Educate a pensare”, dove presente passato e futuro si intrecceranno nei vari momenti.

Abbiamo raccolto le testimonianze video di molte Premiate Primavera: quali i progressi  fatti da quando sono state sul nostro palco e quali gli obiettivi ancora da raggiungere? 

"Città delle Donne” è un appuntamento annuale all’interno del quale rincontriamo  alcune delle nostre premiate “She Made a Difference”. Prenderemo spunto dai principali avvenimenti dell’anno e ci confronteremo sulle nuove sfide da affrontare. Quest’anno in presenza nella tavola rotonda saranno con noi:

- Paola Artioli, presidente ASONEXT S.p.A  (premiata She Made a Difference nel 2013)
- Graziella Bragaglio, amministratore delegato del Poliambulatorio Oberdan  (premiata She Made a Difference nel 2018)
- Serena Bonomi, design strategist & circular economy innovator (premiata Primavera 2016)
Modera Lucilla Rizzini (Founder Ellecubica - Intercultural Consultat & Coach per le imprese)

Il tema centrale proposto durante la serata sarà l’importanza della formazione permanente, lo tratteremo parlando ma non solo…
Avremo infatti il piacere di assistere ad una performance che mette a confronto il metodo pedagogico Montessoriano con quello delle sorelle Agazzi, pedagogiste e educatrici bresciane di grande importanza. Lo spettacolo si strutturerà sulla base di un dialogo scritto ad hoc per EWMD Brescia da Silvano Sbarbati, autore marchigiano e verrà interpretato da Laura Bressi, socia EWMD, e Laura Maria Chiarini (oltre a ricoprire posizioni apicali, coltivano le loro passioni frequentando da anni corsi di improvvisazione teatrale). 

Segue la cena estiva dell’associazione, suddivisa in tavoli tematici. Sarà un’occasione per tornare a incontrarci in presenza, riallacciare le nostre relazioni, scambiarci pareri.

La partecipazione è estesa a tutti, sia socie che simpatizzanti che vogliono scoprire ed entrare nel mondo EWMD Brescia. 

L'evento si terrà il 23 Giugno, alle ore 19:00 presso Atena Restaurant (Via Codignole 52, Brescia). Si consiglia di arrivare 15 minuti in anticipo per poter iniziare i lavori in orario.

Il costo della serata per le socie sarà 35€, mentre per le nostre ospiti simpatizzanti 45€. Acquista il tuo biglietto a questo link entro il 16 giugno!

 

 

 

Altri articoli...